Romantic scam, occhio a truffa online: cos’è, come funziona e come difendersi

I tentativi di truffa e i fenomeni negativi a danno di persone poco avvezze al web o minorenni, si aggiornano continuamente. Del resto, hacker, truffatori e malintenzionati si aggiornano a loro volta costantemente per fregare il prossimo. Utilizzando i mezzi tecnologici che via via si diffondono: mail, social network, siti di incontri e app di messaggistica. Tutto fa rete per adescare persone psicologicamente deboli e manipolabili. Ho già parlato di Blue Whale, e, in coda all’articolo, dei giochi pericolosi che si stanno diffondendo tra i giovani. Qui invece mi occupo di un tentativo di phishing che colpisce soprattutto gli adulti. Specie Over 50, in disperato tentativo di trovare un amore: il Romantic scam. Ecco di cosa si tratta.

La truffa nigeriana: l’antenata del Romantic scam

truffa nigeriana cos'èCome riporta Palermo Mania, Madre di tutte le truffe del genere è la cosiddetta “truffa nigeriana”: pagare in maniera anticipata qualcosa che poi non avremo mai. Si chiama così perché la prima ondata di questo genere di truffe è giunto dalla Nigeria (apparsa per la prima volta nel 1992 in formato lettera cartacea e nel 1994 via mail), ma ormai è diffuso ovunque nel Mondo. Come funziona una truffa nigeriana? In pratica, i truffatori entrano in contatto con i malcapitati via email o chat, chiedendo una grossa somma di denaro che deve essere trasferita dal loro paese e recuperata da una banca estera (operazione escrow), la quale chiede delle garanzie, quali la cittadinanza, un conto corrente e un deposito cauzionale.

In realtà, il povero ignaro che accetta di dare soldi, rischia di essere coinvolto nel reato penale di riciclaggio di denaro internazionale. Avendo quindi l’onere di provare che sia stato raggirato. Solitamente, la richiesta viene giustificata da una triste storia.

Cos’è il Romantic scam

romantic scamIl termine Romantic scam significa letteralmente “imbroglio sentimentale” e viene imbastito da un scammer, traducibile in imbroglione. Come funziona il Romantic scam? Lo scammer contatta la preda generalmente in una chat o app di incontri, munendosi anche di una immagine del profilo che esprima sicurezza, onestà, simpatia e possibilmente bella presenza. Dopodiché cerca di far innamorare di sé il povero o la povera malcapitata, e dopo qualche scambio di messaggi affabulatori durati 2 o 3 giorni, finisce per chiedere una somma di denaro. Magari non fermandosi ad una sola richiesta.

Le giustificazioni sono le più svariate: un fermo dalla polizia di un paese straniero per cui serve pagare una cauzione; smarrimento del portafogli e necessità di ottenere denaro in aiuto; pagamento di un riscatto perché sotto sequestro; malattia da curare (soprattutto per fantomatici figli); guasto di un Pc; ecc. Il tutto, fornendo ovviamente un’identità falsa e mezzi di pagamento facilmente eliminabili (in genere Paypal, Western Union, ecc.).

Come difendersi dal Romantic scam

romantic scamDifendersi dal Romantic scam è ovviamente possibile. Bastano alcuni accorgimenti. Premettendo che inviare denaro ad una persona conosciuta da qualche giorno, per di più lontana e mai vista dal vivo, è sempre una cosa sbagliata. Ecco alcuni semplici consigli:

  • diffidare da foto inviate di bassa risoluzione (ovvero sgranate);
  • controllare le foto tramite Google immagini, inserendola nell’icona della fotocamera per vederne altri eventuali utilizzi;
  • in genere gli scammers parlano un inglese grammaticalmente scorretto. Spesso viene utilizzato infatti un traduttore automatico;
  • i messaggi o le email sono ripetitivi con frasi fatte;
  • il truffatore tende a fare molte domande ma dice poco di sé;
  • chiedere di farsi inviare foto in determinate posizioni facciali, magari in diagonale. Così da metterlo in difficoltà;
  • diffidare dalle giustificazioni prima descritte.

Il web, per fortuna, crea problemi ma cerca anche di risolverli. Per combattere il Romantic scam è stato ideato il portale http://scamdigger.com/ dove è possibile visitare una galleria di foto rubate, gli elenchi degli alias più utilizzati e veri e propri copioni di frasi ricorrenti. Purtroppo, possiamo essere coinvolti anche come terze parti. Ad esempio, se la nostra foto viene utilizzata da questi truffatori a nostra insaputa. Potremmo essere chiamati dalle Forze dell’ordine a risponderne. Come accaduto in un caso presentato a “Chi l’ha visto”.

Infine, prima parlavo di Over 50 tra le principali vittime. Ma tanti sono anche gli anziani. Come successo ad un’anziana a cui lo scammer aveva già spillato migliaia di euro, fino a che, per fortuna il figlio non se ne è accorto. Purtroppo però la donna vede il figlio come nemico e ostacolo al suo pseudo-amore. Occhi aperti dunque, prima di aprire il cuore e, soprattutto il portafogli, a malintenzionati.

Lascia un commento

*