Per Darwin donna inferiore a uomo: ecco le sue ragioni

Charles Darwin è passato alla storia per aver ideato la teoria dell’evoluzione. Secondo la quale deriveremmo dalle scimmie. Anche se a tanti il suo nome rievoca il programma volgare condotto da anni da Paolo Bonolis su Canale 5. Eppure, se l’uomo deriva dalla scimmia, per Darwin la donna deriverebbe dalla gallina. O quasi. Almeno se si legge cosa pensa di lei e del suo intelletto. Roba che farebbe svenire Laura Boldrini. Ecco cosa dice.

Le idee sessiste di Darwin

charles darwin

Come riporta Il Giornale, le teorie sessiste di Darwin sono contenute nel libro The Descent of Man, il sequel datato 1871 de L’origine delle specie. «Il potere mentale medio dell’uomo è superiore a quello delle donne». Si dirà, è questione di educazione, di opportunità intellettuali. Macché, replica Darwin, «l’attuale diseguaglianza delle qualità mentali tra i sessi non potrebbe essere annientata da una eguale educazione». Sì. Darwin era sessista. Sposato a una donna di raffinata intelligenza, Emma Wegwood, che gli diede otto figli e gli permise di girare il globo, Darwin riteneva che le femmine stessero bene lì dove stavano, a cucinare e far bebè.

L’epistolario Darwin and Women (Cambridge University Press, pagg. 298, sterline 29.99), che s’inserisce nel ciclopico «Darwin Correspondence Project» (www.darwinproject.ac.uk), creato dall’università inglese con l’idea di mettere a disposizione l’intero epistolario (15mila fogli) dello scienziato entro il 2022 siano strabenedetti i cittadini di sua Maestà: perché da noi non accadono cose simili con le lettere di Manzoni, di Leopardi, di Verga… ha l’evidente intenzione di riabilitare Darwin. Lo ammette la curatrice del tomo, Samantha Evans: «A leggere come lo scienziato si rivolge alle donne che gli scrivono, pare incredibile che non le considerasse sufficientemente forti o intelligenti». Darwin si scambia una quindicina di lettere con Mary Treat, una entomologa americana, dialoga con Lydia Backer, biologa per diletto e femminista convinta, stimola Arabella Buckley a occuparsi di scienza.

Le donne lavoratrici distruggerebbero la famiglia

charles darwin

Quando Caroline Augusta Kennard, imprenditrice di Boston, antischiavista e emancipata, gli chiede di spiegare meglio le sue teorie sessiste, lo scienziato non retrocede di un passo. «Se le donne sono generalmente superiori all’uomo per qualità morali, sono inferiori riguardo all’intelletto; e mi pare molto difficile, per le leggi dell’ereditarietà, che esse possano eguagliare l’intelletto dell’uomo». L’unica speranza per le donne di smussare la connaturata inferiorità sarebbe lavorare. Ma questo scombinerebbe «l’educazione dei nostri figli, la felicità delle nostre case». Insomma, per lo scienziato le donne sono l’architrave della società. Basta che stiano a casa a badare ai pupi.

Quanto di sbagliato c’è in quest’ultima analisi? E’ un dato storico che l’emancipazione femminile abbia comportato la crisi dell’istituzione Famiglia. Ma ogni cosa ha un suo prezzo. E questo è quello da pagare per la parità dei sessi.

Precedente Meglio gelato in cono o coppetta? Ecco quando scegliere uno o l’altro Successivo Il piccolo Charlie Gard è morto: quando la Giustizia decide vita o morte di una persona

Lascia un commento

*