Berlusconi è finito? Le 16 nefandezze di cui non dobbiamo dimenticarci

Cosa ne pensi?
1

E’ dalla caduta del primo Governo del ‘94, che Berlusconi viene dato per finito. Ma poi ha vinto altre due elezioni (2001 e 2008), perdendone due (1996 e 2006) ma solo perché il centrosinistra si era presentato con un’armata brancaleone che andava dai post-comunisti ai post-democristiani, passando per radicali e socialisti. Una mera sommatoria di voti durata di fatto due anni. Le ultime due elezioni, del 2013 e del 2018, sono finire con un pareggio e un quarto posto. Finendo però per la prima volta in una posizione di subalternità rispetto alla Lega trainata dal fenomeno Salvini (18% contro il 14%).

In molti danno per finito Silvio Berlusconi. Ma è davvero così? Difficile da dirsi, è già risorto troppe volte e inaspettatamente. Ma cosa ci lascerebbe eventualmente Berlusconi dopo un quarto di secolo tra governo ed opposizione? Sicuramente tante promesse tradite, soprattutto per la mancata rivoluzione liberale tanto millantata ad ogni campagna elettorale (pure l’ultima). In particolare, per l’abbattimento di burocrazia e tasse. Ma a parte qualche imposta come l’Ici, che in realtà ha finito solo per rovinare i comuni e la tassa di successione (che gli ha permesso di lasciare ai suoi figli un Impero senza particolari problemi fiscali), la pressione fiscale non è certo stata abbassata.

Ho invece apprezzato la politica estera, meno filo-europeista (di fatto ha subito il golpe dello Spread) e più vicina agli interessi nazionali energetici, grazie ad accordi con Putin e Gheddafi. Avversati dal resto d’Europa, che ha abbattuto il secondo e colpisce con dazi il primo. Tutto a nostro svantaggio. Restano poi gli scandali, tra corruzione, festini con escort, evasione fiscale e quant’altro. Demeriti, per non dire nefandezze, politici e morali che non possono essere dimenticati. Dei quali di seguito riporto un elenco.

Le 16 nefandezze di Berlusconi in 16 anni di politica

berlusconi cose fatte

Riprendo come fonte una barzelletta condivisa da un amico su Facebook. Che mi sembra abbastanza esaustiva.

1. Scudo fiscale in favore di chi ha capitali all’estero
2. Abbassamento dell’1% delle tasse dirette, costringendo gli enti locale ad aumentare le tasse locali del 45% per garantire i servizi essenziali
3. Ricandidatura di 13 persone già condannate con sentenza passata in giudicato
4. Modifica della legge elettorale in modo che siano le segreterie di partito a scegliere gli eletti e non più i cittadini
5. Omissione di qualsiasi controllo sull’entrata in vigore dell’Euro permettendo a negozianti e professionisti di raddoppiare i prezzi
6. Abolizione della tassa di successione per i patrimoni
7. miliardari
8. Quadruplicazione del suo patrimonio personale e salvataggio delle sue aziende dalla bancarotta
9. Epurazione dalla RAI di giornalisti non graditi
10. Leggi ad personam per eludere i processi come la Ex-Cirielli , la Cirami e la salva-Previti ?’
11. Voragine nei conti dello stato, cambiando 3 volte ministro del tesoro
12. Contributo pubblico per i decoder digitale favorendo una società del fratello che li produce
13. Depenalizzazione del falso in bilancio ma introduzione della galera per chi masterizza I DVD
14. Saccheggio della Francia della BNL ma mancata acquisizione di una società francese da parte di ENEL
15. Festini ad Arcore con le escort quando era Presidente del consiglio
16. Corruzione di un Senatore per consentire la caduta del Governo Prodi

Precedente I robot ci ruberanno il lavoro? In Italia è già realtà: ecco i vari esempi Successivo Fabrizio Frizzi, l’ipocrisia della Rai che lo ha maltrattato da vivo

Un commento su “Berlusconi è finito? Le 16 nefandezze di cui non dobbiamo dimenticarci

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.