Da Ikea ad Amazon passando per Google: le origini impensabili di 13 marchi importanti

Il nome, come il simbolo, per un marchio è tutto. Fondamentale per richiamare l’attenzione di potenziali clienti, primo biglietto da visita da presentare sul mercato. Nomi in genere brevi ma efficaci, ad impatto immediato. Ma spesso la scelta su di loro non è frutto di lunghe ed attente indagini di mercato, bensì, ha origini alquanto singolari. Ecco quelle di 12 marchi importanti.

Le origini dei marchi più importanti

Ecco un curioso elenco riportato dal Corriere della sera, a sua volta tratto da Business Insider:

  1. Cosa significa Google

Il nome del più famoso motore di ricerca del mondo nasce da un errore. Come hanno più volte raccontato i fondatori Larry Page e Sergey Brin, ancora studenti all’Università di Stanford, erano alla ricerca di un’iperbole che descrivesse un sito web capace di organizzare l’immensa quantità di informazioni disponibili sul Web. Alla fine scelsero “Googol”, termine coniato dal nipote del matematico statunitense Edward Kasner nel 1938, per riferirsi al numero rappresentato da 1 seguito da 100 zeri. Tuttavia sbagliarono a scriverlo e registrarono il dominio “Google”. Poco dopo si accorsero dell’errore, ma non tornarono sui loro passi.

  1. Le origini di McDonald’s

Il fondatore di McDonald’s è Raymond Kroc, venditore di frullatori che forniva i suoi prodotti ai fratelli Dick and Mac McDonald, mangiando spesso nel loro ristorante di San Bernardino, in California. L’imprenditore fu così soddisfatto dei sandwich del locale che nel 1955 divenne prima agente della coppia e poi lanciò “McDonald’s Systems, Inc.” che facilitava il franchising per nuovi ristoranti. Alla fine comprò il nome del marchio per  2 milioni e 700 mila dollari e presto divenne il proprietario dei fast food più famosi del mondo. Sulle origini di McDonald’s suggerisco un bel film: The Fouder, con Michael Keaton.

  1. Cosa significa Adidas

adidasUn antica vulgata racconta che Adidas sia l’acronimo delle parole “All Day I Dream About Soccer” (Sogno il calcio tutto il giorno). Brillante trovata, ma falso. Il marchio nacque nel 1924 quando Adolf Dassler, figlio del calzolaio Christoph von Wilhelm Dassler, cominciò a produrre scarpe da calcio nella lavanderia della madre Pauline a Herzogenaurach, una cittadina della Baviera. Il nome Adidas combina il soprannome del fondatore “Adi” con le prime tre lettere del suo cognome.

  1. Cosa significa Rolex

Hans Wilsdorf, fondatore del marchio Rolex  – scrive Business Insider – cercava un nome per il brand che potesse essere pronunciato in qualsiasi lingua:

“Ho provato a combinare le lettere dell’alfabeto in ogni modo possibile – dichiarò in una vecchia intervista Wilsdorf. – Dopo aver sperimentato centinaio di nomi, nessuno mi sembrava giusto. Poi una mattina, mentre cavalcavo lungo Cheapside nella città di Londra, un genio mi ha sussurrato nell’orecchio la parola Rolex”.

  1. Le origini del nome Zara

Amancio Ortega, fondatore di Zara, aveva chiamato in un primo momento la sua azienda “Zorba”, dopo aver visto il celebre film “Zorba il greco“. Il primo negozio fu lanciato a La Coruña nel 1975, ma presto Ortega scoprì a due isolati un bar che aveva lo stesso nome. Per rimediare l’imprenditore cambiò la parola, ma non troppo. Nacque Zara che con il tempo sarebbe diventata un marchio d’abbigliamento tra i più famosi al mondo.

  1. Cosa significa Ikea

Molti potrebbero pensare che il nome Ikea derivi da una sconosciuta parola svedese. Niente di tutto ciò. Il termine combina le iniziali del fondatore Ingvar Kamprad con quelle della fattoria e del villaggio dove è cresciuto nella Svezia meridionale: Elmtaryd e Agunnaryd. Strano, nel caso di Ikea, anche l’origine dei nomi dei suoi prodotti. Ne ho parlato qui.

  1. Quali sono le origini di Starbucks

Il nome di Starbucks, catena statunitense di caffetterie, fondata il 30 marzo 1971 a Seattle da Howard Schultz, richiama quello di un personaggio di “Moby Dick”, celebre romanzo di Herman Melville.

  1. Cosa significa Nike

Come anche gli studiosi di liceo classico più svogliati sanno, la Nike era il nome di una figura della mitologia greca, personificazione della vittoria. A essa si sono ispirati Bill Bowerman e Phil Knight quando hanno lanciato l’omonimo marchio nel 1971.

  1. Cosa significa Gatorade

Gatorade, bevanda energetica prodotta da Quaker Oats Company, una filiale di PepsiCo è stata ideata dai dottori Robert Cade, Alex De Quesada, Dana Shires e Jimmy Free nel 1965 per i giocatori della squadra di football americano dell’Università della Florida, soprannominati “Gators”, spesso costretti a giocare in condizioni di caldo asfissiante.

  1. Cosa significa Amazon

Se fosse stato per il fondatore Jeff Bezos, non ci sarebbe nessun marchio Amazon. La più grande azienda di e-commerce si sarebbe dovuta chiamare o “Cadabra” o “Relentless”. Fu Todd Tarbert, ex legale dell’imprenditore, a convincerlo a cambiare nome. Alla fine optò per Amazon in onore del Rio delle Amazzoni, il più lungo fiume del mondo, a cui si ispira anche il logo del marchio.

AMAZON RITIENE RAZZISTA IL CARTONE ANIMATO TOM & JERRY

  1. Origini di Monsanto

La Monsanto è un’azienda multinazionale di biotecnologie agrarie lanciata nel 1901 dal veterano dell’industria farmaceutica John Francis Queeny. Il nome richiama quello di sua moglie, Olga Monsanto Queeny.

  1. Cosa significa Verizon

Verizon è un fornitore di banda larga e di telecomunicazioni statunitense. Il nome deriva dalla fusione di due parole latine: “Veritas” (verità) e “Horizon” (orizzonte).

  1. Cosa significa Pepsi

Il suo inventore Caleb Davis Bradham, vissuto tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, fu un dottore mancato. Per problemi familiari lasciò la scuola medica e si laureò in farmacia. La sua invenzione originaria, conosciuta come “Brad’s Drink” (Bevanda di Brad), è un mix di zucchero, acqua, caramello, olio di limone e noce moscata. Tre anni dopo, Bradham ritenendo che il soft drink fosse d’aiuto alla digestione la ribattezzò “Pepsi” per contrapporla alla parola “dispepsia” che significa “indigestione”.

Lascia un commento

*