Crea sito

EMIGRAZIONE ITALIANA AUMENTATA DEL 30%, VIA SOPRATTUTTO I LOMBARDI CON GERMANIA META PREFERITA

QUESTI I dati diffusi dall’Aire, l’anagrafe degli italiani residenti all’estero. Sono più uomini che donne
Nel 2012 gli italiani scappati all’estero per cercar fortuna sono aumentati del 30% rispetto all’anno precedente: si è così passati dal 60.635 cittadini del 2011 ai 78.941 del 2012. L’Aire, che cura l’anagrafe degli italiani residenti all’estero, ha tracciato il profilo degli emigrati per genere, età, mete più scelte e regioni più soggette a spostamenti.

PIU’ UOMINI E GIOVANI –  Gli uomini erano il 56% contro il 44% di donne, e si conferma la preponderanza di giovani: gli emigrati della fascia di età 20-40 anni sono aumentati in un anno del 28,3%, alimentando quella che viene definita “la fuga dei talenti” che nel 2012 ha costituito il 44,8% del flusso totale di espatrio.
LE REGIONI DI ORIGINE – A livello generale, la Lombardia si rivela la regione che maggiormente alimenta l’emigrazione: ben 13.156 lombardi hanno trasferito la propria residenza all’estero nel 2012, davanti ai veneti (7456), ai siciliani (7003), ai piemontesi (6134), ai laziali (5952), ai campani (5240), agli emiliano-romagnoli (5030), ai calabresi (4813), ai pugliesi (3978) e ai toscani (3887).
I PAESI PIU’ SCELTI – Il 62,4% degli emigrati nel 2012 ha scelto l’Europa come Continente di destinazione, seguita dall’America Meridionale, l’America Settentrionale e Centrale e l’Asia-Africa-Oceania. Per Paesi, la Germania è la prima meta di destinazione (10.520 italiani l’hanno scelta), seguita da Svizzera (8906), Gran Bretagna (7520), Francia (7024), Argentina (6404), USA (5210), Brasile (4506), Spagna (3748), Belgio (2317) e Australia (1683).
IL TREND DAL 1990 – Sono 2.320.645 gli italiani complessivamente espatriati dal Paese a partire dal primo luglio 1990, quasi 600mila di questi appartenevano alla fascia 20-40 anni. Gli italiani complessivamente residenti all’estero al 31 dicembre 2012 ammontavano a 4.341.156, in crescita di 132.179 unità rispetto all’anno precedente.
E tutto lascia presagire che nell’anno in corso la fuga sarà ancora costante. L’estero si lascia preferire non solo dal punto di vista delle opportunità lavorative, ma anche per la maggiore vivibilità e una minore pressione fiscale e burocratica. Anche mettersi in proprio diventa così molto più facile e non un semplice sogno.
(Fonte: Repubblica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.