ANCHE LA GERMANIA SCOPRE IL DARK SIDE OF AUSTERITY: CROLLANO LE ESPORTAZIONI

LO SCORSO AGOSTO SONO ARRIVATE A SFIORARE IL -6%, IL MINIMO DAL 2009. MA ANCHE IL MERCATO ENERGETICO PIANGE
Mentre da Spagna e perfino Grecia cominciano ad arrivare segnali di ripresa, seppur timidi e fragili, anche la Germania comincia a conoscere il Dark side of the Austerity. Per dirla come i grandi Pink Floyd (peraltro tornati disco graficamente di recente, dopo un silenzio lungo vent’anni). Ad agosto, infatti, l’export tedesco è sceso ai minimi dal 2009, esattamente dal mese di gennaio, facendo registrare un rumoroso -5,8%. Il surplus commerciale si è di conseguenza ridotto a 14,1 miliardi di euro dal livello record di 23,5 miliardi. Proprio le esportazioni nell’Eurozona costituivano il motivo principale della difesa dell’Euro da parte della Merkel, visto che, con l’introduzione di una moneta unica rispetto al più forte Marco che dissuadeva il commercio intra-europeo, le esportazioni teutoniche erano aumentate fino al 75%. Ma a pesare è anche la crisi ucraina.

LA SITUAZIONE – Lo scivolone delle esportazioni, afferma Kit Juckes, esperto dei cambi presso Société Générale, conferma “quanto la crisi dell’Ucraina stia colpendo il cuore dell’economia europea”. Per l’esperto, “assisteremo ad altri casi del genere (dunque a nuovi dati negativi), e dunque a maggiori pressioni affinché la Bce agisca”.
Carsten Brzeski di ING dice chiaramente che la Germania “ha bisogno di un piccolo miracolo, per evitare la recessione”. ” I dati commerciali di agosto si aggiungono semplicemente alla devastante evidenza che l’intera economia tedesca si è fermata in quel mese”.
Il motivo? Per Brzeski è da ricercare nel rallentamento delle economie di diversi mercati chiave per le esportazioni tedesche, nella crisi ucraina, e nelle vacanze estive. Ma le prospettive rimangono decisamente fosche: “Guardando in avanti, i dati di questa settimana mostrano che, a dispetto del miracolo del calcio di questa estate, non ci sarà sicuramente nessun miracolo economico. Piuttosto, l’economia avrà bisogno di un piccolo miracolo a settembre, per evitare la recessione nel terzo trimestre”.
IL CROLLO ANCHE DEL MERCATO ENERGETICO – A pesare come un macigno sono anche le parole rilasciate da Henri Proglio, presidente e amministratore delegato del gruppo energetico francese EDF, al Financial Times. A suo avviso il mercato energetico tedesco è “un disastro” e una delle due principali società di energia elettrica “è più o meno morta”. Di fatto, “Eon e RWE fanno fronte a una pressione enorme. Una è più o meno morta, l’altra versa in condizioni molto difficili”.
Le società fanno i conti con il forte crollo degli utili, in un momento in cui il paese sta puntando più sulle fonti rinnovabili di energia che su quelle convenzionali, dopo la decisione della cancelliera Angela Merkel di uscire dal mercato dell’energia nucleare.
Intanto, i principali centri studi della Germania tagliano le stime sulla crescita della Germania: per il 2014 si prevede +1,3% per il Pil tedesco, e per il 2015 una lieve decelerazione al +1,2%. Precedentemente avevano indicato tassi di crescita rispettivamente di 1,9 e 2%. Forse anche a Berlino, dopo Parigi, cominceranno a capire che quest’Europa così non va.

(Fonte: Qui finanza)
Precedente THE ETERNAL CITY, QUANDO HOLLYWOOD ELOGIAVA BENITO MUSSOLINI. AMERICA GIA’ AMBIGUA COI DITTATORI Successivo ELEZIONI IN BRASILE: COMUNQUE VADA SARA’ UN DISASTRO PER L’AMAZZONIA

0 commenti su “ANCHE LA GERMANIA SCOPRE IL DARK SIDE OF AUSTERITY: CROLLANO LE ESPORTAZIONI

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.