MILANO E’ IMPAZZITA, SI UCCIDE OGNI GIORNO

IL TREND ERA GIA’ IN AUMENTO NEL 2012, QUEST’ANNO NON SI CONTANO PIU’ LE VITTIME
Milano e provincia sembrano essere ritornate negli anni ’70, quando criminali alla Vallanzasca o le faide tra gli estremisti politici avevano trasformato il territorio meneghino in un palcoscenico da Romanzo criminale. Oggi si sta tornando a sparare come allora, forse peggio, e in modo più inquietante. Perché protagonisti degli omicidi non sono terroristi o criminali di professione, ma il più delle volte gente comune scombussolata da un licenziamento, da un divorzio, da un banale litigio, dalle difficoltà economiche quotidiane. Non mancano comunque omicidi dovuti a rapine. Un’escalation che ha spinto il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha parlare di uso dell’esercito; il quale però come noto non ha poteri amministrativi – non può arrestare per intenderci – dunque sarebbe solo una soluzione di facciata. In realtà, tra Milano e dintorni, l’anno scorso omicidi e rapine erano già in aumento.

I DATI NEGATIVI DEL 2012 – Se i reati denunciati in generale hanno fatto registrare un calo del 7% nel 2012 rispetto al 2011, in aumento sono stati invece gli omicidi e le rapine, con 31 vittime nel 2012 rispetto alle 29 del 2011. In particolare, dei 16 omicidi registrati quest’anno a Milano, 4 sono rimasti irrisolti.

E il numero delle rapine in abitazione (furti che degenerano in rapina, non quelle in grande stile messe a segno in passato da bande dell’Est europeo) che sono aumentate del 40%: 263 contro le 188 del 2011. Poco tranquillizzante anche il numero di quelle ai danni di esercizi commerciali (+ 23%) e quello dei furti, sia in abitazione (+1,5) sia quelli con strappo, ovvero gli scippi (+15%).
E così Milano si affianca a Napoli (per colpa della Camorra) e Roma (situazione grave tra il 2008 e il 2010) tra le metropoli italiane più violente.
Lucio Dalla descrisse bene la complessità di Milano in una omonima canzone:
Precedente RACCOLTA FONDI IN FAVORE DELLE OASI WWF Successivo DALLA GUERRA IN VIETNAM AGLI ELOGI AL NAZISMO, IL FALSO MITO DI JOHN KENNEDY

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.