Elezioni 2018, 7 risultati clamorosi di cui non si parla

Tempo di lettura:   6 minuti

Le elezioni 2018 sono ormai alle spalle e ora si attende cosa accadrà visto che nessuno ha la maggioranza per governare. Ne ho parlato ampiamente qui. A quanto pare, comunque, nessuno vuole allearsi con nessuno. E difficilmente si vedrà una via di uscita. Certo, restare senza governo non è poi così un male. Almeno guardando quanto è successo in Spagna, Germania e Belgio. Che senza governo sono pure economicamente cresciuti, specie l’ultimo. Del resto, trattandosi di uno Stato federale, in Belgio sono abituati a fare a meno di uno stato centralista.

Ma a parte i risultati elettorali che ormai un po’ tutti conosciamo, ci sono altri 7 risultati curiosi e in contraddizione col resto del trend di cui non si parla. Eccoli di seguito.

Elezioni 2018, Gentiloni e Padoan eletti

gentiloni padoan

Come riporta RaiNews, i due simboli principali del Governo uscente, del partito che ha racimolato solo il 19% dei voti e quindi è stato sonoramente bocciato, sono stati entrambi rieletti. Parliamo del Premier uscente Paolo Gentiloni e del Ministro dell’economia Carlo Padoan. Gentiloni è risultato primo nel collegio uninominale di Roma Trionfale con il 42% che ha staccato il centrodestra al 30,8 e il M5s al 16,8%. Mentre il ministro dell’Economia Padoan, candidato del Pd alla Camera nel collegio uninominale di Siena (12), ha vinto col 36,17% dei voti davanti a Claudio Borghi, l’economista della Lega, fermo al 32,27% e Leonardo Franci, dei Cinquestelle con 22,39%.

Elezioni 2018, sconfitti Borghi e Bagnai economisti anti-euro

borghi bagnai lega

Malgrado l’ottimo risultato della Lega, i due simboli anti-euro delle camicie verdi Borghi e Bagnai, non ce l’hanno fatto. Come detto, Claudio Borghi ha perso proprio contro Padoan in quel di Siena. Quindi sconfitta doppiamente clamorosa, visto che è avvenuta contro il Ministro dell’economia uscente molto stimato nell’Ue e a Siena, dove si è consumato lo scandalo del Monte dei Paschi. L’altro economista no-euro Alberto Bagnai, ha perso nel collegio di Firenze proprio contro Matteo Renzi e pure pesantemente. Come riporta l’Ansa, Renzi ha preso il 44% mentre Bagnai solo il 25. Terza piazza per il candidato del Movimento 5 Stelle, Nicola Cecchi, al 19,22%.

Elezioni 2018, il voto estero premia Pd

Come riporta Huffington Post, secondo i dati del Viminale, il Partito democratico ha conseguito il 27%, seguito dalla coalizione di centrodestra con il 22,38% e dal Movimento 5 Stelle con il 17,89% dei voti.

Per quanto riguarda le quattro ripartizioni, il Pd è in testa in Europa e in Africa-Asia-Oceania-Antartide ma viene superato dal centrodestra in America Settentrionale e soprattutto in Sudamerica dove – sempre secondo i dati del Viminale – i dem arrivano terzi dopo Usei (Unione sudamericana emigrati italiani) e Maie in testa.

Un risultato clamoroso, considerando il fatto che chi si trova all’estero, quasi sempre è stato costretto a lasciare il proprio Paese per motivi economici e scarse opportunità. Quindi, in teoria, avrebbero dovuto votare il cambiamento e non chi lo ha governato negli ultimi 24 anni. Ma sul voto all’estero ci sono sospetti di brogli, come ha denunciato una puntata de Le Iene.

Elezioni 2018, altro che ritorno al Fascismo: i numeri ridicoli di Casapound e Forza Italia

casapound

Durante la campagna elettorale, Pd e Liberi uguali hanno più volte urlato ad un pericoloso ritorno del Fascismo. Orbene, Casapound e Forza Nuova (che si presentava con la lista “Italia agli italiani”, assieme a Fiamma Tricolore), i principali additati di fomentare un clima d’odio e di dover essere sciolti perché si rifanno al Partito fascista, hanno preso rispettivamente lo 0,9% e lo 0,37%. comunque, anche chi ha messo in giro certe voci ha preso numeri ridicoli, almeno relativamente a quanto si pronosticava: il Pd il 19% e Leu il 3%. Con la Boldrini, in testa alla cordata anti-fascista, che finirà lo stesso alla Camera per assurdi meccanismi della presente legge elettorale.

Elezioni 2018, la Iena Gianrusso perde contro +Europa

giarrusso le iene

Il vento in poppa per i Cinquestelle non fa bene a tutti. Dino Giarrusso, inviato de Le Iene, candidato alla Camera dal Movimento Cinque Stelle, non ce l’ha fatta. Come riporta Il Giornale, nel suo collegio al Gianicolo ha dovuto cedere il passo a Riccardo Magi, il candidato di +Europa. Il partito della Bonino che non ha neanche superato il 3 percento. Una sconfitta che di certo pesa su Giarrusso che ha lasciato momentaneamente le Iene per giocarsi la sua partita con i pentastellati. Ma ha riconosciuto la sconfitta con un post su Facebook e ha voluto ringraziare gli elettori. Una sconfitta che fa specie due volte, sia per il succitato vento in poppa del M5S, che proprio a Roma hanno peraltro eletto il proprio Sindaco, sia perché Le Iene è un programma d’inchiesta molto amato e seguito. La Iena Giarrusso ride dunque ben poco.

Elezioni 2018, Maria Elena Boschi vince coi voti del Svp

Ce l’ha fatta invece Maria Elena Boschi, a dispetto di 3 fattori contrari: la disfatta generale del Pd, la mancata promessa di ritirarsi dopo il flop del Referendum e lo scandalo di Banca Etruria che ha riguardato il padre. Come riporta Libero, la sottosegretaria ha raggranellato il 41,23% dei consensi, staccando Michaela Biancofiore, al 24,99%, e Filomena Nuzzo, la grillina al 20,55 per cento. Un trionfo? Non proprio. La parola alle cifre. Il 41,23% della Boschi è così composto: gran parte dei voti, il 24,79%, arriva da Südtiroler Volkspartei, un partito politico provinciale italiano che rappresenta, per statuto, gli interessi dei gruppi linguistici tedesco e ladino della provincia autonoma di Bolzano. Che c’entra la Boschi?! Solo il 12,93% dal Pd; il 2,47% da +Europa, dunque le briciole dagli altri partiti della coalizione. E il confronto con il voto del 2013 è assolutamente impietoso. All’epoca, a Bolzano, la coalizione di centrosinistra guidata da Pierluigi Bersani incassò il 58,9% e il 44,2% dei voti arrivarono dalla Svp; il Pd arrivò al 9,5% e Sinistra e Libertà al 5,2 per cento.

Insomma, l’effetto Boschi sta tutto nelle cifre: a livello di coalizione, nel 2018, ha fatto perdere più del 18% dei voti. Ma il dato più impressionante è quello relativo alla Svp, partito tradizionalmente votatissimo da Bolzano: in queste elezioni è crollato di 20 punti percentuali. Insomma, pur di salvare la Boschi, si son persi una marea di voti.

Elezioni 2018, non ce l’ha fatta il Capitano De Falco

de falco m5s

Il vento in poppa del Movimento cinque stelle non aiuta neanche Gregorio De Falco, l’ufficiale che gestì il naufragio della Costa Concordia nel gennaio 2012 con la proverbiale telefonata nella quale cazziava il poco zelante Comandante Schettino. Come riporta Libero, ha fallito nel collegio di Livorno: si è fermato al 27%, superato dall’esponente di centrodestra Roberto Berardi (33,21%) e da Silvia Velo (centrosinistra, 30,52%). La sua disfatta rappresenta anche una bocciatura per i Cinquestelle, che governano proprio la città di Livorno con il Sindaco Filippo Nogarin.

Elezioni 2018, primo senatore di colore…della Lega e ce l’ha pure con gli immigrati

iwobi lega

Chiudiamo in bellezza col paradosso dei paradossi. Quello di Toni Iwobi, di origini nigeriane, dal 1993 iscritto alla Lega (quando aveva ancora il Nord nel nome e nel cuore), folgorato dalle idee di Gianfranco Miglio. Residente a Bergamo ed eletto senatore per la circoscrizione Bergamo-Brescia. Dunque, il primo senatore della storia italiana è stato eletto nelle fila proprio della Lega. Ma non solo. In un manifesto elettorale che ha fatto presto il giro del web, è comparsa la scritta: “Stop invasione”. Tanto lui in Italia c’è già. Intanto Balotelli si è indignato, postando su Instagram una foto di Salvini con Iwobi e chiedendosi ironicamente se si fosse accordo che sia nero. Chiudendo con un secco “Che vergognoa!”. Il neosenatore leghista lo ha liquidato dicendo che egli è solo viziato. Ma forse è solo il pensiero di tante persone di colore.

Precedente Napoli-Formia, la tratta dei suicidi: i tanti casi di questi anni Successivo Luigi de Magistris, la speranza della sinistra di risollevarsi

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.