NASCONO LE CITTA’ METROPOLITANE CHE SOSTITUIRANNO LE PROVINCE: DUBBI SUI REALI RISPARMI

LA CAMERA HA APPROVATO IERI IL DL DELRIO CON 260 SI’, 158 NO e 7 ASTENUTI. BRUNETTA PARLA DI GOLPE, MENTRE IL M5S PARLA DI UN AUMENTO DI ASSESSORI E CONSIGLIERI
Il Governo Renzi viaggia spedito verso le riforme da attuare e ieri ha “licenziato” alla Camera il DDL Delrio che abolisce le tanto vituperate Province, istituendo le città Metropolitane. Si punta così a un risparmio di 160 milioni di euro annui e a un riassetto delle funzioni degli enti locali, tra cui anche i piccoli Comuni. Non mancano ovviamente critiche e perplessità sul reale effetto positivo della legge.

COSA CAMBIA –  Il ddl Delrio, non potendo “cancellare” le amministrazioni provinciali, le svuota di competenze. Il ddl mira ad una riduzione dei costi, pertanto prevede un criterio di gratuità per l’esercizio delle funzioni di presidente e consigliere provinciale. I consigli provinciali, infatti, vengono trasformati in Assemblee dei sindaci: questi ultimi lavoreranno nei nuovi “enti territoriali di area vasta”, percependo esclusivamente le indennità già corrispostegli in qualità di primi cittadini. I presidenti di Provincia non saranno più eletti dai cittadini, ma indicati all’interno di una assemblea formata dai sindaci dei Comuni del territorio di riferimento. Ad esempio, il futuro presidente della Provincia di Frosinone sarebbe scelto tra i sindaci dei Comuni del Frusinate e percepirebbe soltanto lo stipendio da sindaco.
Le competenze provinciali vengono trasferite a Regioni e Comuni, ad eccezione dell’edilizia scolastica (grazie ad un emendamento di Sel approvato in commissione e recepito dal testo del governo), della pianificazione dei trasporti e della tutela dell’ambiente. Il personale continuerà a lavorare presso gli organi territoriali di riferimento dell’attività svolta, mantenendo retribuzione ed anzianità di servizio. Il ddl prevede che questi nuovi enti provinciali prenderanno vita a partire dal 1 gennaio 2015. Fino ad allora le Province saranno rette da commissari (si tratterà degli attuali presidenti di Provincia che cambieranno nome in commissari) in quanto non si voterà per le rielezioni dei 52 organi provinciali in scadenza nel 2014.
Napoli, Milano, Torino, Bari, Bologna, Firenze, Genova, Venezia e Reggio Calabria diventano Città Metropolitane. A queste va aggiunta Roma, già inquadrata con l’istituzione di Roma Capitale; in futuro anche Palermo, Messina, Catania, Cagliari e Trieste (l’istituzione deve passare attraverso un provvedimento delle Regione a statuto speciale) saranno Città Metropolitane. In totale si tratterà di 15 nuove aree territoriali. Le Città Metropolitane sono un nuovo ente che va a sostituire le Province: ricoprirà il territorio della Provincia omonima e ne assumerà le competenze. Saranno guidate da un sindaco metropolitano che, a differenza dei presidenti delle “nuove province” potrà anche essere eletto ma solo “previa” l’istituzione di una apposita legge. Altrimenti, il sindaco metropolitano coinciderà con il sindaco della principale città e non percepirà indennità aggiuntive per l’ulteriore incarico. Altri organi saranno il Consiglio metropolitano, indicato dal sindaco, e la Conferenza metropolitana. Quest’ultima sarà composta dai sindaci dei Comuni appartenenti alla città metropolitana. Il personale delle amministrazioni provinciali, per tanto, confluirà nel nuovo ente territoriale. Il ddl prevede che le Città Metropolitane prenderanno vita a partire dal 1 gennaio 2015.
NOVITA’ PER I PICCOLI COMUNI– La disciplina delle unioni di comuni viene semplificata con l’abolizione dell’unione di comuni per l’esercizio facoltativo di tutte le funzioni e servizi comunali. Restano ferme le altre due tipologie di unione, quella per l’esercizio associato facoltativo di specifiche funzioni e quello per l’esercizio obbligatorio delle funzioni fondamentali. Per quest’ultima viene confermato il limite demografico ordinario pari ad almeno 10.000 abitanti, ma viene abbassato per i soli comuni montani a 3.000, e viene spostato il termine per l’adeguamento dei comuni all’obbligo di esercizio associato delle funzioni fondamentali dal 1* gennaio al 31 dicembre 2014.
E’ prevista la gratuita’ delle cariche negli organi delle unioni di comuni ed e’ estesa l’applicabilità delle disposizioni in materia di ineleggibilità, incandidabilità, incompatibilità e inconferibilità relative ai comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti al primo mandato degli amministratori del comune nato dalla fusione o delle unioni di comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti. 
LE CRITICHE – A votare contro il Ddl tutte le opposizioni: Forza Italia, M5S, Lega, Sel e Fratelli d’Italia. Durante la votazione il capogruppo di Fi Renato Brunetta ha più volte urlato “Golpe! Questo è un golpe! Votiamo compatti no”. Critica anche la Lega nord. Il vicecapogruppo Matteo Bragantini del Carroccio sostiene che «questa riforma, che viene spacciata per l’abolizione delle province, è una falsa riforma. Infatti non si aboliscono le Province, ma vengono semplicemente trasformate in un ente di secondo livello eliminando in questo modo la democrazia. Il presidente sarà infatti scelto non più dai cittadini, ma dai partiti. Se si vogliono tagliare i costi della politica impedendo ai cittadini di votare questo si chiama regime. Inoltre anche secondo la Corte dei Conti i costi non diminuiranno ma aumenteranno».
Il Movimento cinque stelle parla addirittura di un aumento esponenziale di Assessori e Consiglieri, esponendo dei cartelli con dei numeri: «+26.0932» e «+5.600», che stanno a significare rispettivamente il numero di consiglieri comunali in più e di assessori che saranno nominati in seguito all’entrata in vigore del ddl Delrio.
Altri dubbi riguardano i risparmi effettivi. L’intervento, secondo il piano del sottosegretario Delrio, dovrebbe portare a circa 160 milioni di euro di risparmio dall’abolizione degli enti, mentre secondo i dati della Corte dei Conti, citati da lavoce.info, contando le strutture uscite dalle riforme del 2011, la misura comporterà solo 35 milioni di risparmio.

0 commenti su “NASCONO LE CITTA’ METROPOLITANE CHE SOSTITUIRANNO LE PROVINCE: DUBBI SUI REALI RISPARMI

  1. Smens il said:

    Chi fece tanto baccano, nelle elezioni del 2008, per cancellare le provincie non fece mai nulla, ed oggi sono i primi che le difendono, prima di guardare se Renzi fà le cose fatte come si deve, dobbiamo tenere presente anche questo!

  2. Massimo il said:

    Insomma, tanto per cambiare fanno le cose all'italiana perciò i tagli usciti dalla porta rientreranno in qualche modo dalla finestra.

  3. Anonimo il said:

    Il Parlamento di Oggi?Da Cittadino neutrale lo paragono al Mercato delle Vacche.Da ragazzino andavo a scuola a la Dante Alighieri di FirenzeRicordo che in piazza della Signoria tutti i venerdi Sensali e Contadini si incontravano per discutere eventuali compra vendite.I Contratti?li sigillavano sputandosi sulla mano prima di stringersela.Ciò che ci differenza dal Passato? La Mancanza di serietà e il non rispetto della parola data per Disonestà.PS L’Utopia che vorreiSemplice licenzierei tutti i Parlamentari onorevoli e senatori compresi i partiti che li rappresentanoIo paragonerei L’Italia ad una grossa azienda che non ha bisogno di partiti per essere amministrataMa di un Amministratore Delegato (Eletto dal Popolo)con l’obbligo di stipulare una assicurazione di tasca sua( Con durata quinquennale ) se i conti annuali risulteranno in regola. gli verrà rimborsata.Se i conti non tornano ? chi ha sbagliato pagherà i danni creati e il costo delle elezioni di tasca suaIl tutto vale anche per i presidenti Regionali e i Sindaci anche loro Eletti dal Popolo( le provincie le abolirei)Comuni e Regioni sceglierebbero un rappresentante ciascuno che andrebbero a far parte del consiglio di Amministrazione alle dipendenze de l’Amministratore DelegatoChe gestirà solo le spese per le Opere pubbliche d’interesse Nazionale facenti parte il programma quinquennale Votato da gli Elettori .Scartando le spese non facenti parte i programmi non votati dal Popolo delle singole RegioniAvranno priorità assoluta solo le spese dovute a calamità Naturali.Con l’obbligo ogni fine anno di presentare la nota delle spese sostenute dalle RegioniI Sindaci le spese Annuali le presenteranno alla loro Regione ha sua volta ogni singola Regione dovrà presentare la nota delle spese annuali A l’Amministratore delegatoCon questa doppia documentazione si terrebbero d’occhio l’uno con l’altro.Provate ha fare i conti sul risparmio che ci sarebbe di tempo e di Danaro col tempo annulleremo il debito Pubblico riattivando L’Economia per dare quel Futuro che oggi non c’è ai Giovani. VITTORIO

Lascia un commento

*