Mille giorni di te e di Renzi

Cosa ne pensi?

Matteo Renzi ha personalizzato il Referendum costituzionale. E ora personalizza la sconfitta, rassegnando le dimissioni. In Italia non c’è stato alcun effetto sorpresa, alla Brexit o alla Trump. Il No dato nettamente favorito ai sondaggi ha di fatto vinto. Ma ciò che accomuna le tre votazioni è la volontà di un popolo stanco, affamato, che si ribella ai poteri forti e ai loro soprusi. La gente si è informata, eccome. Non ha votato No solo per un fatto di antipatia nei confronti del Premier. A poco più di mille giorni dal suo insediamento a Palazzo Chigi, arrivato per un mero regolamento dei conti interno al Pd e senza che qualcuno lo votasse, il renzismo è giunto al capolinea. Una vita stroncata fin troppo presto, almeno relativamente al ventennio del maestro Berlusconi. Peraltro tornato in auge per l’ennesima volta proprio a sostegno del No.

A Renzi non sono bastati alleati di centro-destra e prebende

http://2.bp.blogspot.com/-w6YuFu5FoZI/VQia2v1rlMI/AAAAAAAAE8A/loVb9dz4Uak/s1600/o-RENZI-LUPI-facebook.jpgAll’ex Sindaco di Firenze non sono bastate le alleanza con personaggi di centro-destra al fine di controbilanciare le mancanze alla sua sinistra (Sel e minoranza dem). I vari Alfano, Cicchitto, Verdini, Formigoni, Lupi, tanto per citare qualche nome. I quali in Parlamento possono portare qualche voto per approvare le leggi, ma smuovono pochi consensi nelle urne. E non sono neppure bastati i contratti rinnovati a metalmeccanici e statali qualche giorno prima del 4. A votare Sì è stato nettamente il Trentino (peraltro regione autonoma, che la riforma avrebbe favorito non poco), la sua Toscana e l’Emilia Romagna, ancora isola felice del Pd. Anche se molto meno rispetto al passato. E ora che succede? Vedremo. Probabilmente, Mattarella farà insediare un governo di “alto profilo”. O presunto tale. Intanto, quali sono le cose fatte da Renzi in mille giorni? E, le cose non fatte?

Cose fatte da Renzi in mille giorni

renzi referendum

Quali sono le cose fatte da Renzi in questi mille giorni di governo? A livello sociale sono arrivate delle leggi attese da anni. Il reato stradale, la riforma del Terzo settore, la legge a tutela delle persone autistiche, il “dopo di noi” a tutela dei disabili soli i cui genitori non ci sono più, il Canone viene pagato da tutti ed è stato pure ridotto. Non mi viene in mente altro. Quanto alle cose fatte da Renzi, ma senza i risultati pubblicizzati dal Premier, troviamo il Job Act; che ha portato al superamento dell’articolo 18 ma non ha ridotto la disoccupazione. La buona scuola ha portato soprattutto un caos e la deportazione degli insegnanti dal Sud al Nord.

Gli investimenti per l’edilizia scolastica sono stati molti meno rispetto a quelli promessi. In Europa non abbiamo avuto di certo più voce in capitolo rispetto a quando c’erano i vassalli della Merkel Monti e Letta. La soluzione immigrati non è stata risolta, appannaggio del business che c’è su di loro. I debiti della PA non sono stati azzerati come aveva promesso. La Rai non è stata de-politicizzata. Anzi. Non ha abolito la legge Cirielli, definita “ammazza processi”; tanto cara a quel centro-destra che gli ha fatto da stampella. Il Reddito minimo garantito l’hanno visto solo un milione di poveri estremi (su quattro più i tanti milioni sulla soglia della poverta), ma siamo lontani da quel provvedimento sistematico apprezzabile nei Paesi scandinavi.

Renzi si dimette, cosa succede ora? I cinque scenari probabili

Guardare avanti con coraggio

http://3.bp.blogspot.com/-rzI-c0KU-4A/Vp6yemsqTnI/AAAAAAAAG84/ucP2GQ7DIRQ/s1600/Renzi-Il-quarto-Stato-Copia-620x330.jpgGuardando le cose fatte da Renzi, il Sindaco di Firenze ha provato a dimostrare di fare in pochi anni quello che la politica italiana non ha fatto in trenta. Ma non per colpa del bicameralismo che lui voleva sopprimere. Che è solo parte del problema. Bensì, perché è troppo legata a interessi particolaristici. Ad uscirne male, però, è anche il Pd. Senza leadership ne unità. Chi prenderà in mano un partito che rischia di finire sotto il 20%? In generale, comunque, si avverte la necessità di eleggere persone nuove e non allineate. Senza votare influenzati dal fatto che lo Spread possa salire e l’Euro scendere. Riprendiamoci la democrazia.

Precedente Fanta inventata dai nazisti: la storia che pochi conoscono Successivo Dramma in Venezuela: donne costrette a vendere capelli per cibo, medicine e assorbenti

Lascia un commento

*