Salvate il soldato Raffaele Cantone da Renzi

DISTINTOSI NELLA LOTTA AI CASALESI OGGI E’ presidente dell’Anticorruzione
Nei tre anni trascorsi dalla sua ”marcia su Firenze” partita dalla Leopolda, Matteo Renzi ha fatto capire un po’ di cose su di sé: 1) di essere un grande comunicatore; 2) di essere uno che punta sempre in alto, costi quel che costi; 3) che non ama gli interlocutori non scelti da lui e che pertanto ama scegliere lui chi deve ricoprire gli incarichi istituzionali di rilievo.

I VARI ESEMPI – Esempio del primo punto sono i vari discorsi che tiene in ogni dove, che disegnano un’Italia diversa da quella reale. Vuole diffondere ottimismo forse, ma sappiamo bene dove ci ha portato uno dei suoi predecessori che pure sembrava ispirarsi a una vecchia canzone cantata da Ombretta Colli: ”Facciamo finta che tutto va ben’.
Esempio del secondo punto è il modo con cui è andato al Governo e intende restarci fino al 2018.
Esempio del terzo è il caso Marino, fin da subito disconosciuto come Sindaco di Roma e mai minimamente appoggiato. O come abbia scelto come Presidente della Repubblica un uomo mite, grigio, proveniente dalla sua stessa storia politica: Sergio Mattarella. O, ancora, come sia entrato qualche volta  in polemica con il Presidente della Camera Boldrini, specie a inizio mandato.
CANTONE, SUPEREROE SENZA POTERI – Rientra nel terzo punto anche la designazione del Pm distintosi nella difficile lotta ai Casalesi, Raffaele Cantone, a Presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione. Uno di quegli organi dal nome altisonante ma che nei fatti serve a poco o a niente. Proprio come piace a Renzi. Una sua tipica operazione di marketing comunicativo (simile al Commissario per Bagnoli, primo caso di quartiere espropriato a un Comune). Infatti, da quando è stata creata, i casi di corruzione non sono scemati di una virgola; anzi, paradossalmente, sembrano perfino essere proliferati. Basta vedere quanto è successo in Italia in questo anno e passa dalla sua istituzione. Non è passato un giorno senza notizie di arresti o avvisi di garanzia.
UNA PERSONA MODESTA – E dispiace che questo organo inutile sia stato assegnato a Raffaele Cantone. Personaggio mite che ha sempre agito efficacemente nell’ombra. Ora è più esposto, costretto a partecipare qua e là a conferenze, a rilasciare dichiarazioni che possono anche generare polemiche. E’ arrivato a dire che ”Milano è la Capitale morale del Nord’, dimenticando forse che Mani pulite sia partita da lì e casi di corruzione abbiano riguardato anche Expo. E’ entrato in polemica pure con l’Anm, nella persona del Presidente Rodolfo Sabelli, minacciando perfino di uscire dall’Associazione.

Si dimetta Raffaele Cantone, ma dalla Presidenza di questa inutile Agenzia che Renzi gli ha affidato. Facendogli fare la figura del Supereroe senza poteri. Del parafulmine di facciata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*