De Luca fa tremare il Pd: fonda un suo partito con personaggi di centro-destra

Dopo il 41% preso alle europee grazie a Renzi, il Pd da allora è diventato un tutti contro tutti. D’altronde, ogni cosa ha un suo prezzo. Anche il successo. E così sono nate correnti, malumori, fuoriusciti. Ma fin quando ad uscire dal Pd sono “personaggetti”, come li definirebbe proprio lui, del calibro di Civati e simili, ci si preoccupa poco. Se invece ad uscire è uno come Vincenzo De Luca, Ras di Salerno e attuale Governatore della Campania, allora c’è da preoccuparsi. De Luca non è mai stato un fan del Pd, tanto che a Salerno ha già in passato creato una sua lista e criticato gli ex Ds. Ma ora fa sul serio e vuole che il suo Campania libera – simbolo che ha incassato quasi il 5% di voti alle ultime regionali, a cui si sommerebbe l’altro 5% della lista che portava il suo nome – diventi un importante movimento campano. Coadiuvato da personaggi di centro-destra. Ecco il suo progetto e le parole al veleno contro Renzi e co.

Nasce ad Afragola Campania libera di Vincenzo De Luca: chi ne farà parte

de luca campania liberaCome riporta Il Giornale, Campania Libera ha mosso i primi passi il 16 gennaio ad Afragola, nel cuore della provincia napoletana, al teatro Gelsomino. Il presidente della Regione ha deciso di aprire il fuoco sul Pd nello stesso giorno e alla stessa ora in cui il partito riuniva a Napoli la direzione provinciale per analizzare il voto referendario. Un segnale inequivocabile da parte di De Luca: l’ex sindaco di Salerno vuole gettare le basi per un percorso politico autonomo. Chi saranno i compagni di viaggio? Una decina di consiglieri regionali, tutti di stretta fede deluchiana, ha sposato, per ora, il progetto di Campania Libera. Un ruolo di primo piano è stato affidato a Giovanni Palladino, ex montiano, eletto in Parlamento con Scelta civica. A Napoli c’è anche un ex berlusconiano come Gianni Lettieri: l’imprenditore napoletano dovrebbe essere il finanziatore dell’operazione politica.

Salerno-Reggio Calabria terminata: perché è la solita bufala

La prospettiva del movimento deluchiano è di creare una componente autonoma nel Pd ma di arrivare all’appuntamento delle Politiche con una propria identità. Una lista che raccolga tutte le esperienze civiche tra cui Ala di Denis Verdini. Renzi o non Renzi, De Luca sa bene di non aver lunga vita nel Pd: l’ultima spiaggia (magari per garantire una sedia in Parlamento al figlio Piero) è di riciclarsi in un listone di moderati.

Contro Renzi anche Bassolino

de-luca-bassolino-renziDa un Governatore, quello attuale come De Luca, a un ex Governatore: Antonio Bassolino. Il quale, da un paio di anni, è tornato in auge per dire la sua. In primis contro il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris; dimenticando però come lui ha governato città prima e regione poi. E ora anche contro Renzi. L’ex sindaco di Napoli dalla direzione Pd attacca: «Il 40% delle Europee ha dato alla testa a Renzi». Perché sono tutti contro Matteo? In Campania, a quanto pare, il segretario del Pd ha già scelto l’uomo cui affidare la rifondazione del partito: Ciro Buonajuto, sindaco di Ercolano. Fidatissimo di Maria Elena Boschi, è già pronto ad entrare nella nuova segreteria nazionale. Bonajuto è chiamato a una non facile impresa: rimettere in riga un partito ridotto ai minimi termini a Napoli e che ora deve pure fare i conti con l’uscita di De Luca.

Precedente Apple a Napoli, altro bluff di Renzi: paghiamo quasi tutto noi Successivo Tragedia Hotel Rigopiano, perfetta sintesi del nostro Paese

2 commenti su “De Luca fa tremare il Pd: fonda un suo partito con personaggi di centro-destra

  1. AvatarEnrico il said:

    Io penso che fanno tremare i polli. Comunque fa tremare la politica in generale. Patti e accodi alla cieca pur di sedersi al potere. Vergognoso dai…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.