Latte di soia, il falso mito: i tanti effetti collaterali

Il latte di soia fa bene? Il latte di soia fa male? Cos’è il latte di soia? Quali sono gli effetti collaterali del latte di soia? Molti sono convinti che consumare regolarmente questa bevanda sia un vero toccasana. In realtà, però, non mancano diversi effetti collaterali.

Ricco di proteine, a basso contenuto di calorie, carboidrati e grassi, privo di colesterolo, ricco di vitamine, facile da digerire, il latte di soia potrebbe essere davvero molto salutare se non fosse per il fatto che contiene una serie di sostanze che possono essere dannose per la salute, gli anti-nutrienti.

Premettiamo però che le informazioni riportate in questo articolo sono di carattere generale. Per tanto non devono essere utilizzate ai fini della formulazione di indagini cliniche, della determinazione di un trattamento o della sospensione di un farmaco. L’articolo ha scopo informativo, ma non intende sostituire il parere di un medico generico o specialista. L’uso delle informazioni fornite è da intendersi, unicamente, sotto la responsabilità, il controllo e la discrezione del lettore.

Latte di soia cos’è

latte di soia

Cos’è il latte di soia? Come riporta Wikipedia, il latte di soia o il latte di soia è una bevanda a base vegetale prodotta dall’ammollo e dalla macinazione dei semi di soia, facendo bollire la miscela e filtrando i restanti particolati. È un’emulsione stabile di olio, acqua e proteine. La sua forma originale è un sottoprodotto naturale della fabbricazione del tofu. Divenne una bevanda comune in Europa e nel Nord America nel 21 ° secolo, con lo sviluppo di tecniche di produzione che gli conferivano gusto e consistenza che assomigliavano più al latte da latte. Insieme a simili “latti” a base vegetale, come il latte di mandorle e di riso, il latte di soia può essere usato come sostituto del latte da parte di individui intolleranti al lattosio o vegani.

In Cina, il termine usuale doujiang (letteralmente “brodo di fagioli di soia”) viene utilizzato per la tradizionale bevanda acquosa e beany prodotta come sottoprodotto della produzione di tofu, mentre i prodotti acquistati in negozio sono progettati per imitare il sapore e la consistenza del latte è più spesso nota come dounai (“latte di soia”). In altri paesi, esistono talvolta impedimenti legali agli equivalenti del nome “latte di soia”. Ad esempio, nell’Unione europea, per “latte” si intende esclusivamente la normale secrezione mammaria ottenuta da una o più mungiture senza l’aggiunta o l’estrazione da esso “.

Spesso, solo il latte vaccino può essere chiamato “latte” sulla confezione, e qualsiasi altro latte deve indicare il nome del rispettivo animale: “latte di capra” o “latte di pecora”. In tali giurisdizioni, i produttori di latte vegetale tipicamente etichettano i loro prodotti come “bevanda di soia” o “bevanda di soia”.

Latte di storia storia

latte di soia fa male

La soia è originaria della Cina nord-orientale e sembra essere stata addomesticata intorno all’XI secolo aC, ma il suo utilizzo in zuppe e bevande è attestato solo in date molto più tarde. Il gruel di soia fu notato per la prima volta nel 3 ° secolo aC, soia “vino” nel 4 ° secolo, e un brodo di tofu (doufujiang) c. 1365 in mezzo al crollo del Mongol Yuan.

Come doujiang, questa bevanda rimane una comune forma acquosa di latte di soia in Cina, solitamente preparata con soia fresca. La sua popolarità aumentò durante la dinastia Qing, apparentemente a causa della scoperta che riscaldando delicatamente il doujiang per almeno 90 minuti idrolizzate il suo raffinosio e lo stachiosio, gli oligosaccaridi che possono causare flatulenza e dolore digestivo tra gli adulti intolleranti al lattosio. Nel diciottesimo secolo, era abbastanza popolare che i venditori ambulanti lo spacciavano per le strade; nel 19, era anche comune portare una tazza ai negozi di tofu per ottenere il doujiang caldo e fresco per la colazione. Era già spesso associato a youtiao, che è stato immerso in esso.

Il processo è stato industrializzato nell’antica Cina repubblicana. Nel 1929, due fabbriche di Shanghai vendevano più di 1000 bottiglie al giorno e un’altra a Pechino era quasi altrettanto produttiva. A seguito della rottura della seconda guerra mondiale e della guerra civile cinese, il latte di soia cominciò a essere commercializzato in stile analcolico a Hong Kong, Singapore e Giappone negli anni ’50. Il primo latte di latte e di mandorle non caseario fu creato nel Levante intorno al 13 ° secolo e si era diffuso in Inghilterra entro il 14. Il latte di soia è stato menzionato in varie lettere europee dalla Cina a partire dal XVII secolo. “Il latte di soia” è entrato nella lingua inglese (come “latte di soia”) in un rapporto dell’USDA del 1897.

Li Yuying fondò Caséo-Sojaïne, il primo latte da latte di soia, a Colombes, in Francia, nel 1910; ha ricevuto i primi brevetti britannico e americano per la produzione di latte di soia nel 1912 e nel 1913. [14] J.A. Chard ha iniziato la produzione di “Soy Lac” a New York, negli Stati Uniti, nel 1917. Harry W. Miller – un uomo d’affari americano costretto a trasferire la sua fabbrica da Shanghai a causa della Seconda Guerra Mondiale – fu costretto allo stesso modo dall’USDA e dall’industria casearia statunitense a usare il termine “Soya Lac” piuttosto che “latte di soia”. John Harvey Kellogg lavorava con quello che chiamò “latte di soia” nel suo Battle Creek Sanitarium dal 1930, ma fu similmente costretto a commercializzare la sua bevanda arricchita di acidofilo come “Soygal” quando iniziò la produzione commerciale nel 1942.

Una serie di 40 cause giudiziarie contro i Prodotti Ricchi tra il 1949 e il 1974 stabilirono finalmente che i “latti” non caseari e i prodotti caseari d’imitazione erano “un nuovo e distinto cibo”, piuttosto che abbattimenti inferiori e illegali. I ricercatori di Cornell hanno stabilito la responsabilità dell’enzima lipossigenasi per il sapore “beany” del latte di soia nel 1966; la stessa ricerca ha stabilito un processo per ridurla o eliminarla dai prodotti commerciali . Con i cartoni Tetra Pak che prolungano la sua durata, Vitasoy, con sede a Hong Kong, reintrodusse il latte di soia nel mercato statunitense nel 1980 e lo portò in altri 20 paesi nel giro di pochi anni.

Allo stesso modo, Alpro ha iniziato la produzione in Belgio nel 1980, diventando rapidamente il produttore leader in Europa. Nuove tecnologie e tecniche di produzione hanno iniziato a consentire bevande di soia con un gusto e una consistenza sensibilmente più latte alla metà degli anni ’80.

Latte di soia valori nutrizionali

soia controindicazioni

Una porzione (243 ml) di un generico marchio di latte di soia commerciale non zuccherato commerciale arricchito fornisce 80 calorie da 4 g di carboidrati (incluso 1 g di zucchero), 4 g di grassi e 7 g di proteine. Questo latte di soia trasformato contiene apprezzabili livelli di vitamina A, vitamine del gruppo B e vitamina D in un intervallo dal 10 al 45% del valore giornaliero, con calcio e magnesio anche in contenuto significativo. Ha un indice glicemico di 34 ± 4.

La qualità del sapore di latte di soia è diversa a seconda della cultivar di soia utilizzata nella sua produzione. Anche in Cina, le qualità sensoriali desiderabili sono la sensazione in bocca (liscia ma spessa), il colore (bianco sporco) e l’aspetto (cremoso) simile al latte. Questi tratti – insieme ad un piacevole aroma – sono positivamente correlati al contenuto di proteine di latte di soia, solidi solubili e olio. Negli Stati Uniti, i test suggeriscono che i consumatori preferiscono latte di soia viscosa con aromi dolci aromatici come la vaniglia e non amano attivamente i sapori “beany” o “brothy” che assomigliano al doujiang tradizionale.

Latte di soia effetti collaterali

bevande di soia

Quali sono gli effetti collaterali del latte di soia? Come riporta Non solo salute, il latte di soia contiene una serie di sostanze che possono essere dannose per la salute, gli anti-nutrienti.

Uno degli antinutrienti che contiene è un enzima inibitore della tripsina, una sostanza necessaria per una corretta digestione delle proteine. L’effetto inibitorio sull’assorbimento degli amminoacidi può compromettere la produzione di numerose sostanze e causare: emicrania, cefalea a grappolo, depressione, ansia, attacchi di panico e fibromialgia.

Ecco un elenco degli effetti collaterali del latte di soia:

1. Bere due bicchieri di latte di soia al giorno può alterare il ciclo mestruale delle donne.

2. Il latte di soia aumenta la necessità del corpo di vitamina B12 e vitamina D, di conseguenza può portare ad una carenza di queste vitamine.

3. La soia contiene degli estrogeni vegetali che possono portare alla sterilità e al cancro al seno nelle donne.

4. La soia e i suoi derivati, come il latte, contengono livelli elevati di acido fitico che inibiscono l’assorbimento di calcio, magnesio, rame, ferro e zinco.

5. Gli alimenti a base di soia come il latte, contengono alti livelli di alluminio tossici che incidono negativamente sul sistema nervoso e sui reni.

Precedente Asciughi le mani con gli asciugamani a getto d'aria? Ecco cosa rischi Successivo Oroscopo, cambia tutto: scoperto un tredicesimo segno, ecco il tuo nuovo segno zodiacale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.