I tre porcellini: l’innocente favola Disney cela due messaggi inquietanti, ecco quali

I tre porcellini è tra i primissimi film d’animazione della Disney ed ebbe anche uno strepitoso successo. Trattasi di un corto di circa otto minuti del 1933 diretto da Burt Gillett, rientra nella serie Sinfonie allegre, distribuito negli Stati Uniti dalla Columbia Pictures il 27 maggio 1933 e basato sull’omonima fiaba pubblicata nel 1843. Il corto ebbe uno straordinario successo di pubblico e vinse l’Oscar al miglior cortometraggio d’animazione ai premi Oscar 1934, mentre nel 1934 partecipò in concorso alla 2ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. Ebbe anche due sequel, inoltre i tre porcellini furono aggiunti ad un’avventura di Cappuccetto rosso. La storia ha una morale: insegna ai bambini di non fidarsi degli estranei e di pensare anche al dovere e non solo al divertimento. Ma cela anche due messaggi subliminali inquietanti. Vediamo quali.

Trama de I tre porcellini

Wikipedia riporta la trama. Timmy, Tommy e Jimmy sono tre fratelli maialini che costruiscono le proprie case. Timmy e Tommy le costruiscono rispettivamente con paglia e legno per finire in fretta e passare il resto del giorno suonando e ballando. Jimmy invece passa il suo tempo costruendo una robusta casa di mattoni dove potersi difendere da Ezechiele Lupo, e per questo motivo viene deriso dai suoi fratelli che cantano “Chi ha paura del lupo cattivo?“. Mentre i due porcellini cantano, vengono davvero attaccati dal lupo e dimostrano che in realtà ne hanno molta paura, così si rifugiano nelle rispettive case. Le quali però vengono facilmente abbattute da Ezechiele Lupo e così devono rifugirarsi in quella più forte del fratello coscienzioso Jimmy. Qui i quattro daranno vita a varie gag.

I dipinti Father e Uncle con salsicce ne I tre porcellini

Prima parlavo di due messaggi inquietanti celati ne I tre porcellini. i tre porcellini padre salsicciaUno riguarda due quadretti appesi nella casa di Jimmy, che ritraggono sia il loro padre che il loro zio finiti in salsicce. Un dipinto vicino al cammino ritrae salsicce con sotto scritto “Father” (padre in americano) e un altro sopra il letto di Jimmy (ma si vede a metà) sempre con salsicce ma una scritta sotto “Uncle”. Alla loro tre porcellini zio salsicciamadre va meglio, dato che viene ritratta una scrofa che allatta dei maialini. Ma chissà se la brutta fine sia stata solo rimandata. La cosa è alquanto inquietante visto che il cartone è destinato ai più piccoli e cela quasi un monito vegetariano: visto qual è il destino di questi teneri maialini? Ravvediti!

I tre porcellini anti-semita? Prima versione con Ezechiele Lupo ebreo

Ma c’è un altro messaggio subliminale inquietante celato da I tre porcellini: nella prima versione de I tre porcellini, Ezechiele Lupo appare nei panni di uno stereotipato venditore ambulante ebreo di spazzole. Siamo nel 1933 e l’Olocausto non si sapeva cosa fosse. Non a caso, dopo la fine della Seconda guerra mondiale e tutto quanto accaduto agli ebrei, la figura di Ezechiele Lupo fu ri-animata nel 1948 per ritrarre il lupo come un venditore della Fuller Brush con accento yiddish, ma senza maschera e solo un paio di occhialoni da vista e uno giaccone. Per la messa in onda sulla televisione statunitense, la scena fu ulteriormente modificata ridoppiando il lupo per rimuovere l’accento. Per l’uscita in home video la scena fu nuovamente ridoppiata cambiando le parole “I’m giving a free sample” con “I’m working my way through college“.

Ecco il confronto prima/dopo riportato dal Corriere della sera:

lupo ezechiele ebreo lupo ezechiele tre porcellini

Nel 2001 poi tornò la versione originale. Probabilmente, una certa idea sugli ebrei ad inizio anni ’30 aleggiava anche negli Usa…

Ecco I tre porcellini nella versione originale:

Lascia un commento

*