Crea sito

Carnevale di Rio, il significato drammatico che pochi conoscono

Ultimo aggiornamento

Anche quest’anno si sta svolgendo il travolgendo Carnevale di Rio. Esplosione di colori, balli interminabili (che ogni anno mietono pure vittime), carri impetuosi, costumi al limite della censura. Croce per i club europei e delizia per i calciatori che tornano in Patria, dimenticando gli impegni societari. Colti dalla cosiddetta saudade.

Per qualche giorno, il Brasile riduce le distanze economiche, i poveri dimenticano i propri problemi, il Paese brilla di una luce seppur artificiale e di breve durata.

Quest’anno si svolge dal 2 al 10 marzo. Il primo festival di Carnevale a Rio è avvenuto nel 1723. La tipica parata del carnevale di Rio è piena di festaioli, carri allegorici e ornamenti di numerose scuole di samba che si trovano a Rio (più di 200 circa, suddivise in cinque leghe / divisioni). Una scuola di samba è composta da una collaborazione di vicini locali che vogliono partecipare al carnevale insieme, con una sorta di background regionale, geografico e comune.

C’è un ordine speciale che ogni scuola deve seguire con le loro voci di parata. Ogni scuola inizia con il “comissão de frente”, cioè il gruppo di persone della scuola che appaiono per prime. Realizzato da dieci a quindici persone, il “comissão de frente” introduce la scuola e definisce l’umore e lo stile della loro presentazione. Queste persone fanno danze coreografate in costumi fantasiosi che di solito raccontano una breve storia.

Tutto molto bello quindi. Sebbene questa festa impregnata di allegria, nasconde una triste .

Carnevale di Rio origini

carnevale di rio foto

Come riporta Wikipedia, la festa del Carnevale di Rio risale al 1640. Durante quel tempo, furono organizzate feste elaborate per onorare gli dei del vino greco. Secondo la mitologia greca, la tendenza a onorare la vendemmia, la vinificazione o il vino iniziò nel 1500-1100 aC. I Romani adoravano Dioniso o Bacco, il dio della vendemmia. Il festival “Entrudo” è stato introdotto dai portoghesi e questo ha ispirato la nascita del Carnevale in Brasile. Nel 1840, il primo masquerade di Rio ebbe luogo, e polka e valzer presero il centro della scena.

Gli africani successivamente influenzarono il Carnevale con l’introduzione della musica samba nel 1917, che ora è considerata una forma tradizionale di suoni brasiliani.

Carnevale di Rio significato

carnevale di rio origini

Come riporta Il Giornale, la Samba ha una lunga storia di resistenza, tuttavia “non è mai stata radicale, perché la linea dei leader delle scuole è sempre stata conciliatoria. Forse la definizione più appropriata in questo caso sarebbe quella di resilienza” spiega Spirito Santo.

Ritmo nato dal popolo nero, con varie influenze provenienti dalla musica e dalle usanze africane (ma anche dai ritmi europei), la samba è la vera anima del carnevale di Rio, e le scuole di samba, strettamente legate alle comunità e ai quartieri poveri, tradizionalmente cantano storie di esclusione e lotta, di dolore e amore, e quest’anno non farà eccezione.

Gabriel Borges, dottorando in letteratura con un focus sulla musica brasiliana all’Università Federale di Rio de Janeiro, afferma che “da una parte, la natura marginale del genere ha nella schiavitù uno dei suoi fondamenti d’origine. Non sorprende che la samba urbana si sia inizialmente accostata alla figura del furfante [o del vagabondo], il cui rifiuto di lavorare è dovuto agli strascichi sociali dello sfruttamento della schiavitù.

D’altra parte, il genere rappresenta abbondantemente anche le aspirazioni della popolazione nera di integrarsi nella società [dei bianchi], provando a superare questo stato di emarginazione. È significativo che i pionieri del genere nella città di Rio de Janeiro cercassero di stabilire un legame con la classe media urbana e tenessero le porte aperte anche ai bianchi e ai mestizos che lavoravano come funzionari pubblici, giornalisti e intellettuali, ed anche ad altri membri della cosiddetta “società carioca”, che abbracciava le novità provenienti dalle classi subalterne”.

Ecco che le scuole di samba, quindi, gli spazi della resistenza nera nelle favelas di Rio de Janeiro – gli artisti della samba furono perseguitati e criminalizzati all’inizio del secolo scorso, ma con grande fatica riuscirono a trasformare la samba e il carnevale di Rio in veri e propri simboli del Brasile -, ma anche un punto di contatto tra le classi povere e la classe media della città, un modo per mantenere in vita una tradizione dei subalterni mentre la modernità e la crescita della città di Rio si intensificano.

“È molto comune nei i samba enredos (la musica delle scuole di samba, NdR), attenersi alla versione ufficiale dei personaggi e dei momenti che vogliono rappresentare, poiché solitamente è lo stato a sponsorizzare le parate. Tuttavia, anche le narrative che cercano di rendere giustizia alla lotta delle classi subalterne, fino a poco tempo fa segnate dall’emarginazione, specialmente quella della popolazione nera contro l’oppressione schiavista, hanno un impatto sul genere”, aggiunge Borges.

La scuola Mangueira ha sfilato nelle prime ore del 4 marzo al Marquês de Sapucaí, a Rio de Janeiro, comunicando al mondo il messaggio di Marielle, Mahíns e di altri guerrieri della libertà e della giustizia.

Perchè la bandiera brasiliana riporta due parole “Ordine e progresso”. Ma quella terra tormentata non li ha mai realmente visti.

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.