Salvini a Napoli oggi per chiedere voti: ma ecco cosa ha detto negli ultimi anni contro il Sud

Oggi il leader della Lega Nord Matteo Salvini, nonché fondatore del Movimento Noi con Salvini, che punta a fare breccia nel Sud, è a Napoli per un meeting alla Mostra d’Oltremare (sede decisa dal Prefetto, non dal Comune, per motivi di ordine pubblico). Salvini sa di non essere proprio il benvenuto nella città partenopea, che dal 2014 ogni volta lo accoglie “calorosamente” dai centri sociali. Salvini questo lo sa bene, infatti da tre anni cerca di azzerare tutto quanto detto contro il Sud e i napoletani stessi, usando anche parole elogiative nei confronti del Mezzogiorno.

Ma il popolo napoletano non ha certo dimenticato le varie cose che ha detto contro di lui e contro il Sud in generale. Di seguito riporto le frasi più significative enunciate dal leader del Carroccio, che fanno il paio con tutto quanto detto dalla Lega da un trentennio a questa parte contro i meridionali. Alla fine dell’articolo, poi, riporto anche un divertente servizio di Fanpage nel quale chiede una opinione ai napoletani sull’arrivo di Salvini a Napoli.

Salvini e il coro da stadio contro i napoletani

Ad offrirci una panoramica sulle perle di Salvini al Sud ci pensa il portale Odysseo

La sua performance più celebre il politico la mise in scena sicuramente durante la festa della Lega a Pontida nel 2009 quando assieme ad una combriccola di arguti sodali intonò “senti che puzza scappano anche i cani stanno arrivando i napoletani, son colerosi, terremotati, voi col sapone non vi siete mai lavati”. Ma il rischio è che si riduca tutto a quest’episodio e invece le esternazioni contro i meridionali sono state reiterate fino ad un passato molto recente, dimostrando la recidività del soggetto. C’è anche il video:

Un apartheid in favore dei milanesi sulla metropolitana

Sempre nel 2009, il 7 maggio, durante la presentazione dei candidati milanesi della Lega alle elezioni provinciali di quell’anno, Salvini fece una proposta destinata a renderlo figura di spicco del partito in cui si ritrova. Propose delle carrozze della metropolitana destinate solo ai milanesi, prevedendone di diverse per immigrati e “gli altri”.

Contro la Calabria

Il 6 agosto 2012, in un comizio a Manerba del Garda, poco dopo gli scandali che avevano travolto il suo partito, decise di andare sul sicuro pescando nel repertorio storico.

“Siamo noi, i rompiscatole della Lega” tuonò dal palco, “quelli che si battono per eliminare i 70 mila falsi invalidi, i forestali della Calabria, i dipendenti dell’INPS sempre in malattia. Prima il Nord non è più solo uno slogan, è una necessità. Puoi aiutare qualcuno per qualche anno, e non per intere generazioni! Se la Lombardia al netto ci perde 4 mila euro per abitante, in Calabria ce ne guadagnano 3 mila. E per fare un bel confronto basta prendere gli esempi di Trentino e Sicilia: secondo voi chi si comporta meglio?”.

Sud come la Grecia e pro-euro

Il 2 ottobre 2012, a Milano, durante la presentazione di alcuni referendum, l’europarlamentare disse che “la Lombardia e il Nord l’euro se lo possono permettere. Io a Milano lo voglio perché qui siamo in Europa. Il Sud invece è come la Grecia e ha bisogno di un’altra moneta, l’euro non se lo può permettere” (a parte che anche la Grecia è in Europa, si noti che Salvini oltre ai meridionali ha cambiato idea anche sull’euro).

Assessore siciliano come una scimmia

Il 16 ottobre 2012, durante la trasmissione “L’aria che tira”, di fronte a un’obiezione dell’Assessore alla Sanità della Regione Sicilia Massimo Russo, Matteo Salvini così pensò di replicare: “Ma questo da che albero scende?”.

Gli sprechi della Terronia

Il 21 dicembre 2013, nel primo intervento pubblico da segretario del suo partito, a Chiuduno, ci tenne a far capire che con lui al comando niente di sostanziale sarebbe cambiato, così fra la serie di sparate che si udirono in quella circostanza sentenziò che “noi siamo accanto alla gente per difendere il Nord dagli sprechi della terronia […]. Anche oggi sono riusciti a regalare 600 milioni di euro a Roma”.

Contro gli insegnanti meridionali

Il 3 settembre 2014 commentando il programma per la scuola “Mille giorni” presentato dal suo omonimo Presidente del Consiglio, il segretario leghista propose di “bloccare l’esodo di migliaia di docenti precari che partono dal Sud e arrivano al Nord per occupare per qualche mese queste cattedre”. L’11 settembre 2014, poi, proponendo che si reintroducessero i concorsi su base regionale, rincarò la dose chiedendo verifiche a tappeto “su quegli insegnanti assunti al Nord, ma provenienti dal Sud che, a decine, hanno già annunciato assenze per malattia”.

5 commenti su “Salvini a Napoli oggi per chiedere voti: ma ecco cosa ha detto negli ultimi anni contro il Sud

  1. boccia44 il said:

    La Lega governa da anni la Lombardia da anni e molti comuni lombardi, ma su nessun autobus c’è mai stata l’ apartheid. Un conto sono le battute un altro i fatti. Ricordate le barzellette sui carabinieri? Cosa si dovrebbe concludere su chi le raccontava? D’altronde ricordiamoci cosa ha sempre detto la sinistra dei ‘padroni’ con cui ora marcia a braccetto.

  2. Manu il said:

    poi uno non deve dirti di fucilarti…
    fonte non attendibile essendo un sito creato da una qualunque persona, pure mia nonna dall’aldilà puo crearlo con ALTERVISTA!!!!!!
    trovati le fonti da altri siti, i piu comuni sono repubblica, ilmattino, cronaca flegrea, l’iniziativa, e il piu importante ilsole24ore.

    • Fucilarmi? Sei proprio un degno fan di Salvini. Fai copia e incolla di ogni frase e vedi come è stata riportata in passato da altri siti. I giornali che citi tu difficilmente riportano certe cose.
      IlSole24Ore, peraltro, in queste ore non se la passa manco benissimo…

Lascia un commento

*