Vedi Napoli e poi muori: la città inserita tra le 11 più pericolose del Mondo, ecco perché

Sylvain Bellenger, francese, da circa due anni dirige il museo di Capodimonte a Napoli.

«Sono stato qui più volte nel corso della mia vita – dice – e in periodi diversi. Non è una città pericolosa, semmai caotica, ma di un caos dolce. Posso dire che ho vissuto a Chicago per 4 anni e la statistica da quelle parti era di 600 crimini all’anno. Altro che Napoli. Non è affatto vero che Napoli è tra le città più pericolose. È assurdo alimentare una leggenda sulla pericolosità sulla base di notizie false».

Insomma, ancora troppi stereotipi infangano Napoli. Alimentati da certi film e serie Tv che romanzano la realtà. La città ha ancora tanti problemi, ascritti nel suo DNA. Ma controbilanciati da tante cose stupende, che la rendono unica. Parafrasando un detto colombiano si può dire che a: “Napoli, l’unico rischio è di volerci restare”.

2 thoughts on “Vedi Napoli e poi muori: la città inserita tra le 11 più pericolose del Mondo, ecco perché

Lascia un commento

*