Valle dei Templi usata per matrimoni: l’ultima umiliazione alla cultura viene dai Cinquestelle

I monumenti a cosa servono? La vera storia non la insegnano!” cantano i Negrita in Bambole. E forse, anche per dare una risposta a questa affermazione, che il Movimento cinque stelle in quel di Agrigento ha ben pensato di sfruttare la suggestiva Valle dei Templi come palcoscenico di matrimoni. In realtà, la questione dei monumenti utilizzati per feste è un po’ vecchia. Renzi, un sabato pomeriggio del 30 giugno 2013, autorizzò la chiusura del Ponte Vecchio per un raduno di ferraristi. A Palermo, invece, nel luglio scorso l’Area archeologica e monumentale di Castello a Mare è stata aperta solo per organizzare feste dance estive all’aperto (ne ho parlato qui).

Ma torniamo all’idea dei Cinquestelle agrigentini, forse ispirata dal programma trash Il boss delle cerimonie.

Matrimoni nella Valle dei Templi? Proposta a Cinquestelle

valle dei templi agrigento matrimoni m5sA riportare la notizia, proprio come nel caso del castello palermitano, è Manlio Lilli, nel suo blog su Il fatto quotidiano. Lilli riporta la mozione della consigliera comunale di Agrigento del M5S Marcella Carlisi:

“Alcune coppie, anche dall’estero chiedono di potersi sposare avendo come sfondo una delle nostre meravigliose location. Vogliamo sfruttare fino in fondo questa possibilità che, se sapientemente sviluppata, porterebbe posti di lavoro in città, prima richiesta dei nostri concittadini. L’art. 3 d. P.R. 3 novembre 2000, n. 396, recita:

  1. I comuni possono disporre, anche per singole funzioni, l’istituzione di uno o più separati uffici dello stato civile.

  2. Gli uffici separati dello stato civile vengono istituiti o soppressi con deliberazione della giunta comunale. Il relativo atto e’ trasmesso al prefetto‘. Dunque, le cerimonie civili potrebbero essere celebrate al di fuori degli uffici comunali. Attraverso l’attivazione di convenzioni con Ente Parco (zone del Parco archeologico), Tempio di Vulcano anche raggiungibile con ferrovia, Consorzio provinciale (Orto botanico), Fai (Kolimbetra), demanio marittimo (spiagge), museo “Griffo” (sala del Gigante), chiese sconsacrate,e si potrebbe avviare un indotto dedicato ai matrimoni e alle unioni civili che porterebbe posti di lavoro nel settore della ristorazione, accoglienza, organizzazione di eventi, noleggio auto, composizioni floreali e tanto altro”.

Polemiche e ironie per Castello restaurato somigliante a Spongebob: dove è accaduto

L’iniziativa “brillante” non prende però in considerazione l’usura a cui si sottoporrebbe il sito archeologico. Se si vuole animare i monumenti, per renderli più accattivanti e suggestivi di quanto non sono già, basterebbe ad esempio organizzare messe in scena in costume. Che ne espongano le origini e le vicende plurisecolari che hanno vissuto. Si possono narrare vicende di personaggi dell’epoca o più recenti che hanno decantato quei luoghi rimanendone affascinati. Un esempio l’ho raccontato qui. Si unirebbe archeologia a teatro. Due dimensioni culturali troppo spesso bistrattate da dilettanti allo sbaraglio.

Lascia un commento

*