LA VERGOGNA DELLE ASSICURAZIONI AUTO, AUMENTATE DEL 245% IN 18 ANNI

SECONDO UNO STUDIO SI DIVOREREBBERO IL 6,5% DEGLI STIPENDI
In Italia le uniche liberalizzazioni che hanno realmente funzionato sono quelle relative al mercato della telefonia. Negli altri settori i benefici in favore dei consumatori sono stati minimi, e in alcuni casi non solo non ce ne sono stati, ma i cittadini sono stati perfino danneggiati. L’esempio lampante è quello delle Assicurazioni auto, le quali, da quando il mercato è stato aperto nel luglio 1994, sono aumentate mediamente del 245% e fino al 480% per le due ruote. A differenza degli altri Paesi dell’Ue dove non hanno mai superato la soglia dell’87%.

NEL ’94 PAGAVAMO IN MEDIA 700MILA LIRE (361 EURO) – Sono i calcoli di Adusbef -Federconsumatori che rimarcano come la spirale dei rialzi abbia fatto salire a 4,5 milioni il numero dei veicoli non assicurati. «In Italia – si legge in un rapporto delle due associazioni dei consumatori – la Rc Auto si mangia il 6,5% dello stipendio, il doppio della media Ocse e il triplo dell’Inghilterra».
«Prima della liberalizzazione tariffaria del 1994, sotto il regime dei prezzi amministrati, – sottolineano Elio Lannutti, presidente di Adusbef, e Rosario Trefiletti che guida la Federconsumatori-gli assicurati  pagavano in media 700.000 lire, il controvalore di 361 euro per assicurare un’auto di media cilindrata fino a 1.800 Cc. Dodici anni dopo, nel 2006, il costo medio della stessa polizza per un auto di fascia media, non contando le punte estreme come la Campania, è lievitato a 868 euro, con un rincaro del 140,5 per cento, per passare a 1.250 euro nel 2012, con un aumento a 889 euro secchi (+190%) stimati nel 2013.
L’idea del mercato che si mette in equilibrio da sé, come professava Jean-Baptiste Say, a inizio ‘800, è stata sconfessata meno di un secolo dopo da John Maynard Keynes, sostenitore di una maggiore incidenza dello Stato nell’economia. Figuriamoci poi se la liberalizzazione incontrollata, in un Paese truffaldino come l’Italia, avrebbe funzionato.

SONDAGGIO

Il risultato del sondaggio dimostra quanto le assicurazioni auto tendano a penalizzare le fasce d’età più basse e più alte. 
Precedente SEPINO, TRA SCAVI ARCHEOLOGICI E BORGO MEDIOEVALE Successivo LO SQUALLORE IN CUI VERSA LA REGGIA DI CASERTA

0 commenti su “LA VERGOGNA DELLE ASSICURAZIONI AUTO, AUMENTATE DEL 245% IN 18 ANNI

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.