Jack Nicholson, la maschera di Hollywood compie 80 anni: tutti i principali ruoli interpretati

Cosa ne pensi?

Il suo volto sembra una maschera. Di quelle usate nel Cinema o nel Teatro per dare agli attori un volto quanto più verosimile rispetto al personaggio che devono interpretare. Ma Jack Nicholson quella maschera ce l’ha naturale, capace com’è di interpretare qualsivoglia ruolo: ora drammatico, ora comico, ora diabolico. Oggi Jack Nicholson compie 80 anni. Ottant’anni vissuti appieno, sopra le righe, facendo ciò che voleva, rimettendosi continuamente in gioco. Sia nella vita professionale che in quella privata. Avrebbe ancora voglia di innamorarsi e di recitare. Instancabile amante delle due passioni che lo hanno accompagnato tutta la vita: il Cinema e le donne. Ecco di seguito tutti i principali ruoli interpretati dal grande Jack Nicholson.

Gli esordi di Jack Nicholson

A ricostruire la sua lunga carriera è il Corriere della sera. Deciso a entrare nel mondo del cinema, il diciassettenne Nicholson, nato il 22 aprile 1937, lascia la nativa Neptune City per trasferirsi a Los Angeles, dove si divide tra il lavoro di fattorino nel reparto animazione della MGM e i corsi di arte drammatica. Nel magico mondo degli studios inizia a frequentare Dennis Hopper e incontra il regista Roger Corman, che lo fa debuttare nel teen drama «The Cry Baby Killer», del 1958.

A lanciare definitivamente la carriera di Nicholson è il film culto di Dennis Hopper, «Easy Rider», e il (seppur breve) ruolo dell’avvocato ubriacone George Hanson gli fa guadagnare la prima nomination all’Oscar. «L’ultima corvè» di Hal Ashby gli regala invece la terza candidatura all’Oscar, la quarta al Golden Globe, e gli fa vincere il prestigioso premio inglese Bafta e il Prix d’interprétation masculine a Cannes.

Le grandi interpretazioni degli anni ’70 di Jack Nicholson

Jack Nicholson mette insieme una serie di interpretazioni straordinarie una dietro l’altra. Con «Chinatown» incassa la quarta nomination agli Academy. Ma è con il ruolo di Randle Patrick McMurphy in «Qualcuno volò sul nido del cuculo» di Milos Forman, che Jack Nicholson corona una lunga catena di interpretazioni memorabili e incassa la prima statuetta come Miglior Attore, nel 1976. Con questa pellicola si aggiudicherà anche il David di Donatello. Con Maria Schneider sarà protagonista del film «Professione: reporter» di Michelangelo Antonioni, che di Nicholson dirà:  È così potente, ha una faccia magnifica, uno sguardo freddo, e insieme intenso».

The Shining jack nicholsonCon l’interpretazione dello psicopatico Jack Torrance nella pellicola «Shining» firmata da Stanley Kubrick, Nicholson non conquista nessun premio, ma il suo ghigno diabolico è entrato nella storia del cinema. Tra le sue interpretazioni cult non si può dimenticare il ruolo del passionale Frank Chambers ne «Il postino suona sempre due volte», in coppia con Jessica Lange.

Anni ’80, Jack Nicholson tra sentimentalismo e diabolicità

Nel 1984 con Shirley MacLaine e Debra Winger sul set della pellicola «Voglia di tenerezza». Nicholson con il ruolo dell’astronauta malinconico e donnaiolo Garrett, rifiutato, prima di lui, da Burton Reynolds, James Garner, Harrison Ford e Paul Newman, si aggiudica la seconda statuetta della carriera. Con la caricatura della mafia americana firmata da John Huston, «L’onore dei Prizzi», Jack Nicholson conquista un’altra nomination agli Oscar e un Golden Globe come miglior attore protagonista.

Nicholson recita al fianco della grande Meryl Streep in «Affari di cuore». I due lavoreranno ancora insieme nel film «Ironweed», set che molte voci raccontano bollente per la scintilla scoccata tra le due stelle di Hollywood. Nel 1987, Jack Nicholson è ingaggiato ancora una volta per un ruolo diabolico, e nella pellicola di George Miller, «Le streghe di Eastwick», è alle prese con le seducenti Cher, Susan Sarandon e Michelle Pfeiffer.

Joker jack nicholsonTra le sue interpretazioni rimane però memorabile il criminale Joker nel «Batman» firmato da Tim Burton. In un’intervista racconterà: «Fin da quando ero studente mi ero ripromesso di tentare l’esperimento di recitare con la maschera». Ma lui, come detto, ci era già nato con una maschera. Quando uscì The Dark Knight, criticò Christopher Nolan per non avergli chiesto consigli sul ruolo del Jocker, nonché l’interpretazione del compianto Heath Ledger. La quale in realtà fu superlativa.

Anni ’90: Jack Nicholson ruba la scena anche alle nuove Star di Hollywood

Con il solito smalto, nei panni del colonnello Nathan R. Jessep, ruba più volte la scena a Tom Cruise, protagonista del grande successo «Codice d’onore» di Rob Reiner. Nello stesso anno recita nel biopic «Hoffa-Santo o mafioso?» di Danny DeVito. Nicholson nel ruolo del sindacalista americano Jimmy Hoffa, divide la critica e guadagna una candidatura al Golden Globe come Miglior attore e una ai Razzie Awards come Peggior attore. Nel 1995 Sean Penn lo vuole per la sua seconda prova dietro la macchina da presa in «Tre giorni per la verità», e il film riunisce sul grande schermo Nicholson e l’ex compagna Anjelica Huston.

Precedente Francia al voto: chi sono i candidati e come cambierà il Paese Successivo Trump, dopo Nostradamus e Baba Vanga spunta terza profezia apocalittica su di lui: cosa dice

Lascia un commento

*