Allegri e la bufala delle 57 partite della Juventus: come stanno le cose

Napoli è ancora in festa per la vittoria per 1 a 0 in casa della Juventus di domenica scorsa. Vittoria che porta i partenopei a un solo punto di distacco dai bianconeri, e sperano che l’Inter sabato sera possa fermare le zebre per tentare l’insperato sorpasso. Del resto, il giorno dopo, il Napoli dovrà vedersela con la Fiorentina. Come noto, non proprio in buoni rapporti con la Juventus (almeno dal punto di vista delle rispettive tifoserie). Pertanto, è probabile che i viola regalino qualcuno agli azzurri.

La città ha festeggiato la vittoria nella notte di domenica come se avesse vinto già lo scudetto, talmente è sentita la partita coi torinesi. Nella conferenza stampa del dopo partito, a Massimiliano Allegri non è andata già l’accusa che la squadra non stia giocando bene.

Allegri ha difeso la sua squadra imputando al maggior numero di partite giocate, la causa della stanchezza della Juventus. Alla domanda di un giornalista, infatti, ha risposto stizzito che la sua squadra aveva giocato 57 partite mentre le altre erano uscite da tutte le competizioni a dicembre.

Ma le cose stanno davvero così? A quanto pare, sembra proprio di no. Ecco numeri alla mano perché Allegri ha torto.

La Juventus ha giocato solo 3 gare in più rispetto al Napoli

Come riporta Napoli Today, la Juventus ha giocato finora 49 partite contro le 46 del Napoli. Gli azzurri hanno disputato le stesse gare dei bianconeri sia in Europa che in campionato e le uniche tre gare di differenza sono da imputare al turno in più giocato dai bianconeri in Coppa Italia e la Supercoppa italiana. A fine anno la Juventus terminerà la stagione con quattro partite in più.

Le 57 partite chiamate in causa da Allegri non sono del tutto una bufala, dato che sarebbero state le gare totali che la Juventus avrebbe disputato se fosse andata avanti in Champions. Basta fare due calcoli: 49 fino ad ora, più 4 restanti di Serie A, più le 3 di Champions (andata e ritorno della semifinale, e la finale) e la finale di Coppa Italia. Purtroppo per Allegri la matematica non è una opinione.

Dunque, se è vero che la squadra appare stanca, in fondo anche il Napoli lo è. E pure visibilmente di più rispetto alla Juventus, dato che non ha gli stessi ricambi e hanno giocato gli stessi 11 giocatori per quasi tutta la stagione. Con giusto 2-3 altri compagni di squadra scelti per la rotazione. Ma entrando soprattutto a gara in corso.

Juventus con lo spogliatoio spaccato

juventus stadium scudetti

La verità è che il ciclo di Allegri è finito già lo scorso anno e l’ennesima finale persa in Champions league ha finito pure per spaccare lo spogliatoio. Si guardi al caso Bonucci su tutti. Allegri avrebbe fatto bene a lasciare la società lo scorso anno, nel tentativo per lui e per quest’ultima di lanciare un nuovo ciclo.

Molto probabilmente, la separazione avverrà il prossimo anno. Coi bianconeri che tenteranno, come da oltre vent’anni a questa parte, di vincere la Champions league.

Precedente Eboli, dove Cristo si è fermato Successivo Reddito di cittadinanza bocciato da Bankitalia e Finlandia: doppio schiaffo per i Cinquestelle

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.