Crea sito

Esiste anche la fobia dei bottoni: la Kumpounophobia, in cosa consiste

Ultimo aggiornamento

Ebbene sì, esiste anche la fobia dei bottoni, chiamata con un nome impronunciabile: la Kumpounophobia. In effetti, gli esseri umani patiscono tantissime fobie. Alcune impensabili. Si pensi alla tripofobia, meglio conosciuta come “paura dei buchi”. È una fobia riconosciuta nel 2005.

La tripofobia è la paura o il senso di ansia immotivato suscitato dalla visione di materiali o di schemi a buchi, naturali o artificiali che siano. Le origini sembrano risiedere proprio nel web: nel 2003 iniziò a circolare una catena e-mail con la foto di un fiore che sbucava dal seno di una donna la quale sarebbe tornata dal Sud America con larve nel corpo.

Si pensi anche alla Coulrofobia, la fobia dei clown, della quale soffre anche il sottoscritto (ne ho parlato qui).

Ma torniamo alla fobia per i bottoni, nota come Kumpounophobia. Vediamo in cosa consiste e cosa si .

Fobia dei bottoni cos’è

bottoni fobia

Da dove viene questa fobia? Come riporta Super Eva, come per tutto ciò che riguarda l’irrazionalità della mente, è difficile stabilirlo: sappiamo che ci sono persone che odiano i bottoni perchè li ritengono sporchi, altri che invece non sopportano l’idea di toccarli per la loro consistenza, mentre c’è una buona fetta di fobici dei bottoni che teme di inalarli o inghiottirli per sbaglio.

La paura di ingoiare un piccolo bottone può provenire dall’infanzia o dal fatto di aver assistito ad un evento del genere e può estendersi anche ad altri piccoli oggetti rotondi.

La Koumpounophobia (la parola viene dal greco e si riferisce ai fagioli, che dagli antichi venivano usati al posto dei bottoni) si concentra in genere sui bottoni di plastica, mentre quelli in metallo (dei jeans per intenderci) sono tollerati meglio: stesso discorso per i bottoni squadrati, che colpiscono meno la fantasia dei fobici.

Fobia dei bottoni rischi

Chi soffre di questa particolare fobia ha ovviamente problemi nel vestirsi, perchè tutti i capi di abbigliamento con bottoni sono off limits: il rischio è quello di incorrere in vere e proprie crisi di panico e quindi addio camicie, benvenuti strap in velcro!

iPhone nato da fobia dei bottoni

Un Koumpounophonico famoso, che ha decisamente aguzzato l’ingegno per superare il problema, è stato Steve Jobs, il geniale inventore dell’iPhone: si dice che lui fosse così terrorizzato da estendere questa fobia anche ai pulsanti e a tutto quello che potesse ricordare il temuto oggettino. Per questo ha creato un telefono senza tastiera e senza bottoni!

In fondo, grazie a questa fobia è nato uno smartphone che ha rivoluzionato il settore.

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.