Caramelle Haribo, ecco cosa si nasconde dietro loro produzione

Cosa ne pensi?
1

“Haribo è la bontà che si gusta ad ogni età” dice un simpatico e quasi trentennale spot televisivo che le pubblicizza. Parliamo delle colorate e simpatiche caramelle gommose Haribo, nate nel 1920 insieme all’azienda tedesca che le produce: la Haribo-Holding GmbH & Co. KG, con sede a Bonn nel quartiere Kessenich. Prende il nome dalle iniziali del suo fondatore, Hans Riegel, e della località di Bonn.

Caramelle gommose che da quasi un secolo allietano bambini ed adulti con il loro sapore dolce e la loro forma gommosa. Eppure, anche dietro la produzione delle caramelle Haribo, si nasconde schiavismo e sfruttamento, che riporto di seguito. Una storia che rende le caramelle Haribo sicuramente più amare.

Caramelle Haribo prodotte in condizioni disumane in Brasile

haribo caramelleCome riporta Il Corriere della sera, la denuncia arriva da una serie di documentari tedeschi, Markenchek, ovvero «Check brand», che analizza le condizioni di lavoro dei grandi marchi di produzione. Uno degli ultimi episodi è stato dedicato proprio ad Haribo, e ha mostrato immagini delle condizioni inaccettabili di lavoro nelle piantagioni in Brasile dove gli operai raccolgono la cera che poi servirà a rendere lucidi e non appiccicosi gli orsetti gommosi, le girelle di liquirizia e tutte le altre specialità di Haribo. «Siamo estremamente preoccupati dalle immagini mostrate nel programma dei consumatori», ha detto una portavoce di Haribo «Le condizioni di lavoro sembrano insopportabili», ha aggiunto, precisando che l’azienda sta verificando con i suoi fornitori di primo livello quali sono le condizioni nelle piantagioni e nelle aziende agricole che li forniscono dei prodotti che acquistiamo.

Haribo, cos’è la cera di carnauba

haribo ingredientiHaribo è stata fondata nel 1920 e impiega 7 mila persone in 10 Paesi: non è l’unica azienda che si rifornisce di cera di carnauba, un prodotto naturale ricavato dalle foglie di alcune palme, assai diffuse in Brasile: le foglie si raccolgono quando sono ancora chiuse, vengono battute per sciogliere la cera, che viene lavorata e poi sbiancata. Cos’è la cera di carnauba? Prodotta nella zona nord-est del Brasile, la cera di carnauba viene poi esportata in tutto il mondo per essere utilizzata in diverse categorie di prodotti, dall’olio per le automobili al filo interdentale al lucido per le scarpe. Etichettata come E903, è un agente di rivestimento innocuo. Un funzionario brasiliano del ministero del Lavoro ha rivelato che negli ultimi tempi ci sono molte lamentele sull’industria della cera carnauba e che molte persone sono state trovate a lavorare in condizioni «che potrebbero essere descritte di schiavitù, con i lavoratori trattati peggio degli animali».

Caramelle Haribo ingredienti

haribo scandaloL’orsetto gommoso è lungo circa 2 cm, prodotto con zucchero, sciroppo di zucchero e gelatine varie che rendono il prodotto gommoso, oltre a coloranti, aromi, rivestimento e acqua. L’orsetto fu inventato nel 1922 da Hans Riegel e ribattezzato successivamente Tanzbär. Il Kaiser Guglielmo II di Germania premia il Gummibär come miglior prodotto della Repubblica. Dal 1967 viene introdotto anche il nome Goldbären. Nel 2005 viene prodotto a 100 milioni di esemplari al giorno in 15 paesi europei, e venduto in 100 paesi diversi. Per il mercato tedesco viene prodotto con estratti naturali coloranti. Dall’agosto 2007 è avvenuto un cambiamento produttivo. Ad oggi sono previste sei varianti al gusto di: Arancia, Limone, Ananas, Fragraria, Lampone, Mela.

Haribo, una dolce multinazionale

Ad oggi Haribo conta 6.000 collaboratori in quattro stabilimenti in Germania e altri dieci in Europa. I prodotti Haribo vengono distribuiti in più di 100 paesi (2003). I suoi prodotti sono distribuiti in tutti i Paesi europei, Stati Uniti, Australia e Cina.

Haribo storia

Qual è la storia delle caramelle Haribo? Come riporta Wikipedia, l 13 dicembre 1920 viene registrata la ditta Haribo dal fondatore Johann “Hans” Riegel nel registro imprese di Bonn. La designazione dell’azienda è costituita dalle iniziali di nome, cognome e sede: Hans Riegel Bonn. Il capitale dell’azienda è un sacco di zucchero, una pentola di rame, un tagliere in marmo, uno sgabello, un forno a legna e un mattarello. La sede della ditta fu in una casa di Bergstraße nel quartiere Kessenich. Due anni più tardi Hans Riegel creò il Gummibär (“Tanzbären” – orsetto danzante). Nel 1925 Haribo inizia la produzione di dolci alla liquirizia. Agli inizi degli anni ’30 viene fondata la nuova sede principale. Nel 1935 viene creata a Copenaghen, assieme al socio Christian e Eckhof Hansen la Haribo Lakrids A/S Kopenhagen.

Durante la seconda guerra mondiale la produzione diminuisce, anche a causa della penuria di materie prime. Nel 2000 Haribo viene accusata di aver usato prigionieri di guerra. La società contestò tale accusa e fece una donazione alla Stiftung “Erinnerung, Verantwortung und Zukunft”. Dopo la prematura scomparsa di Johann Riegel nel marzo 1945, l’azienda proseguì con sua moglie. Successivamente i figli Hans e Paul nel 1946 riaprirono la società dopo la guerra. Hans Riegel rappresenta la società all’esterno, mentre Paul Riegel segue la ricerca e sviluppo prodotto e così la bontà al pubblico. Nel 1957 Haribo acquisisce la Kleutgen & Meier, dove Hans Riegel ebbe il suo primo lavoro. Nel 1961 viene acquisita la Bonera Industrie en Handelsmaatschappij N.V. a Breda (Paesi Bassi) e creata la HARIBO Nederland B.V..

Nel 1967 crea la divisione francese presso la Lorette di Marsiglia, la HARIBO-France S.A.. Nel 1987 avviene la fusione con la francese Ricqles Zan, creando la Ricqles-Zan con sede a Marsiglia, Uzès e Wattrelos. A Uzès si trova un museo aziendale. Nel 1968 acquisisce il controllo della Dr. Hillers AG di Solingen, nel 1979 totalmente. Dal 1980 viene inaugurato un nuovo sito produttivo. Nell’ottobre 2011 lo stabilimento di Solingen viene convertito in magazzino, uffici e logistica. Nel 1971 viene presa la Bären-Schmidt, nel 1972 la inglese Dunhills (nel 1994 totalmente). Negli anni’70 vengono create società in Austria e Svizzera. Nel 1982 viene venduto l’orsetto dorato (Goldbären) negli USA. Seguirono espansioni in Francia, Norvegia, Spagna, Finlandia e Turchia.

Nell’estate 2008 avviene una disputa familiare e nel 2010 viene introdotta una nuova struttura societaria. La Haribo-Holding GmbH & Co. KG diviene la nuova casa madre. Metà della Dr. Hans Riegel Holding e metà della famiglia Paul Riegel. Hans Riegel muore il 15 ottobre 2013. Nell’ottobre 2003 Hans Riegel junior alla Westdeutscher Rundfunk Köln dichiara che suo nipote Hans-Jürgen Riegel (* 1956) diventerà il successore alla guida della società. Fino al 2005 Hans-Jürgen Riegel guidò la sede francese, con suo zio. Il cotitolare Haribo, Paul Riegel, muore la notte del 3 agosto 2009. Dopo la decisione della camera di commercio e industria di Bonn (alla quale fu inoltrato il reclamo da Paul Riegel, dopo la sua morte dai figli) la struttura Haribo cambiò. Viene fondata una Haribo Holding. La Hans Riegel Holding e la Paul Riegel Holding, dei figli di prima e seconde nozze, posseggono il 50% di Haribo Holding. Hans-Arndt, figlio di Paul Riegel in seconde nozze, presiede il consiglio di amministrazione e il fratello Hans-Guido Riegel presiede la parte tecnico-produttiva.

Dal 2005 vi fu una speculazione dei media sulla possibilità di chiusura del sito di Bonn con 1.300 dipendenti, data la non più possibilità di espansione. Come nuova attività era immaginata una sede a Grafschaft (Germania)-Gelsdorf e forse Rheinbach. Nel 2008 l’ente tedesco Bundeskartellamt ha fatto un’azione di anticartello contro diversi produttori dolciari. Nel 2012 viene multata Haribo per 2,4 milioni di Euro. Il 20 settembre 2013 viene reso noto che Haribo ha comprato un pezzo di terra di 30 ettari presso l’Innovationspark Rheinland tra Ringen e Oeverich in Grafschaft (Germania) per creare un centro logistico e forse produttivo.

Precedente Anna Frank con maglia Roma: 2 motivi per i quali Italia si conferma ridicola Successivo Erchie, anfiteatro vista mare

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.