Italiani, adolescenti rammolliti: colpa della poca Educazione fisica nelle scuole, i dati desolanti

Cosa ne pensi?

Se gli studenti delle elementari non giocano più, i nuovi docenti di educazione fisica che dovevano aiutarli a farlo restano sulla carta: i fondi promessi per assumerli non sono mai arrivati. E tanti, comunque, puntano il dito sulla qualità dei laureati prodotti dalle facoltà di Scienze Motorie.

ECCO COME LA CINA TORTURA I BAMBINI PER RENDERLI ATLETI VINCENTI DI DOMANI

«Nel vecchio Isef — continua Sergio Dugnani — si entrava per concorso in base alle capacità atletiche. E dopo tre anni di ginnastica artistica eri pronto a far fare capovolte e salti mortali a un bambino, anche perché sapevi eseguirle tu stesso. Oggi a Scienze Motorie si accede con una batteria di quiz. Ginnastica artistica è materia facoltativa. I nostri laureati potrebbero essere buoni ricercatori, non necessariamente buoni insegnanti. Tra pochi anni mancherà quella figura di docente «pratico» che all’estero producono i licei sportivi. Quelli veri».

Insomma, un quadro disarmante. Stiamo allevando nuove generazioni con fisici da anziani. Che da adulti avranno non pochi problemi di salute. Occorrerebbe fare un’ora di palestra al giorno nelle scuole.

Precedente Da Ikea ad Amazon passando per Google: le origini impensabili di 13 marchi importanti Successivo Ravello, la Parigi della costiera amalfitana

Lascia un commento

*