Alla Rai renziana il Porro non piace: censurato Virus e non solo

Cambiano i governi, ma la Rai resta sempre la stessa. Non in termini di qualità del servizio offerto, drasticamente calato dalla seconda metà anni ’90. Bensì, in termini di monopolio della politica, con chi sta al Governo che la utilizza come proprio megafono. Lo ha fatto per decenni la Dc quando esisteva solo Raiuno, a cui si sono poi aggiunti Raidue e Raitre rispettivamente monopolizzati da Psi e Pci. Poi, con l’arrivo della Seconda Repubblica, il servizio televisivo pubblico è divenuto il giocattolo della coalizione al governo di turno. Così, quelli di destra non lavoravano quando c’era il centrosinistra e quelli di sinistra quando al governo c’era il centrodestra. Ora che domina il partito unico renziano, si censura, è proprio il caso di dirlo, a destra e manca. Ultima vittima Nicola Porro, ideatore e conduttore del talk show Virus su Raidue. E non è una questione di share.

Rai, la censura come cura a Virus

virus porro

Nicola Porro, ideatore e presentatore di Virus

A mettere in piazza la storia di Virus epurato dal palinsesto Rai e di Porro parcheggiato nel limbro dei «vedremo» è il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri. «La trasmissione Virus non andrà più in onda», afferma il vice presidente del Senato, «quella di Porro è una presenza che aggiungeva un pizzico di pluralismo in una Rai appiattita sulle posizioni della sinistra e del governo. Né si venga a dire che l’azienda ha fatto proposte alternative a Porro perché si tratta di ipotesi risibili. Si tratta di un’epurazione a tutti gli effetti». E di «epurazione» parla la deputata azzurra Daniela Santanché. «Anche il governo Renzi, come i migliori regimi sovietici, toglie di mezzo l’informazione che ritiene scomoda», afferma l’esponente azzurra, «siamo al redde rationem: stanno venendo al pettine tutti i nodi e le storture delle nuove norme che lasciano troppo potere al governo e al direttore generale della Rai e niente al Consiglio di amministrazione». Preoccupati della scelta indicata da Campo Dall’Orto anche gli esponenti del Nuovo Centrodestra e di Scelta Civica. In ballo c’è il pluralismo dell’informazione. Un tema, quello della pluralità delle voci, che all’amministratore delegato non deve stare particolarmente a cuore, nonostante i richiami che arrivano anche dal Pd.

IN RAI LAVORANO MOLTI RACCOMANDATI: L’ELENCO

Proteste anche nel Pd

http://2.bp.blogspot.com/-v_bpDGONacY/VHOt9IMJ5uI/AAAAAAAAEMM/xdf5G6SgMqQ/s1600/_73543142_4177e052-c200-44fd-b39f-4daa44f44d72.jpgNei giorni scorsi Michele Anzaldi, deputato dem e membro della commissione di Vigilanza, aveva sollevato proprio la questione dell’informazione. «Il grande assente del nuovo piano industriale della Rai è l’informazione, che rappresenta il cuore e la vera legittimazione del servizio pubblico», afferma il deputato del Partito democratico, «eppure è proprio l’informazione il campo su cui il servizio pubblico può e deve differenziarsi dalla concorrenza privata». Più chiaro di così. La Rai non deve togliere, semmai aggiungere, essendo Servizio pubblico. Il problema è che la logica dominante, sposata dall’amministratore delegato dell’azienda, è che la Rai deve essere al servizio del governo e non del cittadino. Porro ha saputo reggere il confronto quando doveva confrontarsi con Michele Santoro, in onda su La7, e si è sempre difeso bene nel match televisivo con Corrado Formigli, conduttore di Piazzapulita, altalenante fra la prima serata del lunedì e quella del giovedì. Ma tutto questo in Rai, non conta affatto.

Via anche Giannini da Ballarò

rai

Giannini cacciato da Ballarò

Martedì sera c’è stata un’altra netta vittoria per Giovanni Floris con il suo DiMartedì in onda su La7 che ha battuto Ballarò sia in share che in ascolto medio, ma non è la sola ragione per la quale Ballarò, il programma di punta di Rai Tre, nella prossima stagione non sarà condotto da Massimo Giannini. L’ex vice direttore di Repubblica, parlando a Dogliani ha detto che «questa non è la Rai, questa è l’Eiar (l’ente monopolista delle radiodiffusioni durante il periodo fascista, ndr)», dice il giornalista, «è un’altra cosa. Lo dico con assoluta trasparenza e serenità, non c’è un discorso ideologico in quello che sto dicendo, né un atteggiamento contro il governo o Renzi». No, non è solo una questione di share.

A pesare sarà stata soprattutto la frase del conduttore su Maria Elena Boschi, riguardo il caso Banca Etruria. Il vice-direttore de La Repubblica infatti si è fatto scappare un: «Qualche rapporto incestuoso in questa vicenda c’è». Riferendosi tra le righe al fatto che nello scandalo bancario fosse coinvolto anche il padre del Ministro delle riforme. Anche in quel caso l’onorevole Anzaldi fu una voce fuori dal coro nel Pd.

3 commenti su “Alla Rai renziana il Porro non piace: censurato Virus e non solo

  1. ilmonti il said:

    beh porro è stato allontanato dopo la puntata con red ronnie e tutti sappiamo il perché… non si può far parlare di medicina un tizio come quello o la brigliadori e dar loro pure risalto mediatico… meno male che lo hanno estromesso…

    L’epurazione fatta da Berlusconi, in confronto a questa fa ridere.

    e beh porro e giannini in effetti son grandi del giornalismo, mentre Biagi era un poveraccio… e già… basta vedere la qualità delle inchieste e dei giornali con cui ha collaborato … ma per favore…

  2. Balance il said:

    Insomma, neanche Porro fosse Aung San Suu Kyi. Per carità, nessuno discute le sue capacità giornalistiche e televisive. Ma è inutile prendersi in giro. In Rai non si entra a condurre programmi per merito. E Porro, che è bravo, ci è arrivato anche perché vicedirettore del Giornale berlusconiano. O vogliamo forse credere che se fosse stato il più bravo giornalista d’inchiesta del “Corriere del Pizzicagnolo” gli avrebbero affidato un programma a viale Mazzini? Nemmeno un bambino ci crede. Alla Rai si arriva con certi meccanismi. E con gli stessi meccanismi si viene fatti fuori. Semmai, allora, sono da prendere di mira i sistemi di reclutamento ed esclusione di un’azienda tv che su questo ha fatto pochi passi avanti. Tra l’altro, volendo ragionare in termini di “epurazione”, che dovremmo dire di tutti quei giornalisti messi a spasso senza troppi complimenti e senza poter disporre della grancassa mediatica di Porro? La realtà è che da Virus, bello o brutto che fosse, non dipendono le sorti del mondo. È un programma tv. Sul terreno rimane l’impressione che, forse anche sull’onda emotiva, il giornalista in queste ore sia diventato uomo di punta della lobby del piagnisteo. Ennesima prova, purtroppo, di una categoria giornalistica vanesia, autoreferenziale, che si crede al centro del mondo. E che invece rischia di allontanarsi sempre di più dalla realtà che vivono tutti gli altri.

  3. Minoneas il said:

    Piu’ che non piacere alla Rai, Porro e Giannini non piacciono a Renzi e alla Boschi, come sapete, la ministra, non tollera illazioni su di lei e sulla sua famiglia, un’imitazioni con elementi di realtà, comporta la radiazione dal piccolo schermo( chiedere a Virginia Raffaele). L’epurazione fatta da Berlusconi, in confronto a questa fa ridere. Vuoi essere intoccabile? Non scrivere ma nulla, che non sia un’elogio, non proferir parola, se non di smisurata stima e lode. Una volta i format si chiudevano perchè non avevano ascolti, Virus e Ballarò funzionano, ma non essendo presidenzialisti verranno chiusi.

Lascia un commento

*