Huawei e blocco Android, quali sono i rischi per chi ha lo smartphone cinese

Cosa rischiano i possessori di smartphone Huawei con blocco del sistema operativo Android da parte di Google? Se lo chiedono milioni di possessori sparsi per il Mondo dei prodotti della multinazionale cinese. Diventata terza produttrice di smartphone al mondo, ma sempre più vicina ad Apple e Samsung. Andiamo per ordine.

La guerra commerciale tra Usa e Cina, combattuta a colpi di dazi voluti da Donald Trump al fine di contrastare la concorrenza sleale da parte del Paese asiatico, è ripresa. Dopo che sembrava volgere verso la fine. Una guerra che vede anche la stessa multinazionale americana Apple protagonista, dato che produce device sul territorio cinese per poi venderli sul mercato americano con gli stessi prezzi che avrebbero se li producesse in Madre Patria.

La prima ondata di dazi aveva portato ad un crollo delle borse e un rallentamento dell’economia americana, dato che coinvolgeva l’approvvigionamento di materie prime dalla Cina e quindi le aziende americane. Ma questa seconda ondata, annunciata da Trump qualche giorno fa, colpisce anche i consumatori finali. Infatti, riguarderanno beni di ampio consumo come borse, vestiti, decorazioni natalizie, sistemi di allarme antincendio. Inoltre, colpirà anche prodotti italiani importati negli States.

I dazi americani contro la Cina possono anche portare ad un fallimento delle trattative tra Usa e Corea del Nord. Visto il legame ideologico ed economico che c’è tra Pyongyang e Pechino.

Ma torniamo alla domanda di partenza. La guerra dei dazi, aggiunta all’accusa da parte della Casa Bianca di spionaggio rivolta contro la casa asiatica, ha portato Google a rivalersi contro Huawei. Sfruttando il fatto che la multinazionale cinese usi il sistema operativo Android (come noto prodotto da Big G).

Vediamo cosa rischia chi possiede smartphone del colosso .

Huawei e blocco Android: cosa rischiano utenti

Huawei Android blocco rischi

Come spiega Il Fatto quotidiano, gli smartphone già in commercio continueranno a funzionare regolarmente e che sarà garantita l’assistenza post vendita. Adesso ci si può chiedere che significato abbia l’annuncio di Google relativo alla sospensione di qualsiasi collaborazione con Huawei in relazione al trasferimento di prodotti hardware e software, esclusi “quelli coperti da licenza open source”.

Di significato ne ha molto, perché se da una parte l’azienda intende tutelare i clienti già acquisiti (e Google certo non può obiettare), dall’altra ci sono i prodotti non ancora venduti. Qui entra in gioco un dettaglio di primaria importanza, che rappresenta il nocciolo della questione: esistono due versioni di Android. Una è open source e l’altra è commerciale. Quest’ultima è venduta con una vera e propria licenza d’uso che, tra le varie condizioni, prevede l’accesso a servizi come il Play Store, YouTube, Gmail, eccetera.

La versione open source è priva di vincoli, ma comporta il fatto che sul dispositivo Android non saranno fruibili i servizi di Google.

Per i dispositivi futuri questo comporta un problema rilevante, perché significa che potrebbe sì esserci Android, ma nella versione priva di tutta la G-Suite e con un livello di aggiornamento inferiore rispetto alla versione commerciale (ad esempio, le patch di sicurezza arrivano con un po’ di ritardo).

Una limitazione non da poco, perché significherebbe dire addio al Play Store, a Gmail, a Google Maps, ai backup di WhatsApp su Drive. Il tutto potrebbe essere sostituito da servizi proprietari (che l’azienda ha già, ma non sono ancora pronti per l’Europa), ma è prevedibile che i consumatori saranno meno attratti dai prodotti Huawei. Lo scenario è ipotizzato dagli organismi di stampa specializzati, ma non ci sono conferme ufficiali che permettano di dare l’informazione per certa.

La domanda che regna sovrana in questo momento è: sarà davvero cosi?

Avere una risposta definitiva è indispensabile anche per capire se e come verrà portato avanti l’aggiornamento ad Android Q: nel caso in cui la situazione non dovesse risolversi, probabilmente sarà difficile vedere gli smartphone dell’azienda cinese attualmente in commercio ricevere le successive versioni del sistema operativo di Google.

Cosa succederà agli smartphone Huawei in futuro senza Android

chi è proprietario huawei

 

Prima di allarmarsi però è da annotare che al momento né Google né Huawei hanno chiarito la questione. Per capire che cosa potrebbe accadere quindi ci si può solo affidare alle ipotesi e a possibili (ma non certi) scenari.

Uno è che chi volesse acquistare uno smartphone Huawei in futuro si troverebbe nella stessa situazione degli utenti che acquistano smartphone cinesi ufficialmente non importati in Europa, tramite siti di ecommerce. In Cina i servizi Google non sono legali, quindi sono assenti dai dispositivi, per averli comunque bisogna seguire procedure complesse e rischiano di far decadere la garanzia.

Per farsi un’idea di massima della procedura che si dovrebbe eseguire, si può leggere questa guida scritta due anni orsono per chi voleva a tutti i costi uno smartphone Xiaomi, benché il marchio non fosse in vendita in Europa.

Per ovviare “solo” alla mancanza del Play Store, invece, bisognerebbe scaricare le app da negozi “alternativi”. L’effetto collaterale è che la sicurezza non è garantita, quindi gli utenti potrebbero essere esposti a rischi per la sicurezza. Peraltro sugli smartphone Android in genere la possibilità di scaricare app da “fonti sconosciute” è disattivata per default proprio per motivi di sicurezza. Si può attivare a mano, a proprio rischio e pericolo.

Altro scenario è che Huawei potrebbe tirare fuori dal cilindro un sistema operativo proprietario. Non dovrebbe farlo da zero, perché due mesi fa il CEO Richard Yu, in un’intervista al portale tedesco Welt, confermò l’esistenza di un sistema operativo proprietario, da utilizzare nel caso in cui l’azienda fosse stata nell’impossibilità a sfruttare Android.

Chissà che la situazione venutasi a creare possa far spingere ulteriormente il piede sull’acceleratore di questo progetto. A questo punto verrebbe da chiedersi se Huawei sia abbastanza potente da portare gli sviluppatori a supportare la propria piattaforma.

Blocco Android un clamoroso autogol

A prescindere dalle opzioni, molti esperti di mercato sono dell’opinione che uno scisma nell’ecosistema Android nel medio e lungo periodo potrebbe indebolire la piattaforma stessa, limitandone l’innovazione e offrendo ai consumatori un’esperienza compromessa. Se la situazione non dovesse sbloccarsi, l’azienda cinese potrebbe essere la prima a pagarne le conseguenze. Si ricorda, infatti, che quasi la metà dei 208 milioni di smartphone che Huawei ha venduto nel 2018 è stata consegnata fuori dalla Cina, e che l’Europa è il mercato estero più importante con una quota di mercato del 29% (dati IDC).

Secondo il South China Morning Post, infatti, tra gennaio e marzo 2019 in tutto il mondo sono stati “spediti” 59 milioni di smartphone Huawei, una quota che rappresenta un netto +50% rispetto al risultato ottenuto, anno su anno, nel primo trimestre del 2018.

Il dato dovrebbe essere più che sufficiente per aprire un netto divario tra l’azienda cinese e Apple considerando che, nel primo trimestre 2018, il produttore californiano aveva venduto circa 52 milioni di iPhone e che le previsioni per il Q1 2019 parlano di un netto ribasso.

Anche se siamo abituati a una rapida crescita dei telefoni Huawei in tutti i principali mercati, la crescita del primo trimestre rappresenta un dato oltre le nostre aspettative”, ha detto oggi Zaker Li, analista di IHS Markit.

Huawei supererà Apple quest’anno e si avvicinerà al leader del mercato Samsung entro la fine dell’anno.”

Del resto, il successo di Android è legato indissolubilmente alle vendite di Huawei.

Infatti, come riporta Cellulare Magazine, nel complesso, Huawei potrebbe addirittura arrivare a vendere in tutto il mondo tra i 250 e i 260 milioni di unità nel 2019. Un numero che, anche se non dovrebbe essere sufficiente a garantire il primato assoluto, assicurerebbe a Huawei un comodo secondo posto.

La crescita di Huawei nei volumi di smartphone venduti nel primo trimestre avrebbe contribuito in modo determinante al raggiungimento di ricavi complessivi per quasi 27 miliardi di dollari, con un incremento del 39% rispetto all’anno precedente. La società cinese ha registrato una crescita forte anche nelle divisioni carrier ed enterprise, dove per l’anno in corso sono attesi incrementi a doppia cifra percentuale.

Non solo Google, altre case americane boicottano Huawei

huawei come si pronuncia

Da annotare infatti che, oltre a Google, altri produttori statunitensi si stanno adeguando al provvedimento voluto dal presidente Trump contro Huawei: secondo la testata giornalistica Bloomberg anche Intel, Broadcom, Qualcomm, Xilinx e Infineon avrebbero sospeso i contratti di fornitura con Huawei.

L’agenzia di stampa Reuters riferisce un’analoga decisione da parte di Lumentum Holdings, importante fornitore della tecnologia Face ID di Apple, ad esempio.

Huawei dovrebbe avere a magazzino scorte di componenti hardware sufficienti per proseguire la produzione per altri tre mesi. Al momento però è difficile calcolare con esattezza l’impatto che avranno queste defezioni sulla produzione.

L’unica nota al riguardo, rilasciata sabato sera dal fondatore e amministratore delegato di Huawei Ren Zhengfei, è che la crescita di Huawei “potrebbe rallentare, ma solo leggermente” per via delle restrizioni statunitensi e che sarebbe “soddisfacente” anche se Qualcomm e altri fornitori americani non vendessero più i loro chip all’azienda.

Insomma, per chi ha già uno smartphone Huawei non dovrebbe cambiare nulla. Per quelli in procinto di uscire anche, visto che già montano il sistema operativo Android. Per i modelli a venire, Huawei potrebbe optare per un sistema operativo “fatto in casa”. Per ora solo in stato embrionale.

Ma un divorzio tra i due colossi, quello cinese e Google, finirebbe per danneggiare entrambi.

Precedente Leonardo non era un genio: l’accusa choc dell’Economist, i motivi Successivo Falcone, gli attacchi che ha subito da vivo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.