Sei depresso? Forse è anche colpa dei cartoni anni 80: ecco i più tristi

Cosa ne pensi?

Belle e Sébastien: un’amicizia sconfinata tra un bambino e un San Bernardo. Il piccolo protagonista, Sebastien, non ha la madre e inizialmente vive in un villaggio nei Pirenei con suo nonno e sua zia. Poi parte da solo all’avventura.

Hello SpankHello Spank: protagonista anche qui un bambino e un cane. Aiko Morimura (per noi Aika nella versione italian) perde il padre in mare durante una bufera con il suo yacht. Poco dopo la tragedia Aika perde anche la  sua cagnetta Papy in un incidente stradale. Forse porta jella. In compenso, conosce Spank, il piccolo cucciolo tenerone di cane bianco,  con le orecchie nere il cui padrone sparì in mare proprio come suo padre. Come direbbero i Tiromancino: due destini sfigati che si uniscono…

l'uomo tigreL’Uomo Tigre: il mitico cartone animato, il cui protagonista Naoto Date, è un giovane orfano. Ambientato dopo la seconda guerra mondiale. Naoto durante una visita allo zoo organizzata dall’orfanotrofio, riesce a scappare. Scappa per poter inseguire il suo sogno: diventare forte “come una tigre” ed avere la forza un giorno, da grande, di combattere  tutte le ingiustizie causate dalla sua condizione sociale. Lui difenderà i poveri e i deboli per riscattare il dolore e lo strazio della sua infanzia.

Come fatto per le femmine, anche per i maschi aggiungo io un cartone alla lista dei cartoni anni 80

Ken il guerriero: anni 2000. La guerra nucleare ha sconvolto il Mondo e i pochi sopravvissuti si fanno la guerra per andare avanti. In questo quadro post-apocalittico si ambientano le vicende di Kenshiro, adottato da una famiglia appartenente alla mitica scuola di Okuto. Si alimentava nei bambini dell’epoca non poca ansia per un futuro catastrofico alle porte non troppo irreale…

le nuove avventure di pinocchioLe nuove avventure di Pinocchio: la storia è quella classica del romanzo di Collodi, che narra del burattino di legno reso vivo da una fatina benevola per la gioia del suo “costruttore”. L’eroe principale è un ingenuo e molto fiducioso giocattolo/pupazzo di legno animato dalla magia della Fata: egli ha molte carenze e lacune da dover superare e vincere, prima che gli possa venir permesso di diventar un uomo vero. Se la serie tv con Manfredi, la Lollobrigida e Franco e Ciccio vi ha messo malinconia, allora non conoscete questa versione fantozziana di Pinocchio.

SONDAGGIO

Precedente Valle dei Templi usata per matrimoni: l’ultima umiliazione alla cultura viene dai Cinquestelle Successivo Cinghiali sempre più in città: perchè e cosa fare se ne incrociamo uno

2 commenti su “Sei depresso? Forse è anche colpa dei cartoni anni 80: ecco i più tristi

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.