Carlo Taormina: chi è l’avvocato che ha difeso molti imputati scomodi

HA ASSUNTO LA DIFESA DI MOLTI IMPUTATI IMPOPOLARI, ULTIMO “ER BATMAN”
Potremmo chiamarlo in modo affettuoso “Avvocato del Diavolo”. Nella sua carriera, infatti, l’avvocato Carlo Taormina ha assunto la difesa di molti imputati impopolari, in posizioni scomode e quasi indifendibili. L’ultimo personaggio di cui ha assunto la difesa è L’ex capogruppo del Pdl alla Regione Lazio, Franco Fiorito, conosciuto anche come Er Batman, arrestato e indagato per le ormai tristemente spese pazze fatte con i soldi pubblici del partito. Ecco di seguito un elenco di imputati scomodi difesi dall’avvocato Carlo Taormina.

I “DIAVOLI” DIFESI DA CARLO TAORMINA– Romano, 72 anni, Carlo Taormina ha conseguito la Laurea in Giurisprudenza all’Università “La Sapienza” di Roma: diviene dapprima avvocato e, in seguito, magistrato; poi decide di dedicarsi di nuovo alla professione forense.
Come avvocato ha seguito casi delicati e molto noti all’opinione pubblica, quali
– la strage di Ustica, in cui ha difeso gli ufficiali e i sottufficiali accusati di aver nascosto elementi utili a stabilire le cause dell’incidente;
– l’eccidio delle Fosse Ardeatine (fu difensore dell’ex capitano delle SS Erich Priebke),
– l’omicidio Marta Russo,
– il delitto di Cogne (sostituì il professor Carlo Federico Grosso nella difesa di Annamaria Franzoni; è stato a sua volta sostituito dall’avvocato Paola Savio),
– l’omicidio a Baghdad dell’agente del Sismi Nicola Calipari come difensore di Gianluca Preite.
– alcuni imputati di Tangentopoli (Craxi, Muccioli, Andreotti, ecc.),
– il boss della Sacra corona unita Francesco Prudentino,
– il neofascista Franco Freda nel processo per la dissoluzione del movimento Fronte Nazionale,
– i comuni di Ciampino e Marino nel procedimento contro il Governo per la riduzione dei voli all’Aeroporto di Roma-Ciampino,
– Mario Placanica, accusato dell’omicidio di Carlo Giuliani durante il G8 di Genova del 2001.
CARLO TAORMINA HA PERO’ DIFESO ANCHE DEGLI ANGELI
– I bambini di Rignano Flaminio per sospetti casi di pedofilia;
– Maria Pia Maoloni, la mamma delle due bimbe italo-belghe contese per sospetti abusi sessuali da parte del padre e del nonno paterno.
LA CARRIERA POLITICA DI CARLO TAORMINA – Nella XIV Legislatura (2001-2006) è deputato nelle file di Forza Italia con il ruolo di vice capogruppo del partito alla Camera, eletto nel collegio 29 (Melzo) della circoscrizione III (Lombardia 1) attraverso la lista civetta “Abolizione Scorporo”. Taormina è stato brevemente sottosegretario al Ministero dell’Interno nel Governo Berlusconi II: da tale incarico si dimise dopo solo sei mesi (il 5 dicembre 2001).
Sul periodo da deputato, sottosegretario e avvocato di Berlusconi ha in seguito dichiarato: «molte cose che ho fatto in quel periodo non le rifarei più. Non ho imbarazzo a dire che ho vissuto una crisi morale, culminata quando ho visto come si stava strutturando l’entourage più ristretto del Cavaliere». In particolare si riferiva al fatto che fu l’estensore del testo originale della legge ad personam sul legittimo sospetto (poi Legge Cirami). Qualche anno dopo dichiarò: «Ho lavorato per anni per Berlusconi, conosco le sue strategie. Quando ero il suo consulente legale e mi chiedeva di scrivergli delle leggi che lo proteggessero dai magistrati, non faceva certo mistero del loro scopo ad personam. E io gliele scrivevo anche meglio di quanto facciano adesso Ghedini e Pecorella. Quella sulla legittima suspicione, mi pare fossimo nel 2002, gli serviva per spostare i suoi processi da Milano a Roma ».
Lui che ha difeso tanti piccoli diavoli, ha rinnegato il Lucifero per eccellenza.
(Fonte: Wikipedia)

0 commenti su “Carlo Taormina: chi è l’avvocato che ha difeso molti imputati scomodi

Lascia un commento

*