Cosa si nasconde dietro la benevolenza della Germania con i profughi: lavoro pagato 1 euro l’ora

IL GIORNALE BLOOMBERG RACCONTA LA STORIA DI UN SIRIANO 26ENNE, CHE NEL SUO PAESE ERA AVVOCATO
D’altronde, mercoledì scorso il Presidente della Bundesbank Weidmann aveva dichiarato: “la Germania ha bisogno di lavoro aggiuntivo per mantenere il suo tenore di vita.” Parole che ben sintetizzano il sorprendente spirito umanitario della Merkel nelle ultime settimane. Certo, i tedeschi hanno vissuto sulla propria pelle drammi e divisioni negli ultimi sessant’anni. Prima la seconda guerra mondiale, che la rase al suolo come tanti altri Paesi del mondo. Poi il muro che la divise in quattro parti. La stessa Merkel proviene dalla Germania est, più povera e arretrata di quella occidentale. Ma la benevolenza in favore dei profughi del governo cristianodemocratico, così rigido con i coinquilini europei, è puzzato dal primo istante. Infatti, arriva puntuale una storia raccontata dal portale finanziario Bloomberg, di sfruttamento e prevaricazione.

LA STORIA DI AL-ASADI – Anas Al-Asadi è  uno dei primi siriani che ha raggiunto la Germania. Dopo un paio di giorni nella più grande economia europea, questo rifugiato ha già un lavoro in un centro comunitario per giovani di proprietà comunale della città di Pfungstadt, vicino a Francoforte. Il suo stipendio è di 1 euro l’ora in cambio dell’esecuzione di alcune operazioni di base per aiutare i dirigenti del centro comunale.
Al-Asadi era un avvocato in Siria, ha 26 anni, qualificato e disposto a lavorare: “Il lavoro svolto non è una sfida per una persona che era un avvocato nel suo paese, e dicendola tutta, non è ben pagato”, ha riportato il portale statunitense.
Questa è la dura realtà, ma la verità è che questo lavoro può essere solo temporaneo per Al-Asadi. Secondo fonti tedesche, questi primi rifugiati non hanno ancora i permessi per lavorare in una società privata con un contratto legale. C’è da notare che in Germania il salario minimo legale per tutti i lavoratori (qualunque sia la loro nazionalità) è di 8,5 euro all’ora.
“Sono seduto qui, dormo qui, come in questo caso, non molto tempo fa, ho deciso di chiedere se potevo fare qualcosa.” Il programma è in corso in questa piccola città, in Germania, e prevede l’assunzione di 15 persone, scatenando la curiosità di altre città tedesche che ospitano i profughi e si aspettano l’arrivo di molti altri. Ogni Stato ha la sua ‘Mafia capitale’.

Un commento su “Cosa si nasconde dietro la benevolenza della Germania con i profughi: lavoro pagato 1 euro l’ora

Lascia un commento

*