Crea sito

Cannabis coltivata in casa: quando è possibile

Ultimo aggiornamento

Il 19 dicembre è giunta una sentenza molto importante, sul tema della Cannabis coltivabile in casa. Tema da sempre tabù per la politica italiana, tanto che ad ogni possibile svolta, è seguita poi sempre una rinuncia o una legge successiva che la sopprimeva.

Ultimo caso la proliferazione dei negozi con prodotti basati sulla Cannabis, dove regna la confusione e l’incertezza.

La Corte costituzionale in passato è intervenuta più volte sul tema, sposando una linea rigorosa, e così la giurisprudenza ha assunto – dopo alcune isolate sentenze controverse sul tema – una posizione netta.

Pertanto, coltivare la cannabis è stato sempre reato, a prescindere dal numero di piantine e dal principio attivo ritrovato dalle autorità, anche se la coltivazione era per uso personale.

Quindi, anche la Cassazione si è adeguata a questa linea. Almeno fino al 19 dicembre, quando la sentenza pubblicata consente la coltivazione della cannabis in casa. Sebbene con diversi paletti. Vediamo .

Cannabis, quando è possibile coltivarla in casa

Quando è possibile coltivare in casa la Cannabis? In effetti, non bisogna lasciarsi andare a facili entusiasmi.

Come riporta Il Corriere della sera, infatti, l’unico utilizzatore del prodotto ‘homemade‘ può essere solo la persona che materialmente si dedica alla cura delle piante e non è ammessa la destinazione anche ad eventuali componenti del nucleo familiare, o il consumo di gruppo.

Inoltre, le piante devono essere coltivate solo con “tecniche rudimentali” per cui non è chiaro se già la presenza di un impianto di irrigazione potrebbe far sorgere il sospetto che lo scopo sia lo spaccio. Per non parlare del possesso di eventuali bilancini o strumenti di precisione per pesare in grammi.

Altro elemento importante è la mancanza di riferimenti alla quantità di Thc contenuta nella pianta. Per la cannabis “legale” la norma prevede un tetto dello 0,6% contro il 5-8% di quella “illegale” ma anche di quella coltivata dallo Stato per scopi terapeutici. Per la Cassazione, invece, chi la coltiva in casa per uso personale non è perseguibile, a prescindere dal livello di Thc.

Inoltre, sottolineando che il quantitativo di prodotto stupefacente ricavabile dalla coltivazione domestica deve essere “modestissimo“, i supremi giudici danno una indicazione molto ‘tranchant‘ che prescinde dal concreto ‘livello’ drogante e da qualunque riferimento ad altri parametri come quello della salute pubblica e del mercato della droga,

Le Sezioni Unite pongono questo quesito alla Corte:

Un dubbio ad esempio riguarda il fatto se, ai fini della configurabilità del reato di coltivazione di piante dalle quali sono estraibili sostanze stupefacenti, è sufficiente che la pianta, conforme al tipo botanico previsto, sia idonea, per grado di maturazione a produrre sostanza per il consumo. Non rilevando la quantità di principio attivo ricavabile nell’immediatezza, ovvero se è necessario verificare anche che l’attività sia concretamente idonea a ledere la salute pubblica ed a favorire la circolazione della droga alimentandone il mercato”.

Cannabis in casa legge cosa dice

cannabis coltivabile legge

Anche l’Italia si apre dunque alla coltivazione della Cannabis per uso privato. Un primo timido passo, che occorre però capire quanto durerà. Per ora, nel nostro Paese è stato consentito l’uso terapeutico, seppur sempre limitato e osteggiato dalla Medicina legale. Eppure le sue proprietà sono largamente riconosciute, per scopi analgesici e rilassanti.

Nel Mondo sono sempre più gli Stati che si stanno aprendo alla Cannabis, ultimo il Canada. Anche in Borsa aumentano le azioni collegate a società impegnate nel mondo delle erbe per uso ricreativo e medico.

C’è chi ritiene questo lascia passare pericoloso, in quanto renderebbe più facile l’avvicinamento dei giovani alle droghe. E chi invece ritiene che sottragga il commercio delle droghe leggere alla malavita.

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.