GEORGE CLOONEY HA FINALMENTE TROVATO LA SPOSA ADATTA PER LA CAMPAGNA ELETTORALE

Cosa ne pensi?
DOPO UNA LUNGA SERIE DI BREVI STORIE, HA SPOSATO COME NOTO l’avvocato attivista Amal Alamuddin. PER I MALIGNI E’ UN’OPERAZIONE IN VISTA DELLA CANDIDATURA A GOVERNATORE DELLA CALIFORNIA, MENTRE PER ALTRI UN MODO PER METTERE DEFINITIVAMENTE A TACERE LE VOCI SULLA SUA PRESUNTA OMOSESSUALITA’
e così, alla fine, anche l’affascinante attore e regista George Clooney ha (ri)fatto il grande passo, sposando l’affascinante e impegnata avvocatessa Amal Alamuddin. E ha scelto Venezia quale cornice del grande giorno tanto atteso, specie dalle riviste e dai siti gossippari. Cinquantatre anni lo scorso 6 maggio, Clooney è arrivato all’altare dopo aver inanellato una serie infinita di love story: dalla prima storica relazione con l’attrice Kelly Preston (attuale moglie di John Travolta), tra il 1989 e il 1993, al primo matrimonio con l’attrice Talia Balsam, figlia dell’attore Martin Balsam. E ancora, la modella britannica Lisa Snowdon, con cui è stato fidanzato per cinque anni, le altre modelle Celia Balitran, Sarah Larson, Karen Duffy e Lisa Snowdon. La showgirl italiana Elisabetta Canalis. E non si è fatto mancare neppure una wrestler: dall’ottobre 2011 al luglio 2013 è stato fidanzato con la bionda Stacy Keibler. Poi è arrivata Amal, pizzicata insieme al bel George nell’ottobre successivo. Ma i maligni già parlano di un matrimonio di interesse, architettato per la possibile futura carriera politica dell’attore-regista, visto che una moglie bella e in carriera al proprio fianco fa sempre molto effetto in campagna elettorale. Ma anche per mettere definitivamente a tacere le insistenti voci che lo vorrebbero gay. Cattiverie o verità?

CHI E’ AMAL ALAMUDDIN – Amal è nata 36 anni fa a Beirut, Libano. Ha studiato legge all’università di Oxford e poi alla New York University School of Law. Adesso, vive di base a Londra. E parla fluentemente francese, arabo e inglese.
È un avvocato specializzato in diritto internazionale e diritti umani. Ha rappresentato Julian Assange e Yulia Timoshenko, oltre ad essere stata consigliere dell’ex segretario Onu Kofi Annan. Inoltre, come il divo hollywoodiano, è un’attivista in campo umanitario.
Prima di eliminare il suo account twitter aveva oltre 2mila follower. Tra cui Ashton Kutcher e Julia Gillard, ex primo ministro australiano.
L’anno scorso un blog su Tumblr l’ha eletta «avvocato più sexy di Londra». Con la seguente motivazione: «Rappresenta il modello ideale, apparentemente non raggiungibile, di femminilità contemporanea: è di una bellezza mozzafiato e ha un incredibile successo».
IL FUTURO NELLA POLITICA? – Di fianco alle voci sulla sua presunta omosessualità, ci sono anche quelle che vorrebbero il divo di Hollywood pensare seriamente di candidarsi alla carica di Governatore della California per il Partito Democratico. Sulle orme del repubblicano Arnold Schwarzenegger, il bel George potrebbe appendere il ciak al chiodo e dedicarsi anima e corpo alla sua seconda grande passione, ovvero la politica.
Clooney, infatti, negli anni ha portato avanti diverse battaglie e missioni umanitarie: dall’impegno per risolvere il conflitto in Darfur nel 2006 alla nomina, nel 2008 a Messaggero di Pace delle Nazioni Unite, fino all’arresto nel 2012 in qualità di presidente di Unite to End Genocide durante le manifestazione davanti all’Ambasciata Sudanese a Washington D.C., per protestare contro il presidente sudanese Omar al-Bashir.
E poi ancora l’impegno contro Bush e per la fine della guerra in Iraq e le sue posizioni pacifiste sostenute a testa alta. A dare una spinta al Clooney politico sarebbe la futura moglie, donna in prima linea da sempre sul tema dei diritti civili. Pare che ai democratici l’idea di candidare il popolare attore alla carica di Governatore nel 2018 piaccia molto e Clooney sarebbe seriamente stuzzicato da questa nuova prospettiva.

E se, come fino ad ora avvenuto con tante pellicole di successo, il suo progetto funzionasse e avesse un buon riscontro pubblico chissà magari un giorno potrebbe arrivare fino alla Casa Bianca. Del resto Reagan docet. Ma potrebbe vedersela con un altro attore, Steven Seagal, il qualche la scorsa primavera ha manifestato l’intenzione di volersi candidare per i repubblicani sempre in California. 
Precedente EUROPARLAMENTARI ITALIANI TRA I PIU’ ASSENTEISTI, ALCUNI HANNO VOTATO SOLO 13 VOLTE SU 82 Successivo I MALATI DEL TELEFONO HANNO VINTO: POTRANNO USARLO ANCHE IN AEREO

0 thoughts on “GEORGE CLOONEY HA FINALMENTE TROVATO LA SPOSA ADATTA PER LA CAMPAGNA ELETTORALE

Lascia un commento

*