Palermo, il triste monumento utilizzato solo d’estate per serate disco

Da anni ormai, lo Stato non riesce più a gestire con le proprie forze l’inestimabile patrimonio culturale italiano. Negli anni del boom e fino agli anni ’90, i Beni culturali sono stati utilizzati soprattutto per dispensare posti di lavoro. Ponendo in secondo, anzi, terzo piano, la manutenzione dei siti culturali stessi. Impiegati, soprintendenti, manager. Ma di operai che li curassero nemmeno l’ombra. E il risultato è oggi sotto gli occhi di tutti, soprattutto dei turisti stranieri che ancora ci premiano con il loro interesse. Negli ultimi anni, però, le amministrazioni comunali si sono inventate la concessione di aree di interesse culturale a privati per eventi: dai matrimoni alla pubblicizzazione delle loro attività fino a feste dance all’aperto. Il caso dell’Area archeologica e monumentale di Castello a Mare è tragicomico.

Le serate ”In” al castello di Palermo

palermo castello a mareCome racconta l’archeologo Manlio Lilli nel suo blog sul Fatto quotidiano, all’interno dell’area recintata, tra via Filippo Patti e e via Francesco Crispi, ci sono i resti del complesso fortificato realizzato nel XII secolo all’imboccatura dell’antico porto della Cala, con il “Bastione di S. Pietro” all’angolo ovest della cinta muraria del XV secolo e la “Porta Aragonese”. Ma ci sono anche i resti di una importante necropoli di età musulmana, riportati alla luce dalle indagini archeologiche avviate a partire del 2006, insieme a interventi di restauro. Sembrava l’inizio di un nuovo corso. Non è andata così. Dopo un alternarsi di aperture e chiusure il 30 giugno il sito ha riaperto i battenti. “La Soprintendenza per i Beni culturali e ambientali di Palermo superando anche le difficoltà create dalla esiguità di risorse, ha ultimato il lavoro di manutenzione e messa in sicurezza”, ha dichiarato la Soprintendente Maria Elena Volpes. Ma in realtà l’accesso era già possibile. Non per visitare l’area archeologica ma per assistere almeno ad alcuni eventi. L’11 marzo al One Night, l’1 giugno al Musica e legalità con l’Unlocked Music Festival 2016 e il dj Robert Hardwell. Musica soprattutto, quindi. Protagonista anche nell’estate che verrà. Con David Guetta il 9 luglio, i Tiromancino il 31 luglio, I migliori anni con Amici il 5 agosto.

Castello a mare di Palermo, bello d’estate ma degradato il resto dell’anno

Castello a mare palermoNon è novità per il complesso monumentale. Già negli scorsi anni il cartellone ha previsto spesso eventi musicali. Insomma, era chiuso, ma anche aperto. Restituito quasi sempre in coincidenza con l’avvio della stagione degli spettacoli e dei concerti all’aperto, lasciato in sostanziale abbandono nel resto dell’anno. Come accaduto nel 2014, quando l’area esterna al complesso monumentale era costellata di rifiuti mentre l’interno delle strutture era diventato il riparo tutt’altro che occasionale dei clochard. Allora era scaduta la convenzione tra la Soprintendenza e l’Azienda Foreste per la manutenzione. Come si verificava ancora ad aprile, con l’area, utilizzata dalle prostitute, invasa da ogni genere di immondizia. Una condizione che l’utilizzo per eventi dell’area contribuisce ad aggravare.

Nelle notti d’estate nell’area archeologica ci sono i gazebo nei quali è possibile acquistare cibo e bevande. Poi c’è la discoteca con la musica a volume impossibile. Fino a tarda notte. Ci sono le macchine degli avventori parcheggiate. Un autentico scempio. Regolarmente autorizzato da Comune e Soprintendenza. Un vero peccato che l’area, finalmente riaperta alle visite e dotata di apposite segnaletiche in legno realizzate da alcuni ragazzi dell’Istituto penale Malaspina, nell’ambito del progetto “Fatti un giro bellezza. Museo senza barriere”, promosso dall’Assessorato regionale ai Beni culturali, la Soprintendenza e Icom Italia, l’International Council of museum, sia stata virtualmente derubricata a location. Uno spazio suggestivo nel quale ambientare eventi.

Un matrimonio trash, una sfilata chic o una serata dancing salveranno i nostri monumenti? Probabilmente li seppelliranno definitivamente. Interessante, invece, il progetto nei pressi dell’Anfiteatro di Santa Maria Capua Vetere.

Lascia un commento

*