Gli operai votano M5S, gli imprenditori il Pd: ecco a sorpresa come votano tutte le categorie sociali

C’era una volta la chiara e radicata scelta degli elettori italiani in base alle categorie sociali di appartenenza. Democrazia cristiana, Partito comunista, Partito socialista, Movimento sociale, Partito liberale, Partito radicale. Certo, c’erano anche delle eccezioni, qualche sfumatura. Ma grosso modo c’era maggiore fidelizzazione tra classi sociali e partiti politici. Oggi no. La gente vota in base a come si sveglia la mattina delle elezioni o in base all’ultimo trascorso della propria vita.

Del resto, con la precarizzazione del Mondo del lavoro, l’incertezza economica che attanaglia tutti e la sparizione di certe categorie, anche il voto è qualcosa di difficile da definire e prevedere. Ci ha provato l’Ipsos, autorevole società di ricerche di mercato. E non mancano sorprese, a conferma di questo trend.

Pd perde elettorato di sinistra, acquisito da M5S. Quasi sparita la destra

m5s pdCome riporta Il Corriere della sera, l’ultimo sondaggio Ipsos ha elaborato le intenzioni di voto per professione, condizione lavorativa e settore. Il 31,6% di imprenditori, liberi professionisti e dirigenti sceglie il Partito democratico, il 28,2% il Movimento 5 Stelle, il 10% Forza Italia, il 9,9% la Lega Nord e il 6,8% Fratelli d’Italia (altre liste 13,5%).

La categoria di artigiani, commercianti e lavoratori autonomi punta al 39,3% sul Movimento 5 Stelle, al 19,4% sul Pd, al 17,7% sulla Lega, al 10% su Forza Italia e al 7,5% su FdI (altre liste 6,1%).

Anche nella categoria di insegnanti e impiegati il podio delle intenzioni di voto spetta ai 5 Stelle con il 34,1%, seguito dal Pd con il 30,1%, la Lega con il 10,4%, Forza Italia con il 10,2% e FdI con il 5,1% (altre liste 10,1%).

Il 39,1% degli operai ha dichiarato di avere intenzione di votare il Movimento 5 Stelle, che sorpassa così la Lega e il Partito democratico fermi nelle scelte di questa categoria, rispettivamente, al 20% e al 19,1%. Per Forza Italia il 12,1% e per FdI il 3,1% (altre liste 6,6%).

Anche la categoria dei senza lavoro e delle persone in cerca di prima occupazione dichiara di voler votare per il Movimento 5 Stelle al 39,5%, il Pd al 22,2%, FI al 15,5%, Lega al 10,8% e FdI al 2,9% (altre liste 9,1%).

Tra gli studenti, il 37,2% sceglierebbe i 5 Stelle, il 33,3 il Pd, il 6,3% Fratelli d’Italia, il 5,7% Forza Italia e il 5,1% la Lega (altre liste 12,4%).

Tra le casalinghe il podio della scelta spetta al Pd, con il 28,4%, seguono M5S con il 27,5%, FI con il 20,1%, la Lega con l’11,1% e FdI con il 3,3% (altre liste 9,6%).

Ultima categoria del sondaggio, i pensionati: il 42,4% di loro sceglie il Pd, il 21% i 5 Stelle, il 12,1% Forza Italia, l’11,1% la Lega e il 3,5% FdI (altre liste 9,9%).

Per chi votano disoccupati e lavoratori

Altri dati sono forniti dal sondaggio Ipsos differenziando la condizione lavorativa: tra chi lavora il 35,5% sceglie il M5S, il 25,6% il Pd, il 14,2% la Lega, il 10,6% FI e il 5,1% FdI (altre liste 9%). Tra chi non lavora, invece, la scelta ricade al 34,3% sul Pd, al 27,7% sul M5S, al 14,1% su FI, al 10,4% sulla Lega e al 3,5% su FdI (altre liste 10%).

Beppe Grillo paladino anti bufale: ma ecco tutte quelle che ha detto negli anni

Per chi votano dipendenti pubblici e privati

Ultima classificazione, quella per settore. Tra i dipendenti pubblici il 38,1% sceglie il M5S, il 28,6% il Pd, il 9,6 la Lega, l’8% Forza Italia e il 6,2% FdI (altre liste 9,5%). Tra i dipendenti privati il 34,5% sceglie i 5 Stelle, il 26% il Pd, il 15% la Lega, l’11,7% FI e il 4% FdI (altre liste 8,8%).

Insomma, il M5S ha acquisito quei voti che un tempo andavano a Pci e Psi. Mentre il Pd, che ne dovrebbe essere beneficiario, sta attraendo i voti che un tempo andavano ai partiti catto-conservatori. I partiti di centro-destra, invece, ormai raccolgono solo le briciole.

SONDAGGIO

Precedente Sociologia: definizione, origine e principali autori Successivo Nasce in Italia la Lista Trump: chi è il fondatore e qual è il programma

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.