Michele Emiliano si candida alla guida del Pd: ecco due video che raccolgono le sue tante promesse non mantenute

Cosa ne pensi?

Da giorni i Telegiornali ci propinano come prima notizia quella che riguarda la scissione del Pd. Che Renzi, nel tempo, avrebbe portato scompiglio e divisioni, lo avevo già previsto all’indomani di quel famoso 41% preso dal Partito democratico in occasione delle elezioni europee. Che legittimo l’allora Sindaco di Firenze come leader indiscusso del partito e come futuro Presidente del Consiglio. Ma quel risultato così ampio, che la sinistra Pd salutò con grande entusiasmo, era frutto di una virata a destra dello stesso. Il Pd aveva infatti ingoiato i voti di tutti i partiti di centro e di una parte di quelli di Forza Italia.

Delle beghe interne del Partito democratico, agli italiani ogni giorno alle prese con tasse, disoccupazione e spesa, comunque interessa ben poco. Se un candidato vince le elezioni a Segretario, ha il diritto-dovere di gestirlo come meglio crede. Mentre l’opposizione ha il diritto-dovere di fare proposte e una critica costruttiva. E’ la regola generale della democrazia. Non è che ogni qualvolta che si perda qualche elezione, si debba uscire da un’assise istituzionale o da un partito. Il partito è allo sbando e trascinato da correnti e controcorrenti. Comunque, tra i più ferventi oppositori di Renzi c’è Michele Emiliano. Ex, molto apprezzato, Sindaco di Bari e attuale Governatore della Puglia. Peccato però che Emiliano più di una volta abbia disatteso quello che prometteva. Come dimostrano questi due video seguenti.

Michele Emiliano: due video del M5S smascherano le sue promesse non mantenute

michele emilianoIl Movimento cinque stelle pugliese ha creato due video dal titolo inequivocabile “Michele Emiliano sparaballe più veloce del West”, nelle cui copertine appare disegnato stile Tex. I due video raccolgono tutte le promesse fatte da Michele Emiliano in questi anni, ma non mantenute. Lui si è già difeso dicendo che cambiare idea è da persone intelligenti e insinuando, forse ironicamente (o almeno lo spero per lui) che i Cinquestelle fanno ciò perché lo volevano come leader. Ma lui lì ci sarebbe durato pochissimo perché non tollera i padroni. Ad ogni modo, di seguito riporti i due video. Fatevi un’idea:

VENDOLA E EMILIANO SI OPPONGONO ALLA TAV IN VAL DI SUSA, MA LA VOGLIONO IN CASA PROPRIA

Precedente I Film dei fratelli Dardenne: dedicati agli ultimi del Belgio Successivo La rivoluzione russa compie un secolo: ma ecco perché il comunismo ha avuto meriti minimi

Lascia un commento

*