Berlusconi tradito dalle sue stesse Tv: ecco i 3 volti noti che ha fatto fuori

Il nuovo Governo è ancora lungi dal venire. Luigi Di Maio ha detto no a Berlusconi. Silvio Berlusconi ha detto no a Luigi Di Maio. Matteo Salvini ha detto no al Partito democratico (leggi Renzi). Il Partito democratico ha detto no a tutti. Una situazione super intricata, che Sergio Mattarella difficilmente sbroglierà se non affidandosi a figure terze che possono avere appoggi da più partiti. Magari tornando al voto.

In effetti, chi ha elaborato l’attuale legge elettorale ha fatto male i conti. Ossia Pd e Forza Italia, più qualche altro partito centrista. Speravano di ottenere i numeri giusti per fare un inciucio e scongiurare l’avanzata dei Cinquestelle. Come avvenne nel 2013. ed invece, gli italiani hanno dato al Movimento 5 stelle il 32%, mentre a Pd e Forza Italia, rispettivamente “solo” il 19 e il 14. Tanto che ora la guida del centrodestra spetta a Salvini, che ha incassato il 18%.

E pare proprio che Berlusconi sia molto adirato per il suo flop elettorale, per il quale non dà alcuna colpa a se stesso. E al fatto che ormai, da tempo, incarni una stagione politica, uno strumento di comunicazione e un dato anagrafico, superati. Bensì, dà la colpa anche e soprattutto alle sue televisioni. Ree di aver portato acqua ai mulini dei partiti populisti. Ossia Lega e Cinquestelle appunto. Soprattutto a Rete 4. Canale che ha sostituito il fedelissimo Emilio Fede e il suo mitico Tg4 delle 19 con varie trasmissioni serali e pre-serali in cui si parla di cronaca nera, immigrati e periferie.

E così Berlusconi ha deciso che qualcuno debba pagare per quel flop. Facendo saltare ben 3 teste.

Berlusconi silura Del Debbio, Belpietro e Giordano

Come riporta Il Corriere della sera, Berlusconi avrebbe imprecato: «Le nostre tivvù hanno nutrito i populisti». Del resto, era proprio marzo, ma di un anno fa, quando Confalonieri disse al Foglio che in certe trasmissioni si stava «esagerando». E si chiese: «A che serve? E a chi giova?». Un anno dopo, le parole del presidente di Mediaset possono apparire una profezia.

In realtà era solo la previsione di chi schermisce il proprio fiuto politico dietro l’immagine del «lobbista». Allora Confalonieri difese le trasmissioni del Biscione e i suoi conduttori, «che sono bravi e non propongono fake news, ma c’è talvolta un eccesso nel racconto che non mi piace».

Tuttavia, il direttore generale di Mediaset, Crippa, ha smentito «scenari complottisti» dietro il cambio della guardia che riguarda tre volti noti come Belpietro, Del Debbio e Giordano: «Sono nostre colonne che torneranno presto sui nostri schermi. Parlare di una rivoluzione anti-populista è un falso».

L’ira di Berlusconi e l’acqua sul fuoco di Felice Confalonieri

Restano tuttavia agli atti gli interrogativi di Confalonieri e le imprecazioni postume di Berlusconi, che porta nel cuore «l’azienda» e la sponsorizza in ogni dove. Persino l’altro ieri ne ha parlato durante le consultazioni al Quirinale. È successo quando Salvini — presentando a Mattarella la parte del programma sul lavoro — ha spiegato «l’importanza del made in Italy, che vogliamo valorizzare». «In effetti — si è introdotto il Cavaliere — serve valorizzare le aziende del nostro Paese. Mediaset, per esempio, è una bella realtà. Virtuosa e italiana». Incurante di finire in fuorigioco per conflitto d’interessi, è come se il leader di Forza Italia avesse voluto esternare l’ansia per il futuro del Biscione, assediato da quei «populisti» che le sue tivvù avrebbero «nutrito».

Una versione che Confalonieri respinge. E chissà se prima o poi dirà in pubblico ciò che sostiene da un mese a questa parte in privato. Anche davanti a Berlusconi: «Basta con la storia del timore per le aziende. Abbiamo attraversato tante stagioni politiche: la Dc di De Mita, il Pci di D’Alema e di Veltroni, l’era di Prodi con Gentiloni alle Comunicazioni che ci fece un po’ sudare… Ma siamo qui, siamo una società quotata in borsa, con migliaia di persone che lavorano. E non dobbiamo temere nessuna ritorsione. Anche perché noi lavoriamo bene, ospitiamo tutti e li trattiamo alla pari: che si tratti di Renzi o di Di Maio. Lo dobbiamo al nostro pubblico, dato che campiamo con la pubblicità».

Chi è seduto ai tradizionali pranzi di Arcore ha sentito il patron del Biscione fare spesso questo discorso nelle ultime settimane, soprattutto quando a tavola venivano prefigurati scenari apocalittici per le aziende in caso di rovesci politici. «Scusate, non capisco questa concitazione. Calma e gesso. Anche perché io penso che Salvini non romperà il centrodestra. Scusate, ma che convenienza ne trarrebbe?». Raccontano che così Confalonieri faceva riprendere colore all’amico di una vita. Eppoi è convinto di quello che dice: «Salvini non romperà. Fa il suo gioco, è normale. Ma si troverà un’intesa. E si farà un governo».

Berlusconi e l’ossessione per i Cinquestelle

berlusconi cose fatte

Del resto, Berlusconi sta parlando dei Cinquestelle come faceva nel ‘94 dei comunisti. Ossia, di una forza politica pauperista e anti-democratica. All’epoca vinse e anche a sorpresa. In quanto lui rappresentava la novità rispetto ai vecchi partiti spazzati via dalla Magistratura o dalla Storia. Ma da un po’ la novità sono proprio i Cinquestelle, che hanno spazzato via lui e i vecchi partiti.

Precedente La Siria e il solito errore degli Occidentali Successivo Ai diciottenni la patente non interessa più: ecco le loro nuove priorità

Un commento su “Berlusconi tradito dalle sue stesse Tv: ecco i 3 volti noti che ha fatto fuori

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.