Trump vuole abbattere gli F-35: perché andrebbe a perderci anche l’Italia

Non si è ancora insediato alla Casa Bianca, cosa che farà a fine gennaio, ma Donald Trump sta già governando a mezzo Twitter. Dopo qualche cinguettio contro la Cina, ora ne arriva uno tuonante anche contro gli F-35. Per i quali il Presidente americano punta ad abbattere i costi, quasi raddoppiati dal 2001 da quando Bush fece partire il programma di acquisto da parte del governo statunitense dei velivoli militari. Peraltro, Trump ha già preso di mira un altro gruppo dell’aerospazio: Boeing, l’azienda che dovrebbe produttore il nuovo Air Force One, l’aereo su cui viaggiano i presidenti Usa,  ma di cui Trump intende cancellare l’ordine a causa di costi elevati. Ma tornando al taglio degli F-35, perché ci andrebbe a perdere anche l’Italia?

Trump abbatte gli F-35: aerei prodotti anche in Italia dalla Leonardo-Finmeccanica

Come ricorda LaRepubblica, l’accordo siglato con l’azienda della Difesa prevede l’acquisto di oltre 2.400 Jet da parte del governo e il presidente punta a ridurre costi che sono quasi raddoppiati a 400 miliardi dal 2001. Questo il tweet del Presidente americano:


trump f-35E’ bastato questo tweet per far perdere quota al titolo della multinazionale olandese Lockheed Martin, il gruppo produttore del cacciabombardiere. Insieme a Lockheed, perde terreno però anche il titolo di Leonardo-Finmeccanica. E non è un caso. Come ricorda la grande azienda italiana sul suo sito:

“(…) I siti di Foggia e Nola realizzano le parti in composito e metalliche del cassone alare completo, del quale la Divisione Velivoli è seconda fonte di produzione anche per gli esemplari americani. In una seconda fase Cameri diventerà il centro di supporto per gli F-35 basati nell’area europea e mediterranea”.

Ma il progetto potrebbe subire una pesante battuta d’arresto.

L’ITALIA BOMBARDA CON GLI F35, MA POI NON HA I CANADAIR PER SPEGNERE GLI INCENDI

Diplomatica la risposta di Lockheed al Presidente Usa, dato che

Dà il benvenuto all’opportunità di affrontare i dubbi che il presidente eletto ha sul fantastico programma degli F-35“.

La crociata di Trump contro le multinazionali che speculano sul governo americano è appena iniziata. E anche l’Italia potrebbe andarci a perdere. A cominciare proprio dagli F-35.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*