Meningite, sintomi e cause: davvero immigrati non c’entrano?

Con una certa cadenza ciclica veniamo turbati dalla diffusione di una malattia che i media ci propinano come endemica. Il fenomeno cominciò con la cosiddetta “mucca pazza”, per proseguire poi con Aviaria, influenza suina, Ebola, Zika e ora la meningite. In realtà la meningite non è certo una malattia che scopriamo oggi. Addirittura, pare che già se ne accorse Ippocrate, sebbene una prima letteratura a riguardo risalga alla seconda metà del ‘700. Mentre il primo focolaio a inizio ‘800. Oggi la cronaca ci riporta molti casi in Toscana ed è esplosa un’autentica psicosi da meningite. Accompagnata anche dall’idea che la sua diffusione sia colpa degli immigrati. Ma è davvero così? Di seguito vediamo cos’è la meningite, quali sono i sintomi, quali sono le cause e se è davvero colpa degli immigrati.

Cos’è la meningite

MeningitePartiamo col dire cos’è la meningite. Come riporta la rivista medica online Lancet, è una malattia del sistema nervoso centrale, generalmente di origine infettiva, caratterizzata dall’infiammazione delle meningi. Esse sono le membrane protettive che ricoprono l’encefalo e il midollo spinale. Diventa meningoencefalite quando ad infiammarsi è anche il parenchima cerebrale.

Quali sono i sintomi della meningite

sintomi meningiteQuali sono i sintomi principali della meningite? Come riporta Prevenzionemeningite, sono quelli tipici di una normale influenza: febbre, nausea, vomito, con in più irritazione delle membrane meningee. Come si avvertono queste ultime? Mediante l’irrigidimento dei muscoli nucali. A questi sintomi si accompagna la diminuzione dello stato di coscienza, senso di torpore, battito cardiaco rallentato ed convulsioni. Tali sintomi sono correlati al tipo di meningite in atto. A seconda della tipologia i sintomi saranno più o meno gravi, così come la lunghezza del periodo di convalescenza e, ovviamente, i danni provocati al malato.

Nei neonati i sintomi sono irritabilità, nervosismo implacabile, sonnolenza profusa, convulsioni. Non è facile diagnosticarla nei lattanti perché in genere mancano i sintomi più evidenti come febbre elevata o moderata, mal di testa, il vomito, debolezza, rigidità del collo e del dorso. Possono invece verificarsi macchie rosse sparse per il corpo e convulsioni.

Come si diagnostica la meningite

come si diagnostica meningiteCome si scopre di avere la meningite? Dopo il ricovero, viene effettuata una analisi di una piccola quantità di liquido cerebrospinale prelevato mediante puntura lombare. Il tutto viene eseguito in totale sicurezza giacché il midollo spinale nell’adulto non oltrepassa i limiti della prima vertebra lombare. Vengono poi eseguiti alcuni esami del sangue e applicato il tampone nasale e faringeo per cercare di identificare il germe che ha causato l’infezione.

Quali sono le conseguenze della meningite

Quali sono le conseguenze della meningite? L’infiammazione delle meningi può provocare gravi sintomi neurologici che possono portare perfino alla morte. O, comunque, a conseguenze traumatiche come sordità, ritardo mentale, paralisi motorie, epilessia frequente.

Quali sono le cause della meningite

Le cause della meningite possono essere generalmente sia batteri che virus. Quella batterica è la più preoccupante e causata da tre germi: emofilo tipo B, pneumococco, meningococco. Invece, quella causa da virus ha un epilogo generalmente benigno. Inoltre, è causata dai batteri è molto pericolosa tra i bambini. Danni permanenti sopra descritti possono verificarsi nel 30-35% dei casi. La mortalità nel 5-10% dei casi.

meningite come prevenireLe cause della meningite vanno ricercate anche nei microrganismi di tipo commensale, ossia presenti per natura nell’organismo umano che diventano patogeni qualora la resistenza dell’organismo diminuisce. Anche dopo una semplice influenza. (un caso tipo è la meningite cerebrospinale epidemica). Anche una infiammazione dell’orecchio medio o del naso può diffondersi fino alle meningi. Infine, una terza causa non ascrivibile a virus o batteri è dovuta alle lesioni traumatiche della scatola cranica, in quanto i microrganismi penetrano nelle meningi attraverso la ferita aperta.

Come prevenire la meningite

In tanti si chiedono: come si previene la meningite? Nei luoghi pubblici, occorre seguire le normali regole sanitarie, stando attenti soprattutto quando si va in bagno o nei mezzi pubblici. Per stare tranquilli, comunque, specie per i bambini, il rimedio più efficace è il vaccino.

Come si cura la meningite

Qual è la terapia per curare la meningite? Vengono somministrati liquidi per via endovenosa, antibiotici ed altri farmaci eventualmente necessari. La terapia viene eseguita fin da subito, appena la malattia viene diagnosticata. Inoltre, vengono posti sotto osservazione tutti i soggetti entrati di recente in contatto con il malato.

La meningite è causata dagli immigrati?

Sta diventando un’idea diffusa quella che ritiene la meningite causata dagli immigrati. A smentire questa tesi sono vari specialisti. Ecco le loro dichiarazioni riportate dal blog di David Puente:

Precedente Quindici anni di Euro, il grande bluff: cosa paghiamo il doppio e cosa meno Successivo Beppe Grillo paladino anti bufale: ma ecco tutte quelle che ha detto negli anni

3 thoughts on “Meningite, sintomi e cause: davvero immigrati non c’entrano?

  1. Gianluca il said:

    Questi maledetti scimmioni acefali sono responsabili,e anche chi,li difende QUANDO SCOPPIERÀ LA GUERRA CIVILE PAGHERÀ,di tutti i mali attuali,certo con in testa i criminali politici e antirazzisti che permettono questo. Stanno ricomparendo malattie e ceppi virulenti che avevamo sconfitto da decenni… Auguro alla Boldrini,alla Kienge e ai loro figli di beccarseli… Lavoro zero,sanità a pezzi dove per trovare un letto libero in un ospedale devi scazzottarti,perennemente pieni di questi subumani schifosi che sempre più gente giustamente li odia ferocemente… Io ci parlo con la gente comune,sopratutto anziani e li incito a fare qualsiasi cosa nel nostro piccolo perchè questi luridi australopitechi invasori con le capezze d oro,tablet e cell di ultima generazione,Nike,ecc,oppure rumeni ubriachi dalla mattina e superaggrssivi mentre le fdo pagate per vessare gli italiani e chiudere tutti gli occhi e anche il buco del culo con gli IMMIGRATIS,perdono tempo a fare le multe a ragazzi sul motorino o ad anziani per uno spechietto… Tempo fa(ah….fosse successo a Scampia li avrei fatti linciare vivi)ero in un parco di Roma e alcuni albanesi si stavano ammazzando a bottigliate e i vigili erano intenti a fermare macchine e fare multe,al mio richiamo non mi hanno neppure degnato di uno sguardo… TUTTA….questa masnada di papponi criminali deve solo sperare che un giorno il medico non mi dica”lei ha pochi mesi di vita”,beh…giuro che Preiti in confronto farà impallidire ció che farei io… Me ne porterei non pochi e ben’mirati all’inferno con me… Che siate stramaledetti tutti quanti voi state distruggendo questo nostro meraviglioso paese… E vi va di lusso che non siamo in USA e non ci sono le armi…….

  2. partigianodidestra2 il said:

    sono tutte parole inutili, la verità è che se entrano cani e porci senza controlli sanitari da paesi dove non si fanno i controlli e normale che portano malattie.

  3. monteverde il said:

    I media piu’ che informare e fornire i dati per permettere di giudicare, fanno gossip. Certamente ogni malattia rispetto al singolo ha la sua importanza. In questo sito [www.assis.it] si trovano i dati di diffusione dei casi di meningite in paesi europei.

    L’Italia ha tassi di infezione tra quelli piu’ bassi. Ad esempio in Svizzera e Austria sono piu’ che doppi e in altri paesi la frequenza di casi e’ 10 volte quella in Italia. L’unica anomalia italiana e’ una maggiore frequenza di infezioni da meningococco C.

    Effettivamente, in Toscana i casi sono circa il doppio rispetto alla media italiana. Certamente, il rimescolamento delle popolazioni, per effetto dei portatori sani, potrebbe aver favorito la dispersione di ceppi verso i quali le popolazioni locali sono meno protette. Tuttavia, cio’ puo’ esser vero per qualsiasi infezione e indipendentemente dalla nazionalita’ dell’”untore”.

Lascia un commento

*