Mers, la nuova Sars: sintomi e come si trasmette

È stata già ribattezzata la nuova SARS, la Sindrome Acuta Respiratoria Grave, apparsa per la prima volta nel novembre 2002 nella provincia del Guangdong (Canton) in Cina e scoperta da un medico italiano Carlo Urbani. Se però quest’ultima è considerata alquanto rara, con un tasso di mortalità secondo l’Oms pari al sette percento, la sua nuova versione fa molto più paura. Anche perché siamo ancora a uno stadio conoscitivo. Parliamo della Sindrome respiratoria del Medio oriente, meglio conosciuta con l’acronimo di MERS, che secondo gli esperti ha un tasso di mortalità pari al trentasei percento. 
Quali sintomi ha? E quali sono le aree del mondo più interessate?
Precedente Quando a perseguitare sono i buddisti: cosa fanno in Birmania alla minoranza musulmana Successivo Quando l'ISIS sono gli enti locali: ecco dove un Comune italiano ha autorizzato la realizzazione di un parcheggio

Lascia un commento

*