Blue Whale Challenge: cos’è il gioco che sta uccidendo molti ragazzi

Blue Whale Challenge, l’ultima follia che corre sul web. Stanley Kubrick, il genio del Cinema americano ci aveva visto lungo. Con Arancia meccanica, del 1971, aveva previsto un futuro nel quale i giovani fossero paranoici ed annoiati, al punto da scatenare il proprio malessere violentemente contro gli altri. Mentre la società sembrava chiusa in una campana di vetro, bacchettona e narcisista, ma al contempo incapace di rimettere i giovani sulla buona strada. Quello che però Arancia meccanica non ha previsto è l’autolesionismo incalzante tra i giovani ormai da anni. L’età media dei casi di suicidio si sta abbassando, coinvolgendo sempre più minorenni incapaci di affrontare le difficoltà del quotidiano, scegliendo il gesto estremo come unica soluzione più semplice e risolutiva possibile. La loro debolezza emotiva va ricercata nella perdita di punti di riferimento, valori in cui credere, rifugi su cui contare (in primis la famiglia, dissoltasi a colpi di convivenze e divorzi).

Il web ha poi fatto il resto, facendo propagare velocemente ogni cattiva abitudine. Trasformandola pericolosamente in moda da emulare. Ultima in ordine di tempo il Blue Whale Challenge appunto. Vediamo cos’è questa pericolosa moda tra i giovani che sta spingendo in molti al suicidio.

Cosa significa Blue Whale Challenge

blue whale challengeCome riporta Scuola zoo, Blue Whale Challenge prende il suo nome da una macabra abitudine delle balenottere azzurre (Blue Whale appunto) le quali, ad un certo punto della loro vita, senza apparente motivo (o almeno non ancora spiegato dagli ornitologi), si spiaggiano e si lasciano morire. Un apparente suicidio quindi, spesso anche di massa. L’unica spiegazione che viene data dagli studiosi è che questo tipo di morte sviene scelto dagli esemplari di cetacei che si sono persi, che non riescono a tornare nel gruppo. Dunque preferiscono farla finita. Proprio come quegli adolescenti che sebbene abbiano tutta la vita davanti come voi, si sentono lontani, diversi, isolati. E non sanno come uscirne. Challenge invece sta appunto per sfida, poiché ogni giovane che accetta di prestarsi al Blue Whale Challenge la accetta e in automatico lancia la sfida ad altri. Per una catena dell’assurdo.

Come è nato il Blue Whale Challege

Il Blue Whale probabilmente è nato, almeno questa è la leggenda che si sta trapassando sul web, dal suicidio di Rina Palenkova che su VKontakte, un social molto famoso in Russia, ha documentato il suo suicidio a soli 16 anni con foto e video. Da questo gesto è nato un gruppo denominato “F57” e pare fosse un contenitore di informazioni inquietanti e testimonianze di persone con tendenze suicide. Correva l’anno 2015 e, da quel momento in Russia l’ondata di strani suicidi non si è più fermata: almeno 1500 ragazzi ogni anno si levano la vita.

Il primo caso “riconosciuto” di morte per Blue Whale

Quando abbiamo parlato per la prima volta di Blue Whale? Siamo nel 2016 e un articolo sul Novayata Gazeta punta il dito verso decine di suicidi misteriosi compiuti da decine di ragazzi nell’arco di sei mesi. La vicenda ha rapidamente fatto il giro del web suscitando l’interesse morboso di altri ragazzi di tutto il mondo che avrebbero iniziato a cercare informazioni sul come aderire al gruppo per partecipare alla Blue Whale.

In cosa consiste il Blue Whale

Per iniziarsi al Blue Whale, come riporta Il fatto quotidiano bisogna entrare in determinati forum o gruppi social e scrivere un messaggio con l’hashtag #f57. Da un momento all’altro l’utente sarà messo in contatto da parte di un “master” che, usando informazioni personali dell’adolescente, e minacciando di spifferarle ai familiari, sottoporrebbe il giovane a 50 prove per 50 giorni consecutivi. Prove che vanno dall’autoinfliggersi ferite e tatuarsi disegni a forma di balena sulla carne viva (il simbolo del Blue Whale) a vedere film horror e ascoltare urla e suoni sinistri. Ultima tappa è il suicidio dall’ultimo piano di altissimi edifici.

Altri fenomeni macabri del web

A riportare in auge questo macabro fenomeno del web è stata una puntata de Le Iene. Altri fenomeni simili che in questi anni hanno destato scalpore sono stati il Chocking game, l’Eyeballing, il Knockout game (dare pugni ai passanti) e l’ultimissimo Daredevil selfie (scattarsi dei selfie in situazioni pericolosissime, che pure sta provocando molte morti, anche in Italia).

Lascia un commento

*