Crea sito

Dalida, trent’anni fa moriva la Diva triste: la carriera e le canzoni più belle

Il prossimo 3 maggio ricorreranno trent’anni dalla morte della cantante e attrice franco-italiana Dalida. Al secolo Iolanda Cristina Gigliotti, suicidatasi nella sua villa a Montmatre, quartiere di Parigi, nel 1987. Complice una profonda depressione che la spinse al gesto estremo con un’overdose di barbiturici, a distanza di vent’anni da un primo tentativo di suicidio, un mese dopo la morte del cantante italiano Luigi Tenco. Tra i due pare ci fosse anche un rapporto sentimentale. Dalida ha venduto complessivamente 170 milioni di copie in tutto il Mondo e ancora oggi la sua discografia riscontra un buon mercato. Ebbe anche una discreta esperienza nel Cinema, lei che recitava con charme anche quando cantava con la sua splendida voce. Per una vita fatta di successi ma anche un malessere irrisolto, alimentato da amori infelici e spesso finiti tragicamente. Di seguito ripercorro la carriera di Dalida, mentre alla fine dell’articolo riporto i suoi brani a mio avviso più belli.

Le origini di Dalida e prime esperienze nel Cinema

dalida giovaneCome riporta Wikipedia, Dalida nacque a Choubrah (alle porte del Cairo) il 17 gennaio 1933 da genitori calabresi originari di Serrastretta, in provincia di Catanzaro, seconda di due fratelli: Orlando e Bruno. Il padre, Pietro, era primo violino all’Opera del Cairo. Si suicidò quando era ancora bambina, dopo un periodo di carcere durante il quale subì anche delle torture. Si sottopose a diverse operazioni chirurgiche per rimediare al suo strabismo. A diciassette anni vinse il concorso di bellezza Miss Ondine e, poi, Miss Egitto. Ebbe la sua prima esperienza nel Cinema nel 1954 con La regina delle piramidi, facendo la controfigura di Joan Collins. Nello stesso anno entrò a far parte del cast di altri due film: Le Masque de Toutankhamon e di Sigarah wa kas. Finite le riprese partì per Parigi per sfondare nel Cinema che conta. Nel 1956, ispirandosi al film del 1949 Sansone e Dalila, adottò il nome d’arte Dalila, che cambiò in seguito in Dalida su consiglio dello scrittore Albert Machard.

I primi successi musicali di Dalida negli anni ‘50

Lo stesso anno registrò il suo primo disco su vinile con Madona, versione francese di Barco negro di Amalia Rodrigues, cui seguì Bambino (traduzione della famosissima canzone napoletana Guaglione, portata al successo da Aurelio Fierro), che ebbe grande successo arrivando prima in Francia per 39 settimane nel 1957. Vincendo il suo primo disco d’oro. E ciò la lanciò definitivamente nel mondo della Musica, incidendo tanti brani di successo da lei reinterpretati in francese. Tra cui Dans le bleu du ciel bleu (Nel blu dipinto di blu di Modugno), che arrivò quinta nelle Fiandre, e Du moment qu’on s’aime (Piccolissima serenata di Teddy Reno) nona nelle Fiandre e Romantica (di Renato Rascel) decima nelle Fiandre nel 1960.

Gli anni ’60 di Dalida: tra conferme e primo tentato suicidio

dalida luigi tencoNel 1961 e nel 1962 vinse l’Oscar per la canzone. Nel 1964 fu la prima donna a vincere il disco di platino per aver venduto oltre 10 milioni di dischi; sempre nel 1964, seguì il Tour de France (vinto da Jacques Anquetil), cantando più di duemila canzoni lungo i 2900 km percorsi. Nel 1965 recitò in Ménage all’italiana (con Ugo Tognazzi, Paola Borboni), e incise La danse de Zorba (La danza di Zorba), su una base di sirtaki, Amore scusami, Cominciamo ad amarci e La vie en rose, cavallo di battaglia di Piaf, scomparsa due anni prima. Pubblicò anche il singolo Un grosso scandalo che sul lato B presenta una sua interpretazione di Il Silenzio brano portato al successo da Nini Rosso.

Partecipando a Scala Reale incontrò il cantautore genovese Luigi Tenco. Si narra che i due ebbero anche una relazione, oltre che un rapporto professionale. Con Tenco Dalida incise Bang Bang per poi partecipare a Sanremo con Ciao amore, ciao. Sebbene si narri che Tenco non ne fosse entusiasta. I due non arrivarono in finale e ciò colpì molto Tenco, al punto da spingerlo al suicidio. Anche se non mancano tesi sul fatto che Tenco fu in realtà ucciso (ne ho parlato approfonditamente qui). Dalida, dopo aver deposto, ritorna a Parigi. Tentando il primo suicidio il 26 febbraio, ma fu salvata dalla cameriera entrata nell’albergo.

Il ritorno dopo il tentato suicidio: gli straordinari successi verso la fine degli anni ‘60

Ritorna, dopo la convalescenza, alla fine del 1967 al Palmares, in Francia, e in Italia incide Mama e partecipa alla nuova Canzonissima (che si chiamerà Partitissima) con Alberto Lupo. Il quale arrivò primo in classifica. Partitissima (ex Canzonissima) la vince con la canzone Dan, dan, dan il 6 gennaio del 1968. Il 18 giugno le viene conferito il titolo di Commendatore delle Arti, delle Scienze e delle Lettere dal presidente francese Charles de Gaulle, e il 5 dicembre riceve, prima donna, la medaglia della Presidenza della Repubblica francese. Lo stesso anno partecipa al Cantagiro con Un po’ d’amore e si classifica al terzo posto. Partecipa poi alla Mostra di Musica leggera internazionale a Venezia. Andrà a Venezia anche nel ’69 con Oh Lady Mary e nel 1970 con Darla dirladada.

Negli stessi anni partecipa a tre edizioni di Canzonissima: nel ’69 con Oh Lady Mary e Nel 2023, nel 1970 con Darla dirladada e Non è più la mia canzone e, infine, nel 1971 con Mamy Blue e Ciao amore ciao. In televisione è spesso ospite d’onore nelle trasmissioni più importanti. Tante le canzoni di successo interpretate in quegli anni, scritte da cantautori italiani di successo: Paolo Conte (La speranza è una stanza, 1968), Herbert Pagani, Bruno Lauzi (Uomo di sabbia), Gino Paoli (Un uomo vivo, 1960), Umberto Bindi (Non mi dire chi sei, 1960), Piero Ciampi (La colpa è tua, 1970), Luigi Tenco (Vedrai Vedrai, 1979, Ciao amore ciao, 1967). Suoi successi, in hit parade: Gli zingari, Ascoltami, I ragazzi del Pireo, La danza di Zorba, Mama, L’ultimo valzer, Dan dan dan, Quelli erano giorni, Un po’ d’amore. Oh lady Mary e Darla dirladada sono stati buoni successi italiani. L’ultima presenza di Dalida nella hit risale a Diciotto anni nel 1974.

Continuarono poi le reinterpretazioni in francese di noti brani italiani: Lucio Dalla (Jésus Bambino, 1970), Ivano Fossati (Dédié à toi, 1980), Pino Donaggio (Comme symphonie, 1960), oltre ai già citati Paoli, Bindi, Tenco (Loin dans le temps, ovvero Lontano lontano, 1967). Soprattutto quelle di Mina: Tintarella di luna, in Francia con titolo Le petit clair de luna; Un anno d’amore in versione francese col titolo C’est irréparable; Parole parole con testo in francese, in coppia con l’amico Alain Delon, nel 1973.

Gli anni ’70 e ’80 di Dalida con brani più profondi

il venait d avoir 18 ans gigi l amoroso dalidaA cavallo tra gli anni ’60 e ’70, Dalida intraprese diversi viaggi in Nepal come percorso di ricerca interiore. La cantante e attrice, ormai diventata una Diva, non riusciva a trovare la pace interiore. Nel 1971 abbina le due arti, Musica e Cinema, in un recital all’Olympia di Parigi nel 1971, che segnerà il cambiamento della cantante che passa gradualmente a testi più profondi, maturi. Che bene rispecchiano il suo stato interiore. Vi farà ritorno nel 1974 e nel 1977. In quegli anni sarà ai vertici delle classifiche francesi con Darla dirladada, Il venait d’avoir 18 ans e Gigi l’amoroso. Inciderà anche Tornerai (in Francia J’attendrai, al primo posto in hit parade), Ciao come stai, Tua moglie e un LP Sempre più Dalida. Nel 1980 sarà anche negli Stati Uniti al Carnegie Hall. Sondaggi di quegli anni la danno tra i cantanti più amati dai francesi.

Nel 1984, per la televisione francese, con la regia di Jean Claude Averty registra un programma dal titolo Dalida idéale. Nel 1985 un nuovo LP, il penultimo, intitolato semplicemente Dali. Con Kalimba de Luna di Esposito del 1984 si rivede anche di più in Tv, anche dal nostro Maurizio Costanzo. Per l’estate di quell’anno arriva L’innamorata e Soleil, nuovo 45 giri. Inciderà Soleil anche in italiano (Mediterraneo) e sarà l’ultima incisione italiana con due relative apparizioni in televisione, di cui uno al Maurizio Costanzo Show.

Nel 1985 accetta l’invito di Patrick Sebatier per partecipare al Jeu de la verité (“Gioco della verità”), il programma più celebre del momento. È un programma in diretta e si risponde a domande dei telespettatori, sia sulla vita privata che sulle sue idee politiche (era amica del Presidente socialista François Mitterrand). Tra un successo e l’altro, nel 1986 torna in Egitto per recitare nel film Le sixième jour (Il sesto giorno, di Youssef Chahine) per la prima volta in un ruolo drammatico e come protagonista. Il film avrà la sua prima internazionale in un cinema a Choubra, il quartiere dove la cantante ha vissuto da bambina. Che sarà un trionfo. A Parigi viene accolto bene dalla critica ma non dal pubblico.

Partecipa alla crociata di molti Vip dell’epoca contro l’Aids. Virus diventato dilagante.

1987: l’isolamento e il suicidio di Dalida

Dal gennaio 1987 comincia a ritirarsi sempre più dalle scene e si isola nel privato. La sua ultima uscita ufficiale risale al 7 marzo 1987 per la serata dei César, gli Oscar del cinema francese. L’ultimo concerto ad Antalya, in Turchia, alla presenza del presidente della repubblica.
Il 2 maggio 1987, dopo aver chiamato il fratello-manager Bruno (più noto sotto il nome d’arte Orlando, in origine nome del fratello più grande), annunciandogli il rinvio di un previsto servizio fotografico a causa del freddo, e dopo aver detto alla cameriera che sarebbe andata a teatro, uscì con la vettura, fece il giro dell’isolato, imbucò una lettera per il fratello e si recò nella sua casa in rue d’Orchampt sulla Butte di Montmartre e ingerì dei barbiturici. Morì il 3 maggio. Accanto al corpo fu trovato un biglietto: Pardonnez-moi, la vie m’est insupportable (Perdonatemi, la vita mi è insopportabile).

Dalida è sepolta nel cimitero di Montmartre a Parigi; sulla sua tomba si trova una statua commemorativa che la mostra con gli occhi chiusi rivolti allo spettatore. Successivamente, lì sono stati sepolti anche il fratello maggiore Orlando, morto nel 1992, e la madre Giuseppina.

Quando mi sono recato a Parigi, nel settembre 2013, non ho potuto fare a meno di visitarla.

Gli amori tormentati di Dalida

La fragilità di Dalida è dovuta anche ai tanti amori tormentati e spesso finiti in tragedia. Nel 1961 Dalida sposò Lucien Morisse, direttore di Radio Europe 1, conosciuto qualche anno prima ai tempi di Bambino. Ma il matrimonio durò solo un mese, perché Dalida decise di divorziare dopo aver incontrato a Cannes Jean Sobieski, giovane pittore e attore alle prime armi, di cui si innamorò e con cui convisse a Neuilly per qualche mese (al quale dedicò una delle sue più celebri canzoni: Il venait d’avoi 18 ans). I due rimasero comunque in buoni rapporti e le nozze gli servirono per la naturalizzazione francese.

Altro amore tragico, ma questa volta finito in tragedia, fu quello con Tenco. La giuria di Sanremo eliminò la loro canzone e sconfortato Tenco decise di ritirarsi in albergo. Dalida, preoccupata, decise poco dopo di raggiungerlo, ma entrando nella stanza scoprì che si era suicidato. Tre anni dopo a suicidarsi sarà nel 1970 il suo primo marito e agente Lucien Morisse, sparandosi un colpo in testa, provocando nuovo dolore a Iolanda.

dalida et richard chanfrayTra un dolore e l’altro ha altre storie sentimentali non felici e tragiche. Tra il 1969 e il 1971 ha una relazione col filosofo Arnaud Desjardins, che viene poi chiusa perché lui è sposato. Nel 1972 incontra Richard Chanfray, con il quale inizia la relazione, seppur burrascosa a causa del carattere di lui, più lunga della sua vita, 9 anni. Durante i quali gli impose anche di incidere una canzone insieme, geloso del duetto con Delon. nel 1981 la relazione termina e nel 1983 Chanfray si suicida insieme alla sua nuova compagna. L’ultima relazione, iniziata nel 1985 con uno sfuggente medico di nome François Naudy e terminata col suicidio nel 1987, sarà ancora una delusione per Dalida.

Un mix di morti che si sommerà ad un’infanzia già non facile, che riaffiorerà nella sua mente quando tornerà nel Cairo per il film del 1986. Voci a lei vicine narrano che si era eccessivamente immedesimata nella protagonista Saddika. Troppe delusioni ed amarezze che i successi professionali non sono mai riusciti a sanare. Per una Diva che co un’altra grande cantante francese, Edith Piaf, sarà unita dal successo ma anche da un’atroce destino.

Film su Dalida

Da consigliare è Dalida, diretto da Lisa Azuelos, uscito in Francia a gennaio 2017. Interpreti Sveva Alviti (Dalida), devo dire molto brava, Riccardo Scamarcio (Orlando, il fratello della cantante) e Alessandro Borghi (Luigi Tenco). In Italia è stato trasmesso in TV su Rai 1 il 15 febbraio 2017 in prima visione assoluta.

Le canzoni più belle di Dalida

Ecco, a mio avviso, le cinque canzoni più belle di Dalida:

Avec Le Temps

Je suis malade

Il venait d’avoi 18 ans

Pour ne pas vivre seul

Mourir sur scene

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.