G7 a Taormina: un ritrovo di nobili decaduti con locandina che offende italiani

Un Governo in carica ha l’obbligo di adeguarsi alle tecnologie: App, Social, siti web. Deve sapersi adeguare ai nuovi modi di comunicare. Ma spesso le gaffe sono dietro l’angolo. L’ultima, più che una gaffe, è l’utilizzo di uno stereotipo vecchio, legato agli anni ’50. E chissà pure quanto è stato speso per realizzare tale campagna promozionale. L’errore in questione, che ha già scatenato l’ironia e l’ira sui Social, riguarda la locandina che appare (o almeno avrebbe dovuto) sulla app del governo mediante la quale i giornalisti, gran parte dei quali saranno stranieri, possono accreditarsi al G7 che si terrà a Taormina il 26 e 27 maggio. Già, il G7, meeting nato nel 1975 delle sette superpotenze del Mondo. Peccato che siano quasi tutte finite in rovina. Vediamo i due aspetti.

G7 a Taormina: che senso ha più?

g7 paesiIl prossimo G7, come detto, si terrà a Taormina i prossimi 26 e 27 maggio. Mica fessi questi “grandi” o presunti tali, nel scegliersi la splendida cornice siciliana di Taormina per il loro inutile incontro. Basta vedere chi sono i membri del G7 per capire che ormai somiglia più a un raduno di nobili decaduti, magari marchesi o conti rimasti in mutande che si rivedono per una partita di briscola. Giocandosi pochi euro, mentre prima puntavano terreni e palazzi. D’altronde, il G7 è nato nel 1975, quando la crisi industriale era solo alle porte; la Cina era definibile ancora comunista; il Brasile era ancora famoso solo per spiagge, il culo delle donne e Pelè; l’India era considerata ancora “quarto mondo”. I componenti del G7 erano e sono tutt’oggi Usa, Canada, Gran Bretagna, Italia, Francia, Germania e Giappone. Il meeting fu formalizzato nel 1986, diventando una sorta di Direttorio del Mondo, che diede il là alla Globalizzazione e al WTO.

Come ricorda Huffington Post, il G7 rappresentava i vincitori diretti dello scontro con il blocco comunista e promuoveva a livello globale una visione dell’economia e del mercato che, secondo il politologo statunitense Francis Fukuyama, doveva imporsi ormai senza freni perché la “storia era finita” e il vincitore chiaro. Ma per storia finita, forse, si intendeva quella del “secolo breve”, come definì il ‘900 Eric Hobsbawm. Visto che dopo la caduta del muro di Berlino il mondo è radicalmente cambiato sia economicamente che politicamente. Oggi due paesi, Canada e Italia, non avrebbero nemmeno il diritto di starci più, essendo scivolati al 11° e all’8° posto rispettivamente. La seconda economia mondiale oggi è la Cina e la 7° il Brasile.

Se calcoliamo invece il PIL a parità d’acquisto, del vecchio G7 rimangono in lista solo Stati Uniti, Giappone e Germania. Ma anche questi ultimi non se la passano benissimo. Gli Usa si sono ripresi da poco da una profonda recessione economica iniziata nel 2008 e oggi puntano sul protezionismo. Loro che erano i maggiori rappresentanti del libero mercato. Il Giappone da tempo risente della recessione. La Germania è tutto sommato stabile, anche dopo essersi accollata la povera parte Est comunista, sebbene sulla pelle degli altri paesi dell’Ue tramite l’Euro.

La Francia, invece, arranca da tempo. Mentre la Gran Bretagna è tutta da riscrivere e decifrare dopo la Brexit. Certo, con la nascita del G8 prima e G20 poi, si è ammesso che il Mondo fosse cambiato e quei 7 Paesi da soli non lo rappresentano più. Ma sopprimerlo del tutto sarebbe cosa buona e giusta. Come si può, nel 2017, escludere ancora Cina, Brasile e India? Come si può isolare ancora la Russia? E i paesi arabi che si stanno comprando tutto li dimentichiamo?!

G7 a Taormina: locandina con italiano raffigurato macho con coppola e bretelle

Locandina G7 TaorminaMa a parte questi argomenti seri, il G7 di Taormina ha aperto anche una discussione più ironica. Come riporta Libero, nella locandina accennata nell’incipit si intravede un uomo con la coppola in testa, le bretelle tenute tra le mani a mo’ di guappo e la sigaretta penzolante dalla bocca stile Humphrey Bogart. Il classico stereotipo del siciliano macho anni ’50. Guarda di sbieco e con fare da playboy una bella ragazza di rosso vestita, con una specie di foulard-bandana in testa e un ombrellino parasole di pizzo. Fa un po’ la preziosa, ma si capisce che è lusingata dalle attenzioni di lui. A guardare quell’immagine sembra di trovarsi dinanzi alla pubblicità di un profumo o a quella della fiction L’onore e il rispetto, ma purtroppo, è proprio quella utilizzata per sponsorizzare il G7 a Taormina.

Morto David Rockefeller, il burattinaio del Mondo

E pensare che è quanto si sarebbero – perché per fortuna dopo le polemiche è stata rimossa – trovati dinanzi giornalisti di tutto il Mondo per registrarsi all’evento. Molti dei quali hanno già un’idea poco lusinghiera sul nostro conto. Se poi è lo stesso Governo ad alimentare certi stereotipi… Mancava solo un bel cannolo i baffetti e lo Schiacciapensieri, è il quadretto era completo. Un G7 2017 ridicolo nella forma e nei contenuti.

Un commento su “G7 a Taormina: un ritrovo di nobili decaduti con locandina che offende italiani

Lascia un commento

*