Occhio agli anti-bufale: i tre errori che hanno commesso con me

In Parlamento si sta formulando l’ennesima legge che tenta di mettere le mani sulla libertà del web in nome della verità. In questi anni, centrodestra, centrosinistra e tecnici ci hanno provato a più riprese. Per fortuna, senza poi concretizzare. Giusto tutelare le persone da false notizie, bufale, allarmismi, diffamazioni, ma il tentativo del potere è anche quello di approfittarne per manipolare l’informazione in proprio favore. Facebook sta prendendo delle iniziative in tal senso, così come Google News. E ciò già è importante. E sufficiente. Se un po’ tutti i giornali si impegnano di più nel non perseguire solo il profitto mediante la pubblicazione di titoli acchiappa-click, il sistema ne gioverebbe. Ma creare comitati inquisitori è pericoloso. Sempre.

Del resto, gli stessi anti-bufale possono cascare in errori. Talvolta dettati proprio dal loro issarsi a paladini della verità e dell’informazione vera. Sceriffi del web che rischiano di “condannare a morte” notizie che in realtà sono vere o solo parzialmente false. Di seguito vi riporto tre casi che mi hanno riguardato.

Simpson previdero Trump Presidente degli Usa: c’è un errore ma non è bufala

trump simpsonSu BlastingNews ho riportato la notizia ripresa da vari siti, riguardo il fatto che i Simpson, tra le varie cose anticipate spesso casualmente, hanno previsto nel 2000 anche la vittoria di Donald Trump. In una puntata di quell’anno, infatti, Bart to the Future, Lisa appena diventata Presidentessa degli Stati Uniti parla del predecessore Trump che ha mandato in bancarotta il Paese. Puntata che peraltro ricordo di aver visto. L’errore che io, come altri, abbiamo compiuto, è quello di aver corredato l’articolo con un video di Trump che scende le scale mobili della Trump Tower, con Homer che poi finisce nei suoi folti capelli biondi. Infatti, quel video da cui è stata anche estrapolata l’immagine inserita nell’articolo, risale a una puntata molto più recente: del 2015. Pertanto, l’articolo non va bollato come bufala, bensì va fatta qualche precisazione.

Sul seguito sito di David Puente, invece vengo trattato alla stregua di uno spara-balle. Ho anche provato più volte a spiegare commentando l’articolo, ma il signor Puente ha ben pensato di non approvarlo. Ormai il suo verdetto è stato emesso ed è pure inappellabile. Un po’ come faceva l’inquisizione cattolica nella prima metà dell’anno Mille.

Su Marte rinvenuto scorpione gigante: più che bufala, lascio il beneficio del dubbio

scorpione marteSovente la sonda Curiosity, su Marte dal 2012, ci manda strane foto dal Pianeta rosso. Le pietre e le loro relative ombre, spesso lasciano intravedere strane forme. Spesso ne ho scritto sempre su BlastingNews, e tra le varie segnalazioni ho riportato anche quella di un presunto scorpione gigante su Marte. Questo sito mi ha citato tra coloro che hanno scritto di questa cosa, bollandola come bufala. Intanto va detto che non è escluso che su Marte ci siano esseri del genere. Ma a parte ciò e il titolo accattivante, nell’articolo ho posto degli interrogativi, mi sono limitato a citare la dichiarazione della fonte e anche citato la Nasa che non si è espressa in merito.

Auricolare per traduzione simultanea: bollato come bufala ma è una straordinaria invenzione tecnologica

auricolare simultaneoSul sito anti-bufale per antonomasia, Bufale.net, viene invece trattata la notizia circolata a maggio 2016 di un auricolare capace di tradurre simultaneamente in più lingue straniere. Loro hanno ricevuto la segnalazione da qualcuno e hanno così provveduto a verificare citando più siti. Mi sembra già un metodo più giusto. Tra le altre, è stata citata anche la mia scritta per FocusTech. Alla fine è stata bollata come vera e la mia news ha peraltro aggiunto anche informazioni importanti alla causa. Come riconosce lo stesso sito. Eppure, qualche paladino dell’anti-bufala stava per far passare anche essa come falsa. Speriamo invece che questa straordinaria invenzione venga realmente commercializzata (per ora si tratta di un prototipo che spera in finanziamenti tramite crownfunding). Alla faccia loro.

Precedente Gatti, in Italia avvelenati 70mila ogni anno: le zone più spietate Successivo Oscar, da Charlie Chaplin ad Alfred Hitchcock: i grandi che non l’hanno mai vinto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.