Insonnia, i cibi da evitare la sera

Tempo di lettura:   3 minuti

Insonnia è un disturbo del sonno che colpisce regolarmente milioni di persone in tutto il mondo. In breve, gli individui con insonnia trovano difficile addormentarsi o rimanere addormentati. Gli effetti possono essere devastanti. Insonnia causa comunemente sonnolenza diurna, letargia e una sensazione generale di malessere, sia mentalmente che fisicamente. Oscillazioni di umore, irritabilità e ansia sono sintomi associati comuni.

L’insonnia è stata anche associata ad un rischio più elevato di sviluppare malattie croniche. Secondo la National Sleep Foundation, il 30-40% degli adulti americani riferisce di aver avuto sintomi di insonnia negli ultimi 12 mesi e il 10-15% degli adulti dichiara di avere un’insonnia cronica. Ci sono molte possibili cause di insonnia. Uno stimato 30-40 per cento nella popolazione occidentale riferisce di aver sperimentato l’insonnia ogni anno.

Spesso, l’insonnia è dovuta a una causa secondaria, come malattia o stile di vita. Le cause di insonnia comprendono fattori psicologici, farmaci e livelli ormonali. I trattamenti per l’insonnia possono essere medici o comportamentali. Ma tra le cause dell’insonnia troviamo anche il tipo di alimentazione che ingeriamo.

Insonnia cause

Quali sono le cause dell’insonnia? Tra le principali cause troviamo le interruzioni del ritmo circadiano: jet lag, cambiamenti del turno di lavoro, altitudini elevate, rumore ambientale, caldo o freddo estremo. Problemi psicologici: disturbo bipolare, depressione, disturbi d’ansia o disturbi psicotici. Condizioni mediche: dolore cronico, sindrome da stanchezza cronica, cuore congestizio insufficienza, angina, malattia da reflusso acido (GERD), broncopneumopatia cronica ostruttiva, asma, apnea notturna, morbo di Parkinson e Alzheimer, ipertiroidismo, artrite, lesioni cerebrali, tumori, ictus.

Ormoni: estrogeni, cambiamenti ormonali durante le mestruazioni. Altri fattori: dormire accanto a un partner russare, parassiti, condizioni genetiche, mente iperattiva, gravidanza.

Ma come dicevamo, anche l’alimentazione può scatenare insonnia. Ecco quali sono i cibi da evitare soprattutto la sera, a poche ore dal recarsi a letto.

Insonnia quali cibi evitare

insonnia cibi da evitare

Quali cibi evitare contro insonnia? Come riporta Il Giornale, sono cinque le categorie di cibo da tenere a debita distanza, che possono corrompere il riposo e aumentare il peso corporeo, come ad esempio grassi, zuccheri, proteine animali, caffé e carboidrati, con un occhio in particolare per le porzioni.

Ecco gli alimenti da evitare la sera:

• Dolci: una presenza costante a cui si attinge per golosità e voglia di compensazione, ma i dolci sono molto difficili da digerire e il loro è un impatto pesante sul corpo, con picchi glicemici molto alti al risveglio;
• Caffé: eccittante naturale, può incidere sul riposo e sulla qualità del sonno notturno;
• Gelato: emblema dell’estate, il gelato trova spazio anche durante il resto dell’anno come compagno durante la visione di film e serie TV, ma è un cibo molto grasso che rende pesante la digestione;
• Torroncino: goloso, croccante e tipico del periodo delle feste, questa bontà scartabile è dannosa per il metabolismo, perché agevola picchi glicemici molto alti;
• Patatine: inutile negare la presenza delle patatine come snack goloso, ma l’ingestione continua non produce nutrimento adeguato, perché tende a gonfiare l’intestino con produzione di gas e alti livelli di zucchero.
• Pizza: tipica del made in Italy è amatissima da tutti, ma consumarla la sera appesantisce la digestione con un impatto molto negativo per la linea;
• Cioccolato: amato e spesso consigliato nella versione amara, il cioccolato purtoppo contiene caffeina con effetti negativi sul sonno. La versione al latte favorisce picchi glicemici che rendono fiacco il risveglio;
• Pane: farne a meno è quasi impossibile ma il pane è un carboidrato raffinato, che incide sul peso corporeo, meglio la versione integrale, tuttavia in piccole dosi;
• Cereali: preferite quelli integrali giusto per soddisfare la voglia, anche se i cereali è bene consumarli la mattina a colazione;
• Salse e paté: niente di più grasso e pesante delle salse da palmare, condimenti e patè, che possono disturbare il sonno;
• Alcolici: benché possano agevolare il sonno sono molto calorici, gravano sulla digestione e disidratano;
• Carne rossa: prodotto sconsigliato in generale, in particolare la sera, perché l’alimento di origine animale contiene alti livelli di acidità, che la rendono complessa da digerire, con relativo reflusso. Meglio proteine di tipo vegetale più digeribili e salutari;
• Sedano: nessuna controindicazione per il suo consumo, ma è un vegetale dall’effetto diuretico che potrebbe svegliare più volte durante il sonno.

Precedente Instagram, come vedere chi ha salvato nostre foto Successivo Nicola Zingaretti Segretario del Pd? Ecco perché è un pericolo per l’ambiente

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.