Perché Isis colpisce i concerti

Tempo di lettura:   3 minuti

Abbiamo imparato a comprendere in questi anni bui di terrorismo islamico, che siamo di fronte a un nuovo tipo di terrorismo: usa i Social e “lupi solitari”. Recluta emarginati, disagiati e influenzabili psicologicamente per renderli soldati di Allah. Tutti possono trasformarsi in terroristi: dallo studente al capo di famiglia, dal professionista alla casalinga, dal disoccupato al bambino. Mentre fino a qualche anno fa, le grandi organizzazioni terroristiche addestravano veri e propri soldati, provetti terroristi, pronti alla Guerra santa. Sono cambiate anche le armi: bombe costruite in casa, maceti, tir o auto di grossa cilindrata da scagliare sulla folla.

Ma a parte la tipologia di terroristi, il modo in cui sono reclutati e le armi che adoperano, a cambiare sono anche gli obiettivi dei terroristi. Spesso anche concerti. Dal Bataclan di Parigi in poi, 90 vittime, sono stati tanti gli attentati del genere: al nightclub Pulse di Orlando, al nightclub Reina di Istanbul. e all’Arena di Manchester dove 22 persone sono rimaste uccise e il bilancio dei feriti è ancora maggiore. Vittime giovani, se non anche bambini. Ma perché Isis colpisce i concerti?

Perché Isis colpisce i concerti

isis concertiCome riporta IlSole24Ore, la musica è un tema controverso nell’Islam. Le varie autorità religiose hanno opinioni diverse in materia e un’enorme divergenza di pareri mette in contrapposizione tra loro i numerosi rami sunniti e sciiti. I gruppi salafiti come lo Stato Islamico hanno l’approccio più dogmaticamente intollerante e reputano specificatamente proibito da Allah qualsiasi tipo di musica non vocale. Si presume che la difficoltà che l’Islam radicale ha nell’accettare la musica debba essere messa in correlazione con la vita terrena che esso promuove. Secondo un’autorità religiosa, la musica corrompe l’anima, mentre secondo altri istiga alla baldoria. Il comunicato di rivendicazione dell’attentato di Manchester da parte dell’Isis parla espressamente di uno “stadio svergognato”. Tuttavia, io credo che dietro questa proibizione vi sia una motivazione più profonda, qualcosa che lo Stato Islamico si prefigge di eliminare e che è parte integrante della musica stessa.

Islam promuove solo un certo tipo di musica

isis in siriaL’Isis, però, non è del tutto iconoclasta. La sua propaganda, infatti, fa un uso sapiente e artistico di immagini di combattenti caduti che risplendono di luce come se fossero in viaggio verso il paradiso, simili a dipinti di santi medievali. Non tutti i libri sono vietati: esiste una considerevole letteratura jihadista di testi approvati. Neanche la musica è del tutto proibita: come fa notare Abdel Bari Atwan nel suo rigoroso resoconto dell’ascesa dello Stato Islamico, “Digital Caliphate”, è consentito ascoltare un genere preciso di musica vocale, il “nasheed” appartenente alla devozione islamica. Alcuni filmati postati su internet mostrano i combattenti impegnati in una sorta di rap a cappella e in altri canti.

Isis teme la musica, perché può scuotere le coscienze, svegliarle dal torpore. Anche quella Pop apparentemente più superficiale, come può essere quella di Ariana Grande. Può far sentire uniti, fratelli, gioiosi in un momento di svago. Come appunto avviene in un concerto. Gli islamisti la vedono come un diavolo tentatore, istigatrice al peccato e da utilizzare solo per la propaganda jihadista. Non vogliono distrazioni, temono momenti di spensieratezza e ludici. Lo stare bene psicologicamente, l’amare, avere degli hobby, distrarrebbe dall’odio che loro vogliono infondere. Radicato in loro com’è da secoli di sbagli e abusi da parte di noi occidentali in quei luoghi. Noi abbiamo sconvolto le loro vite e ora loro stanno sconvolgendo le nostre.

Precedente Totti dice addio alla Roma, ma non chiamatelo campione Successivo Cosa significano le Emoji? Le 20 che usiamo in modo sbagliato

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.