DOPO FRANCIA E CINA, ANCHE LA GERMANIA FA RAZZIA DELLE AZIENDE ITALIANE: QUALI SONO PASSATE AI TEDESCHI

Cosa ne pensi?
SECONDO L’HUFFINGTON POST SONO 18 LE AZIENDE PASSATE AI TEDESCHI SOLO NEL 2014
Chiamiamola voglia di investire in Italia, incapacità degli imprenditori italiani o sciacallaggio che approfitta della crisi. Fatto sta che dal 2008 sono più di mille le aziende italiane di tutte le dimensioni finite in mano straniera. A fare la parte dello sciacallo più attivo è la Francia, le cui multinazionali hanno fatto incetta di aziende italiane, specie del settore alimentare (qui troverete una triste carrellata). Seguono i cinesi, che dopo essere entrati in punta di piedi nel nostro Paese aprendo fabbriche negli scantinati o girovagando con bancarelle mobili, adesso si stanno appropriando di interi quartieri, tra negozi vendi tutto e coiffeur a basso costo (e bassa qualità); ma soprattutto, stanno acquistando quote in vari settori: dall’energia alle banche passando per le automobili. Immancabilmente, sul podio non poteva non finirci il Paese più potente d’Europa: la Germania. La quale, come ha ricostruito l’Huffington Post, soltanto nel 2014 ha rilevato 18 imprese italiane.

GLI ACQUISTI TEUTONICI – Dalle motociclette Mv Augusta alla Ducati, dalla trevigiana Happy Fit alla bergamasca Clay Paky, dalla bolognese Egs, specializzata in protesi digitali e 3D per odontoiatria, aerospaziale e automotive alla milanese Ettore Cella, specializzata in termostati per l’industria chimica.
E lo fa in modo più silenzioso con strategie diverse dalle classiche acquisizioni crossborder francesi, cinesi o americane e puntando direttamente al cuore pregiato del made in Italy, la piccola media impresa con buoni prodotti e tecnologia inserita nelle filiere internazionali che la crisi rende sempre più esposta alle operazioni ostili.

(Fonte: Il Giornale)
Precedente SONO GIA’ 155 I PARLAMENTARI CHE HANNO CAMBIATO PARTITO, PER UN TOTALE DI 187 CAMBI Successivo ORRORE IN ECUADOR: NEL VILLAGGIO DI CHUNCHI BAMBINI SOLI SI SUICIDANO PERCHE’ I GENITORI LAVORANO LONTANO

0 thoughts on “DOPO FRANCIA E CINA, ANCHE LA GERMANIA FA RAZZIA DELLE AZIENDE ITALIANE: QUALI SONO PASSATE AI TEDESCHI

Lascia un commento

*