Eros anale è pericoloso? Ecco quali sono i rischi nel praticarlo

Cosa ne pensi?

Se un tempo era considerato un tabù, un “famolo strano”, oramai l’eros anale è una pratica diventata quasi ordinaria. Un tempo relegata solo a determinate tendenze sessuali. Se ne parla molto, anche su giornali conservatori e un tempo attenti ad evitare certi argomenti. Una ricerca pubblicata dal The Journal of Sexual Medicine afferma che il 40 per cento delle donne tra i 20 e i 40 anni d’età ha sperimentato questa pratica. Nel 1992 la percentuale era solo del 16 per cento. La domanda che si fanno però in tanti è se l’eros anale è pericoloso.

In tante infatti hanno ancora seri dubbi sull’eros anale, ritenendolo qualcosa che possa far male e che comporti problemi al lato B. Alessandro Cecchi Paone ritiene che faccia bene alle emorroidi, mentre l’attrice Gwyneth Paltrow ha scritto un vero e proprio vademecum sul proprio sito. Ci sono ancora alcuni elementi che frenano molte donne nel praticarlo con allegria e spensieratezza. Vediamo di seguito quali sono i rischi nel praticarlo e come provare piacere dall’eros anale.

Come non sentire dolore con l’eros anale

C’è, ad esempio, il luogo comune secondo cui il eros anale debba per forza fare male. Come riporta Libero, secondo la sessuologa Kat Van Kirk, questo è un falso mito:

“L’eros anale non deve far male. Solo che spesso è fatto in modo errato. Molte donne o trovano incredibilmente piacevole e alcune segnalano di avere anche orgasmi”.

Come non sentire dolore con l’eros anale? Per la sessuologa è semplice: fare piano data la delicatezza della zona in cui si penetra e usare lubrificanti per permettere una penetrazione più “scorrevole”.

Eros anale, i rischi legati a lesioni e malattie

eros analeAltri punti riguardano i danni fisici che l’eros anale potrebbe provocare. Si parla ad esempio di incontinenza o stipsi. Ma non ci sono dati empirici che dimostrano questi effetti collaterali. Per quanto riguarda le microlacerazioni nel retto, si tratta solo di lesioni molto piccole, quindi irrilevanti. Discorso diverso per quanto riguarda il rischio di incorrere in malattie. L’ano è, per forza di cose, un luogo pieno di batteri. Pertanto è consigliato utilizzare il preservativo. Il rischio più alto è però quello di contrarre l’Hiv. Non a caso, molto diffuso tra gli omosessuali.

Perchè l’eros orale provoca tumori alla gola

Insomma, con le giuste precauzioni e la giusta accortezza nei movimenti, l’eros anale diventa una cosa piacevole e non pericolosa.

Precedente G7 a Taormina: un ritrovo di nobili decaduti con locandina che offende italiani Successivo Positano, il Paradiso verticale

Lascia un commento

*