Crisi Deutsche Bank, Isis in aiuto della banca?

Cosa ne pensi?

Il caso Deutsche Bank scuote l’Europa. Una delle banche più importanti del vecchio continente – e del paese che ne costituisce la locomotiva economica, la Germania – sta attraversando una fase molto delicata da quando ha incassato una multa salatissima di ben 14 miliardi di dollari (e non è la sola pendente) da parte del ministero di Giustizia degli Stati Uniti come conseguenza ai mutui-subprime del 2008. I vertici della banca, ma anche gli esponenti del governo Merkel in carica, non sono riusciti a ribassare le pretese americane. E così chiederanno un risarcimento agli ex vertici della banca. La conseguenza di questa mega-multa sta nel fatto che Deutsche Bank si è vista costretta ad accantonare in bilancio 5,5 miliardi di dollari per pagarla. Eppure, tale cifra potrebbe non essere sufficiente. Tra i possibili salvatori della banca tedesca, oltre che il denaro pubblico, vi sono anche i vertici del Dax, ovvero la grande industria tedesca, ma anche l’Isis. Già, anche il gruppo terroristico, può avere una voce in capitolo in questo senso.

Deutsche Bank salvata da amici Isis?

http://1.bp.blogspot.com/-MiJ2PVitwKM/VQMRleKsR9I/AAAAAAAAE34/TUV8CRkAtYQ/s1600/isis-tank.jpgCome riporta Libero, a scendere in campo per salvare dal disastro la Deutsche Bank sono gli arabi. Per la precisione la casa reale del Qatar attraverso il fondo sovrano Qatar Investment Authority. L’emiro Tamim bin Hamad Al Thani ha fatto sapere di essere disponibile a incrementare la propria partecipazione al capitale dall’attuale 10 per cento fino al 25. A riferirlo è stata l’agenzia Bloomberg citando fonti vicine al dossier. Secondo le stesse fonti alcuni emissari della casa regnante hanno già avuto incontri decisivi. Si tratta di Sheikh Hamad Bin Jassim Bin Jabr Al Thani, ex primo ministro dello Stato del Golfo e dello sceicco Hamad Bin Khalifa Al Thani. Quest’ultimo ben noto agli investitori occidentali per le operazioni condotte sul capitale di importanti società quotate nelle Borse europee.

Altro che Libia, l’Isis si annida nel cuore dell’Europa a 200 Km da noi

Il peso del Qatar in Deutsche Bank

Deutsche BankI fondi controllati dall’ex primo ministro del Qatar, hanno acquistato il 6,1% di Deutsche Bank a metà 2014 e hanno successivamente incrementato la quota poco sotto il 10%, opzioni incluse, a luglio di quest’anno. In questo modo sono riusciti finora ad evitare gli obblighi di trasparenza che scattano in Germania per gli azionisti che superino un decimo del capitale. Con lo scivolone seguito all’annuncio della maxi richiesta di risarcimento americana, gli azionisti qatarioti hanno accumulato una perdita teorica quantificata dal quotidiano Handelsblatt in oltre un miliardo di euro. Sul Qatar la business community tedesca e non solo, nutre più di una perplessità. A Doha si fanno risalire ingenti risorse fra quelle che gli Stati del Golfo pompano da anni nelle casse dell’Isis. Ma oltre all’imbarazzo per la contiguità con il califfato del terrore c’è una certa resistenza pure negli ambienti bancari a consegnare le chiavi del primo istituto tedesco agli arabi. Deutsche Bank è entrata in tutti i maggiori affari che hanno segnato la vita finanziaria negli ultimi decenni.

Precedente Altri scandali in casa Clinton: il figlio segreto di Bill, Hillary voleva uccidere Assange Successivo Canone Rai in bolletta, altro flop di Renzi: le cifre

Lascia un commento

*