Cosa fare se un Pit-bull ci azzanna

Di tanto in tanto la cronaca ci restituisce qualche notizia di cani che aggrediscono persone, in genere bambini, passanti, persone comunque per loro estranee. Ma ci sono anche casi in cui i cani abbiano aggredito i padroni stessi, magari anche dopo anni e anni di convivenza. Il che, in genere, dipende da come vengono allevati o dalla razza. Alcune delle quali istintivamente aggressive. Uno dei casni più aggressivi per antonomasia è il Pit-bull, soprattutto se appositamente addestrato per essere tale. Cosa bisogna fare se un Pitbull ci aggredisce? Ecco una soluzione, un po’ insolita, ma efficace.

Come comportarsi se un Pit-bull ci aggredisce

Bandog un tipo di pit-bull

Un esemplare di Bandog

Come riporta Libero, nella cittadina di Palmerston North, a Nord della Nuova Zelanda, l’aggressione di un Pit-bull incrociato con un mastino napoletano (che si chiama Banddog) a un uomo è finita in modo diverso ma anche singolare. Grazie all’intervento di un passante che per placare la bestia infuriata ha usato un metodo quantomeno inusuale. Con coraggio e totale assenza di schifo, l’uomo ha deciso di infilare come ultimo tentativo estremo un dito nel retto del cane. Il quale aveva avvinghiato il polpaccio del povero malcapitato, certo Philip McLean, scatenando tutta la sua foga. Non si sa se per lo stupore o il dolore, fatto sta che la bestia ha mollato la morsa.

La padrona del Pit-bull ha avuto una multa di 2mila dollari, mentre il Pit-bull, che si chiamava Bera (in neozelandese Orso) è stato soppresso. Il metodo del dito nell’ano, se si trova il coraggio, può in effetti risultare molto efficace. Del resto, anche colpire il cane con un bastone potrebbe risultare inutile. Anzi, potrebbe aumentare l’aggressione del Pit-bull. Inoltre, perchè farlo? Con il metodo suddetto, pur avendo un bel pò di coraggio non c’è che dire, si eviterebbe anche di fargli del male. Del resto, salvo alcune razze canili particolari che sono tendenzialmente aggressive di natura, l’aggressività dei cani è sempre frutto di come sono stati allevati.

Lascia un commento

*