Crea sito

Creed, nato per combattere: trama e recensione sul nuovo film con Rocky Balboa

Ultimo aggiornamento

REGIA DI RYAN COOGLER, RACCONTA LA VITA DEL FIGLIO DI APOLLO, NATO DA UNA RELAZIONE EXTRACONIUGALE
Per i tanti nati tra gli anni ’70 e ’80 cresciuti col mito di Rocky Balboa, viene sempre da chiedersi che senso abbia fare un nuovo film avente come protagonista il campione della boxe originario di Philadelphia. Se lo sono chiesti già dieci anni fa, e figurarsi se non lo hanno fatto anche adesso. Eppure, alla fine, la curiosità c’è sempre. Un misto di nostalgia per tempi andati e passione per il cinema. E dopo averlo guardato con lo scetticismo dovuto, ti accorgi che in fondo il risultato finale è tutto sommato credibile.

TRAMA – Sì, certo. Creed è tecnicamente considerato uno “spin-off” della famosa saga. Ma per i fan si tratta sempre e comunque di Rocky VII. Perchè, sebbene sempre tecnicamente venga definito un “attore non protagonista”, Sylvester Stallone interpreta comunque Rocky e ha un ruolo tutt’altro che irrilevante. Poi ti accorgi che in sala ci sono tanti adolescenti. E allora ti rendi conto che il risultato finale non è solo credibile ai tuoi occhi di adulto, ma è anche riuscito.
Il protagonista, Adonis Creed, è figlio di Apollo. Ma nato da una relazione extraconiugale. Sebbene la moglie abbia deciso di prenderlo con sé sottraendolo dalla bruttura di un orfanotrofio, dato che Adonis non ha mai conosciuto il padre e ha perso la madre da piccolo. Nonostante sia un brillante impiegato, Adonis ha la passione della boxe nel sangue e combatte in Messico in incontri semi-clandestini. Ma vuole dedicarsi seriamente a questa professione, al punto da mettersi sulle tracce di Rocky, fino a convincerlo di allenarlo. Ma anche Stallone dovrà combattere un incontro, ben più gravoso.
RECENSIONE – Dopo un primo film quanto mai attuale dedicato a un giovane nero ucciso da un poliziotto senza una ragione, Ryan Coogler torna a parlare di neri e riscatto. Ma scomodando il mito di Rocky. Sebbene non manchino passaggi pomposi (comunque tipici della serie) e semplificati (Adonis in quattro e quattrotto si trasferisce, si fidanza e sfida il campione del mondo), il film è coinvolgente e gradevole. Ben abbina due generazioni diverse, molto più di quanto avevano fatto Rocky V e Rocky Balboa.
Un ottimo Stallone, dimesso, drammatico. Che ha finalmente smesso i panni ridicoli del vecchietto che gioca ancora con armi, muscoli o appunto guantoni. Dunque più vero. Che ha perso i suoi affetti più cari: la moglie già morta da tempo, il cognato Paulie morto qualche anno fa, un figlio che convive in Canada e che vede raramente. E dunque, anche la voglia di combattere e vivere. Così come credibile è la storia di Adonis, che rimette in luce anche il mito di Apollo, personaggio liquidato nel quarto capitolo sotto i colpi spietati di Ivan Drago.

Insomma, a chi si chiede: questo film ha senso? Si potrebbe tutto sommato rispondere di sì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.