IL CASO VISCO

Qualche giorno fa la procura di Roma ha aperto un fascicolo riguardante possibili pressioni che l’attuale vice-Ministro all’Economia, Vincenzo Visco, un anno fa, a pochi giorni dall’insediamento del Governo di centro-sinistra, avrebbe fatto al comandante generale della Guardia di Finanza, Roberto Speciale, per rimuovere 4 ufficiali: il Comandante del Nucleo Regionale della GdF di Milano, il Comandante del Nucleo Regionale della Polizia Tributaria della GdF, il Comandante della Compagnia della GdF, il Comandante del Nucleo di Polizia Giudiziaria della GdF.

Questi ufficiali stavano indagando sulle poco chiare scalate all’Unipol, Antonveneta e Corriere della sera. Tuttavia la rimozione doveva avere una chiara motivazione e non essendoci, non se n’è fatto più nulla…


Questo caso mi ricorda i tanti insabbiamenti e depistaggi risalenti al periodo del terrorismo nero, ad opera delle varie procure, in favore di indagati fondamentali per i processi…O anche lo spostamento in altri casi, di importanti e capaci inquirenti…
Ora di cosa si tratta? Di un caso messo in piedi dal centro-destra a pochi giorni dalle elezioni amministrative che vedono impegnati ben 10 milioni di elettori? Oppure è il solito caso all’italiana di un tentativo di bloccaggio e arenamento di importanti inchieste in corso? Vedremo…Ma è doveroso anche ricordare che il caro Vice-Ministro Visco, fa parte della lista nera dei 25 parlamentari, su cui pende una condanna definitiva (nel caso di Visco per abuso edilizio) e che in una democrazia che si rispetti, dovrebbero essere ineleggibili e interdetti dai pubblici uffici…

Precedente DESTRE...? Successivo SARKOZY...C'EST PLUS FACILE!

5 commenti su “IL CASO VISCO

  1. L'italia (con la iminuscola) è il paese in cui si può essere condannati in via definitiva (cassazione) e far comunque parte di chi le leggi le fa… Visco è solo l'ultimo dei tanti che non dovrebbero neanche azzardarsi a entrare al "palazzo"…

  2. Se fossimo in un paese normale Visco dovrebbe dimettersi fino alla conclusione delle indagini. E se è vero che è gia stato condannato per altri reati le sue dimissioni dovrebbero essere a vita.Il suo gesto ripropone il classico vizietto all'italiana di favorire amici e alleati a scapito di trasparenza e merito…

  3. Beh ovviamente, il centro-destra ha trovato in qst caso un ottimo mezzo per cercare di inceppare tutto il procedimento legato alle elezioni ma alla fine Visco ha il dovere di spiegare i fatti e se è in possesso degli elementi per farlo, smentire le accuse.. Vedremo come andrà a finire…Ciao Lù..

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.